Forlì, polemica sulla scuola. Bartolini (PdL): "Il Pd fa retromarcia"

Forlì, polemica sulla scuola. Bartolini (PdL): "Il Pd fa retromarcia"

FORLI' - In risposta alla replica del segretario provinciale del Pd Marco di Maio sulle rassicurazioni avanzate da Luca Bartolini, il Consigliere Regionale rilancia e replica ulteriormente: "Appare evidente la palese marcia indietro del PD che, ammettendo implicitamente che nessuna scuola forlivese chiuderà a causa dei tagli del personale scolastico, smentisce di fatto l'allarmismo inizialmente avanzato che aveva creato particolare apprensione tra i cittadini dei comuni montani interessati".

 

E ancora. "Un atteggiamento degno delle migliori interviste alla Marzullo: si fanno le domande e si danno le risposte. C'è però una differenza: nel frattempo, in un batter di ciglio e messi dinanzi alla realtà dei fatti, i compagni riescono anche a smentirsi autonomamente. Chapeau", dice Bartolini.

 

"Senza dimenticare - ha subito aggiunto bartolini  - che non è assolutamente vero che solo grazie ai Comuni si è garantita la continuità del servizio scolastico anche perchè, se dovessimo dar credito alle solite dichiarazioni disfattiste e allarmistiche del PD, considerati i presunti tagli del Governo Berlusconi, i Comuni   non dovrebbero essere nemmeno in grado di acquistare le penne. Purtroppo per la sinistra, sempre pronta a stracciarsi le vesti, si tratta di pura fantasia.".

Commenti (1)

  • Avatar anonimo di fabrizio bazzocchi
    fabrizio bazzocchi

    Purtroppo i tagli della cricca dei berluscones non sono fantasia della solita sinistra disfattista, ma tragica realtà. "Macelleria sociale" vengono così definiti dal governatore della Banca d'Italia Draghi, noto bolscevico. Dovranno essere taglaiti serviz essenzili. La realtà è che ci hanno raccontato una favola per due anni ed adesso ci svegliamo in un incubo, economia ferma, 700000 posti di lavoro persi nel 2009 già 310000 nel 2010, e bisognerà pure fare sacrifici durissimi per almeno quattro anni. Negli ultimi 10 anni hanno governato per 8 com maggioranze parlementari imbarrazzanti, ma la colpa è ovviaemnte del governo di mortadella perche è entrato nell'euro, dicevano anche. E bartolini che si fa fotografare mentre strappa le bollette di Hera, meglio quando non c'era Hera, ministri che si trovano le case pagate a loro insaputa, ecc.. Ma fin dove bisognerà sprofondare per ritornare a sperare di non essere rappresentati da sti professionisti della propaganda?

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -