Forlì, per i dipendenti di Sapro parte la richiesta di cassa integrazione

Forlì, per i dipendenti di Sapro parte la richiesta di cassa integrazione

Forlì, per i dipendenti di Sapro parte la richiesta di cassa integrazione

FORLI' - Si è svolta venerdì in prefettura un incontro, richiesto dalle rappresentanze sindacali di categoria dei lavoratori della Società Sapro, per la quale è stata depositata lo scorso 6 dicembre sentenza di fallimento. All'esito dell'incontro, espressamente richiesto per garantire ai lavoratori sia di poter ricevere quanto prima le spettanze economiche arretrate, sia di accedere ai trattamenti in deroga consentiti dalle normative vigenti, nonché di avere prospettive future di reinserimento lavorativo.

 

All'incontro hanno preso parte, oltre alle organizzazioni sindacali, l'Amministrazione Provinciale, la Direzione Provinciale del Lavoro, il Curatore fallimentare, la liquidatrice della Società, nonché il Consulente del lavoro incaricato dalla procedura fallimentare . Le parti convenute hanno concordato sulle seguenti linee di azione da intraprendere a favore dei cinque dipendenti interessati, ovvero:

presentare richiesta di CIGS in deroga dal 6 dicembre 2010; assumere l'impegno da parte del curatore di procedere, non appena possibile in base alla liquidità acquisita, al pagamento, anche parziale, delle spettanze economiche dei dipendenti.

 

E ancora: assumere l'impegno, nei casi in cui la curatela necessiti di attività da parte dei lavoratori in CIGS, che gli stessi potranno temporaneamente rientrare al lavoro e tornare in seguito sospesi in CIGS; garantire, in caso di richiesta, la soluzione di eventuali problematiche riscontrate dai lavoratori per l'accesso alle anticipazioni da parte degli Istituti Bancari in applicazione dell'apposito Protocollo provinciale di sostegno al reddito; assumere l'impegno, da parte dell'Amministrazione Provinciale, di favorire la ricollocazione lavorativa dei dipendenti della Società in fallimento a partire dalla segnalazione alle Società partecipate dai soci di S.A.PRO stessa.

 

Nell'occasione sono stati anche sottoscritti, dalle parti rispettivamente coinvolte, sia un apposito verbale di esame congiunto per la richiesta di CIGS in deroga alla Regione Emilia-Romagna, sia la prevista comunicazione da consegnare ai dipendenti, circa i requisiti cui è subordinata la concessione degli ammortizzatori sociali in deroga.

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -