Forlì: partito il processo per il "sondino mortale" alla residenza protetta

Forlì: partito il processo per il "sondino mortale" alla residenza protetta

Forlì: partito il processo per il "sondino mortale" alla residenza protetta

FORLI' - Con l'accusa di omicidio colposo è partito il processo a carico di una dottoressa e di una caposala del reparto lungodegenti della residenza sanitaria ‘Al Parco' di Forlì. Il caso, che fece scalpore nel febbraio del 2006, riguarda la morte di un 41enne, Gabriele Ronchi, a causa di un sondino malposizionato. Di fatto del liquido che sarebbe servito per l'alimentazione del paziente finì nel sistema respiratorio, "riempiendo" i polmoni dell'uomo.

 

Quando il personale sanitario si accorse di quanto stava succedendo era già troppo tardi: Ronchi morì al Pronto Soccorso del vicino ospedale Morgagni. Davanti al giudice Massimo De Paolo il pm Alessandro Mancini sciorinerà le accuse, che parlano di omicidio colposo. Lunedì è stato il giorno dei testimoni dell'accusa, mentre per la difesa non sarebbe responsabilità della residenza sanitaria quanto accadde.

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -