Forlì, Pirini (Destinazione): "La raccolta multimateriale è un bluff"

Forlì, Pirini (Destinazione): "La raccolta multimateriale è un bluff"

FORLI' - Ha suscitato scalpore il video riportato in consiglio comunale a Bertinoro, dove si vedono operatori ecologici che vuotano contenitori differenti nello stesso camion. Bene ha fatto il Sindaco Zaccarelli a minacciare l'inadempienza contrattuale da parte di Hera e a portare la questione in procura. Per quanto ci riguarda non possiamo che apprezzare questa scelta. Potrebbe anche essere come afferma Hera, cioè che il materiale conferito nel cassonetto indifferenziato fosse in realtà materiale differenziato sistemato in quel cassonetto solo perché l'altro era pieno.

 

Dobbiamo però anche cercare di capire di cosa si parla: i contenitori che venivano vuotati nello stesso mezzo sono stradali: uno per il rifiuto indifferenziato, l'altro per quello "differenziato multimateriale", vocabolo che scomparirà con la raccolta Porta Porta. Cos'è la "raccolta differenziata multimateriale"? E' un fantasioso sistema utilizzato da Hera per far passare per differenziato ciò che differenziato non è e che le permette di aggirare i regolamenti alla faccia dell'interesse pubblico.

 

L'allora Assessore Capacci scriveva nel 2008: "Si riferisce che detto materiale ai sensi del DGR n. 1620/01 della nostra Regione, sia in toto ascrivibile alla Raccolta Differenziata, non metto qui in

discussione la correttezza della procedura seguita, ma ciò non significa che sia una buona prassi, tutt'altro sembra più un alchimia contabile". Nel contenitore stradale "classico" dal coperchio grigio i rifiuti vengono gettati indiscriminatamente. Nel contenitore dal grazioso coperchio rosa avviene esattamente la stessa cosa. La differenza sta nell'utilizzo delle parole: nel bidone grigio stanno i rifiuti mescolati, in quello rosa i rifiuti differenziati mescolati.

 

Giocare con le parole è il primo stratagemma per ingannare la gente: Differenziare in italiano significa distinguere, separare. In questo caso invece nulla viene separato, perciò nulla viene differenziato. Basta conoscere un minimo la lingua italiana per capire che questo sistema fa comodo solamente ad Hera. Basta conoscere un minimo la matematica per sapere che due più due non

fa cinque e che chi lo sostiene ci sta prendendo in giro. Fortunatamente avremo a che fare con trucchi del genere ancora per poco. Con la raccolta differenziata porta a porta, in fase di avvio

nel Comune di Bertinoro e presto anche a Forlì, applicare stratagemmi come questo diventerà impossibile.

 

Da storie come quella raccontata nel filmato emerge l'interesse nel non differenziare per poter bruciare di più. Con l'avvio della raccolta domiciliare sarà indispensabile che le Amministrazioni e le Associazioni abbiano la possibilità di vigilare su ciò che viene fatto all'interno degli impianti di smaltimento e di separazione, in qualsiasi momento e senza preavviso. In fondo chiediamo solamente trasparenza, termine che Hera dovrebbe imparare ad applicare.

 

Raffaella Pirini

DestinAzione Forlì

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -