Forlì: picchia e violenta la convivente, arrestato 33enne

Forlì: picchia e violenta la convivente, arrestato 33enne

FORLI' - Ha picchiato e violentato la convivente al termine di una discussione scoppiata per futili motivi e dettata dai fumi dell'alcol. Un marocchino di 33 anni, B.R., già conosciuto alle forze dell'ordine, è stato arrestato sabato sera dagli agenti della Squadra Mobile di Forlì con le accuse di violenza sessuale, sequestro di persone e lesioni aggravate. Vittima dei soprusi, una connazionale di 23 anni, sulla quale sono ben visibili i segni dell'aggressione subita.

 

Tutto è cominciato venerdì sera. Una lite domestica degenerata a quanto pare per motivi di gelosia e amplificata dall'alcol che il 33enne aveva ingerito in grandi quantità. L'uomo ha negato ogni via d'uscita alla giovane fidanzata, picchiandola, strappandole i capelli e ferendola con un coltellino da cucina nelle mani ed altre parti del corpo. Quindi l'ha violentata. Le percosse sono continuate fino alla successiva mattinata, quando la 23enne è riuscita ad uscire di casa e a barricarsi in un bar da dove è stato chiesto l'intervento del 118.

 

La ragazza è stata trasportata in ambulanza al Pronto Soccorso dell'ospedale "Morgagni-Pierantoni" di Forlì dove è stata sottoposta alle cure dei medici. La giovane, che ha raccontato tutti ai sanitari, è stata poco dopo raggiunta dal convivente che si è finto suo cugino. Ma nel frattempo il personale del 118 aveva già richiesto l'intervento del 113.

 

Sabato sera l'epilogo della vicenda con l'arresto del 33enne. Martedì mattina il bruto è stato interrogato dal gip del Tribunale di Forlì per la convalida dell'arresto. La ragazza, invece, è stata dimessa domenica dopo una notte trascorsa in osservazione. Sul suo corpo sono ancora visibili i segni della colluttazione.

 

Giovanni Petrillo

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -