Forlì, prete ricattato. A San Mercuriale la prima messa avvolta nella tristezza

Forlì, prete ricattato. A San Mercuriale la prima messa avvolta nella tristezza

Forlì, prete ricattato. A San Mercuriale la prima messa avvolta nella tristezza

FORLI' - La sospensione "a divinis" di monsignor Franco Zaghini non blocca l'attività della chiesa più antica e importante di Forlì, l'abbazia di San Mercuriale. Mercoledì, alle 8 si è tenuta la consueta messa feriale, l'unica nei giorni infrasettimanali, davanti ad un pugno di fedeli. Nessun accenno alla vicenda che sta scuotendo le antiche fondamenta dell'abbazia, ma solo un cambio di volto sull'altare: quello di don Sergio, il prete che assisteva don Zaghini.

 

Una cerimonia avvolta da tristezza, quella di mercoledì mattina, nella consapevolezza di quel "non detto" che sta dietro quel cambio improvviso di officiante. Don Sergio Assau, un prete ivoriano approdato recentemente a San Mercuriale, ha anche il gravoso compito di continuare il giro delle benedizioni pasquali, nonostante la bufera che si è abbattuta sulla chiesa. L'abbazia anche mercoledì è stata regolarmente aperta col solito orario dalle 7 alle 19.

 

Un pullman ha sbarcato in mattinata alcune decine di turisti che hanno visitato l'abbazia inconsapevoli di quanto accaduto, della vicenda di ricatto sessuale che è deflagrata venerdì sera e che ha portato agli arresti due giovani, Cristian Silimbani e Aldo Mainero, residenti al Foro Boario, che dal 2009 intrattenevano un rapporto sessuale a pagamento con monsignor Zaghini, fino agli ultimi mesi in cui avevano richiesto, con le minacce e il ricatto, l' "aumento" del costo delle prestazioni.

 

Chi sarà il nuovo abate di San Mercuriale, dopo la sospensione di don Franco Zaghini, canonico del capitolo della cattedrale e primicerio del capitolo, è una decisione che spetterà ad una commissione vicariale composta dal vescovo stesso Lino Pizzi, don Dino Zattini, e ancora don Franco Appi, don Giancarlo Barucci, don Erio Castellucci e il canonico Pietro Fabbri. Il consiglio presbiteriale si è riunito oggi, tuttavia non è stata decisa la nomina del nuovo abate. Per il momento l' "interim" sarà affidato a don Sergio.

 

RomagnaOggi.it pubblica solo oggi il nome del prete coinvolto nello scandalo del ricatto sessuale sia perché ormai di generale e pubblico dominio, sia perché contenuto su un comunicato ufficiale della Diocesi. Nella pubblicazione dei nomi, il giornale si attiene al principio generale che vanno tutelate le vittime di reato. Altre valutazioni di carattere morale, pur legittime e libere dei lettori, non toccano questa garanzia. La notizie future vedranno anche la pubblicazione dei nomi dei due giovani arrestati con l'accusa di estorsione.

 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

f.c.

Commenti (7)

  • Avatar anonimo di Emanuela_
    Emanuela_

    Quali meriti può vantare il monsignore ? La solita storia della solitudine umana che tutti affligge ? ...

  • Avatar anonimo di Gim
    Gim

    @luca.p Purtroppo trattasi di un "lettore" che scrive solo stupidaggini, poco male...

  • Avatar anonimo di luca.p
    luca.p

    ...finalmente un lettore che non manca di fare allusioni con le attuali vicende politiche e che potrà essere consigliere di Benedetto XVI su come gestire la chiesa cattolica... ...mancava un così alto ed ispirato commento...

  • Avatar anonimo di R_I_C_K_
    R_I_C_K_

    di preti infangati per questo o altro scandalo sessuale ne ho visti pochi in questo paese, se non svelati dalle iene...in irlanda e america escono fuori...sappiate che questo è solo la punta dell'iceberg...esprimo solidarieta solo per il fatto che non è pedofilo...almeno lui

  • Avatar anonimo di fausto pardolesi
    fausto pardolesi

    se facciamo il paragone con altre situazioni l'abate ha il merito di assumersi le proprie responsabilità e non trincerarsi dietro la scusa del volere aiutare giovani in difficoltà.

  • Avatar anonimo di fausto pardolesi
    fausto pardolesi

    mi dispiace per la triste vicenda personale dei giovani e del religioso coinvolti. delle loro inclinazioni sessuali non mi interessa parlare, ma penso che l'alta percentuale di religiosi coinvolti in scandali a sfondo sessuale derivi dalla costrizione alla negazione della propria sessualità. la chiesa, io penso, dovrebbe cancellare il voto di celibato e di colpo recupererebbe una situazione che è diventata insostenibile.

  • Avatar anonimo di Gabri71
    Gabri71

    Grazie al monsignore del bell'esempio !!!

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -