Forlì, primarie. Balzani in redazione: "La rivoluzione democratica si può fare"

Forlì, primarie. Balzani in redazione: "La rivoluzione democratica si può fare"

Roberto Balzani in redazione

FORLI' - "Il sondaggio non l'ho mai visto e non l'ha mai visto nessuno del nostro comitato". Roberto Balzani sgombra il campo da ogni sospetto dopo la pubblicazione del sondaggio svolto dal Pd sul gradimento del sindaco in città, ad appena 3 giorni dalle primarie di domenica. Ospite di RomagnaOggi.it il professore si è detto fiducioso per l'esito delle consultazioni: "La rivoluzione democratica si può fare: a decidere sarà il numero di persone che andranno a votare". 

 

> BALZANI IN REDAZIONE, GALLERIA FOTOGRAFICA

 

Parlando dell'ormai famigerato sondaggio, Balzani ha ricordato che "si tratta di un documento che è appartenuto ai livelli più alti del Pd a Forlì e a Bologna. Certamente è un elemento che avvelena il clima in vista delle primarie di domenica. Da mesi, però, si parlava di questo sondaggio di cui nessuno ha mai saputo gli effettivi risultati". 

 

Sottoposto al fuoco di fila delle decine di domande raccolte tra i lettori di RomagnaOggi.it, il professore candidato alle primarie dei democratici ha affrontato tutti i principali temi dell'agenda politica locale. Ma per prima cosa parla della sua campagna elettorale, la "rivoluzione democratica", come l'ha definita: "E' la realizzazione concreta del Partito democratico, che è nato con la promessa di rovesciare i canoni, i modi e i processi della politica tradizionale - spiega Balzani -. Questo è un concreto tentativo di rendere effettiva la stagione del Partito democratico". 

 

Sicurezza e immigrazioneSicurezza e immigrazione sono i temi più gettonati dai lettori: "I dati in possesso delle forze dell'ordine segnalano una condizione di non particolare pericolo per la popolazione - ammette Balzani - ma certo c'è un tasso di criminalità che va diminuito. Ragionevole è la richiesta di una maggior presenza, soprattutto della polizia municipale, nelle nostre strade". 

 

Centro storico. Per Roberto Balzani il problema problema del centro storico "è duplice e riguarda le attività commerciali e la sua vivibilità". Ma c'è anche un dato che molto spesso ha generato sbagliate percezioni da parte dei cittadini. "In centro vive un terzo degli immigrati presenti a Forlì, mentre solo un decimo della popolazione forlivese abita tra le mura cittadine - osserva Balzani -: è una situazione creatasi con una politica degli affitti sbagliata e che va recuperata, anche se serviranno tempi lunghi".

 

Iper e commercioTra le domande arrivate dai lettori per Roberto Balzani c'è anche quella sulla questione dell'ipermercato e del suo rapporto con il tessuto commerciale cittadino. "La questione iper la sta risolvendo la magistratura - risponde con una battuta Balzani -. Comunque è chiaro che non appena ce ne saranno le condizioni, un sindaco ‘entrante' non può fare altro che dar corso al completamento di quell'opera".

 

Società partecipate. Questione annosa e di cui si discute da tempo è quella legata ai debiti prodotti dalle società pubblica partecipate dal Comune di Forlì. Un lettore si è rivolto a Roberto Balzani per sapere come intende affrontare la questione dei debiti di Seaf (Aeroporto), Fiera ed E-bus. "La prima cosa da fare - ha risposto Balzani - è rivisitare tutte le strutture societarie, che troppo spesso sono state utilizzate anche per sistemare una parte del ceto politico: una rivisitazione che deve riguarda primariamente anche i compensi degli amminstratori di queste società".

 

Politica della lesina. L'assistenza agli anziani è una delle questioni sollevate dai lettori di RomagnaOggi.it attraverso una delle domande inviate via e-mail a Roberto Balzani. "Il problema dell'invecchiamento della popolazione sarà uno dei più pressanti che dovremo affrontare nei prossimi anni a Forlì e in tutta la nostra regione - afferma il professore -. Occorre una politica della lesina di tipo spietato, come ai tempi di Quintino Sella, per riuscire a mettere tutto ciò che si può risparmiare proprio nei servizi".

 

GiovaniIl rapporto tra la politica e giovani è stato al centro di una ulteriore domanda rivolta al ‘prof'. "Ho avuto la fortuna durante questa campagna di incontrare i ragazzi del centro musicale di via Dragoni e tanti altri ragazzi - spiega - che mi hanno fatto presenti esigenze molto specifiche per salvaguardare la loro autonomia e per favorire il loro protagonismo in città".  Balzani lancia l'idea di "avviare un vero confronto con le nuove generazioni, ma un confronto informale, senza creare inutili tavoli che sono troppo ingessati e non riescono a produrre risposte concrete".

 

Ambiente e rifiuti. Non poteva mancare tra le domande dei lettori a Roberto Balzani anche quella sui temi dell'ambiente. ". Sono favorevole alla raccolta differenziata - chiarisce subito Balzani - perché si risparmia sulla produzione di rifiuti e perché promuovendo il riciclo abbiamo anche la possibilità di favorire la nascita di nuove imprese del settore".

 

La campagna e l'autofinanziamento. L'intesa campagna elettorale svolta dal Comitato Forlì per Balzani ha suscitato la curiosità dei cittadini e lettori di RomagnaOggi.it, che hanno posto al candidato sindaco alcune domande su come sia stata finanziata la campagna e su come ha formato il suo staff. "I soldi li abbiamo trovati con l'auto-finanziamento - risponde Balzani - nel senso che le persone hanno tirato fuori risorse proprie di volta in volta, non c'è alcun grande finanziatore occulto perché volevamo essere liberi da vincoli al massimo grado".

 

Il futuro e il rischio spaccature. "Il rischio di spaccature c'è: tutto dipenderà dal buon senso dei candidati e dei dirigenti". Roberto Balzani non nasconde il rischio che le primarie possano provocare lacerazioni dentro al partito. Ma aggiunge: "se perdo le primarie non voglio avere nessun tipo di incarico amministrativo, ma mi impegnerò a far sì che il contributo di idee messo in piedi possa confluire nel programma del partito per le elezioni". "Mi auguro che la stessa cosa capiti nell'altra ipotes", aggiunge il professore.

 

Le alleanze. Il tema delle alleanze è un'altra delle questioni affrontate nel forum tra la redazione di RomagnaOggi.it, i lettori e Roberto Balzani. "Il partito democratico deve un programma che si rivolga a l'asse del suo potenziale elettorale, dalla sinistra al centro - spiega Balzani -. Questo significa essere autosufficienti in termini di programma e non in termini di voti: fatto il programma, si apre la trattativa con gli alleati".  

 

Province. La Provincia unica romagnola è una delle idee che in passato Balzani, assieme al professor Gilberto Capano (preside della Facoltà di Scienze Politiche dell'Università di Bologna a Forlì) aveva lanciato nel dibattito locale. "Abolire questi enti è pressochè impossibile - dice - ma possono diventare lo strumento per rimodulare il governo del territorio risponde ad una duplice necessità: quella di rivalutare questo ente intermedio e quella di dimostrare che c'è un territorio coeso e in un certo senso autonomo".

 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

L'informazione on-line. Visitando la redazione di RomagnaOggi.it, Roberto Balzani ha anche avuto modo di conoscere un modo nuovo di fare informazione. "E' un metodo che apprezzo moltissimo - ha detto - e lo testimonia anche la scelta di alimentare la campagna elettorale con dei blog".


Commenti (16)

  • Avatar anonimo di Paolo1
    Paolo1

    Strano da quello che sapevo non era possibile pubblicare link esterni al portale. Come hai fatto scipione hai degli amici in redazione percaso ;) Comunque devo dire la verità il programma di Balzani forse è più concreto di quello degli under 40 e come TUTTI i programmi politici manterranno 1/10 di quello che propone

  • Avatar anonimo di Eirene
    Eirene

    Scipione carissimo, vabbè non riesco davvero a capire dove pensi di poter parare riportando concetti errati...non sono le nonnine a dover scaricare certificati da internet, ma chi ha buona dimestichezza con le nuove tecnologie il che comporterebbe in ordine: -meno burocrazia -possibilità di scaricarsi documenti via internet senza fare code inutili -snellire le fila agli uffici che a questo punto potrebbero concentrarsi meglio ad aiutare chi effettivamente ha bisogno di aiuto nelle pratiche burocratiche il programma vero si farà dopo il 15 chè dopo il 15 avremo il candidato uscente dalle primarie e dal momento che i candidati non appartengono a due partiti diversi, dovranno puntualizzarlo ed elaborarlo insieme.almeno cosi teoricamente dovrebbe essere. Per ora ci sono le loro idee programmatiche e mi pare possano essere più che sufficienti per orientarsi verso un candidato piuttosto che un altro direi che qst è democrazia le sue idee e i suoi programmi sono ben CHIARI a chi ha la capacità logica e soprattutto la volontà di capirli ed apprezzarli in ogni caso è chiaro che tu fai propaganda per un candidato: niente di male ma abbi la correttezza morale di non denigrare il lavoro e il programma elaborato dall'altro candidato la correttezza che NON hai dimostrato di avere, anche se nel tuo ultimo post sei stato certo più moderato e sereno e qst lo apprezzo è vero: i candidati si scelgono in base a quello che propongono di fare, non in base a ciò che avrebbero potuto fare e non hanno fatto... e scelgo Balzani per la correttezza, la trasparenza, il ricambio che propone di fare prima di tutto e per tutte le altre cose che nel programma dice di voler fare Non è la politica fuori di moda nel programma di balzani, ma è il POLITICHESE quello fuori di moda; quello lontano mille miglia da una seria politica, dai reali problemi, fuori dagli interessi particolaristici e affaristici e più vicina alle persone cari saluti

  • Avatar anonimo di Eirene
    Eirene

    caro Mirko, "nick" in inglese significa letteralmente in italiano "nomignolo". "second name o middle name" significa in italiano "secondo nome", che, se non sei stato sufficientemente attento nei precedenti commenti è quello che ho detto essere il mio: Eirene. Indi, NON utilizzo nick come fa il caro Scipione e compagnia bella. "chè" è un'abbreviazione che si fa in italiano e chi ha una sufficiente conoscenza della letteratura italiana sa che è un'abbreviazione di "perchè". l'etichetta di "furbetto" la lascierei quindi a chi continua a mascherare la sua vera identità per lanciare accuse ingiuste nel disperato tentativo di affermare una volta di più che il "cambiamento" non è troppo gradito...

  • Avatar anonimo di Mirko Morelli 79
    Mirko Morelli 79

    Eirene Eirene... tu che tanto ti lamenti di chi scrive utilizzando un Nick. Tu non solo il nick lo utilizzi, solo che sei anche poco furba perchè da quel "chè" che così frequentemente scrivi mi viene da pensare che la tua vera identità sia un'altra. Inizia per S e finisce per arina... Chè sbaglio?

  • Avatar anonimo di scipione
    scipione

    @eirene scripta manent... Siamo ai programmi tramandati per tradizione orale. I programmi si scrivono e la mia correttezza arriva al punto di linkare quello di cui discuto: riporto per i più pigri la frase incriminata: "La competizione si affronta con interventi intensivi. Da una parte, sfruttando tutte le potenzialità (già presenti a livelli d’infrastrutture) delle nuove tecnologie, a partire dalle fibre ottiche. L’applicazione su vasta scala di tali tecnologie può consentire la semplificazione dei processi burocratici, l’accesso da casa ai servizi da parte del cittadino e delle imprese, l’uso a scopo educativo di progetti viaggianti su supporto elettronico o addirittura la partecipazione dei cittadini, attraverso forme di referendum e d’inchieste rapide. In questo modo, la componente più anziana della società potrà usufruire più facilmente (cioè senza code) dei servizi erogati secondo criteri tradizionali." Lascio ogni interpretazione ai lettori. La social card viene citata perchè con il problema della terza settimana gli anziani hanno qualche difficoltà a dotarsi di nuove tecnologie, che sicuramente saprebbero utilizzare correttamente. Di nonnine hacker è pieno il mondo... che non spadroneggiano internet, ma che secondo te riescono a scaricare certificati.... La debolezza della l' obiezione del programma effettivo disponibile dopo il 15 è devastante, i forlivesi dovrebbero firmare una cambiale in bianco? Cara Eirene i candidati vanno scelti per quello che si propongono di fare... ma capisco, è la politica, una cosa fuori moda. PS visto che prima di formarmi un'opinione chiedo, leggo e approfondisco, le domande le ho fatte al diretto interessato. Evidentemente le risposte non mi hanno soddisfatto. Cordialmente Scipione,

  • Avatar anonimo di Eirene
    Eirene

    P.S.: visto che commenti puntualmente tutti gli articoli su Balzani e sei curioso, giustamente, di informarti di più sul suo programma e sulle sue idee che dimostri di conoscere poco, chè non hai posto una domanda bella chiara, di quelle tue velenosette anche tu, dal momento che la redazione di romagnaoggi te ne dava l'opportunità? qualcosa del tipo: "Scipione chiede..." ma immagino che a te non interessi particolarmente capire... cari saluti

  • Avatar anonimo di Eirene
    Eirene

    Scipione caro, ma l'onestà intellettuale che vai acclamando è pari alla tua che ti firmi con dei nick? Le idee programmatiche di Balzani sono tante, e si chiamano "idee" chè sono quelle che andranno a costituire l'ossatura dei suoi programmi effettivi. Questi, come ha già spiegato 1000 volte, saranno pubblicizzati dopo il 15 chè, come tu ben sai, la campagna elettorale vera e propria partirà una volta che si saprà il candidato Pd. poche? ti sembrano poche? nebulose? in che senso? cconfuse? ti è difficile comprendere la sintassi e grammatica italiana o non le capisci perchè sono di una tale apertura mentale? difficili da trovare? ma daiiiiiiiiii certo: io le ho lette tutte bene, e tu? banalità? banalità è quella di chi non si pone il problema della partecipazione e dell'ascolto delle persone. banalità è chi crede che la questione morale non debba avere luogo all'interno di un partito, anche dello stesso partito ridicole? che valore dai alle opinioni altrui e alle competenze di chi ci ha messo la faccia in qst progetto? sulla questione internet non hai capito bene oppure non hai letto bene (o voluto farlo): lui dice di "sburocratizzare" le pratiche amministrative permettendo ai giovani, o a chi ha dimestichezza con internet, di potere farsi, ad esempio dei certificati da soli scaricandoseli da internet e permettendo cosi di snellire le file inutili negli uffic. in questo modo si agevolerebbero anche le richieste degli anziani che certo non sadroneggiano internet e non farebbero file interminabili agli uffici. mi pare davvero un'ottima cosa di social card non ha parlato nessuno, ma solo Tremonti quando fai certe affermazioni almeno falle con cognizione di causa e non semplicemente per il gusto di offendere con le PRIMARIE non ci facciamo del male, ma abbiamo l'opportunità di scegliere chi ci deve poi rappresentare il male ce lo siamo fatti semmai sinora. speriamo che la gente scelga di non farsene più FORZA BALZANI!!!

  • Avatar anonimo di scipione
    scipione

    @marco24 galassi, buffadini, bucci, zaniboni, ragazzini, b.baravelli, sansavini m.maltoni, .... queste sono le facce nuove? degnissime, ma proprio nuove non direi... un minimo di onestà intellettuale ci vorrebbe quando si fanno affermazioni politiche. Quanto alle idee programmatiche sono poche, ben confuse e pure difficili da trovare. Vi aiuto, leggetele prima di votare a parte le banalità, i luoghi comuni, la nebulosità delle affermazioni, sfiorano il ridicolo quando parlano delle nuove tecnologie per evitare file agli anziani, che sicuramente spadroneggeranno internet, skype e messenger grazie al wireless.... comprando il pc con la social card... Ma come direbbe Moretti, continuiamo così, facciamoci del male....

  • Avatar anonimo di marco24
    marco24

    Leggi le idee programmatiche. quanto alle facce vecchie sono proprio tutte insieme alla masini!

  • Avatar anonimo di Martino
    Martino

    Si può dire qualsiasi cosa, ma non che non dica parole sensate. Aspettiamo domani la Masini. Secondo me l'ideale sarebbe l'accoppiata Masini-Balzani per le amministrative (se vincesse la Masini), esperienza e innovazione insieme. Peccato che nessuno dei due sia d'accordo.

  • Avatar anonimo di Lepidus
    Lepidus

    linguaggio nuovo, faccia vecchia, argomenti inesistenti.

  • Avatar anonimo di marco24
    marco24

    Finalmente un linguaggio nuovo, una politica che sento vicina. Grande momento di partecipazione queste primarie: mi hanno conquistato! Voterò con grande soddisfazione Roberto Balzani. Per la Forlì del futuro, per una città aperta.

  • Avatar anonimo di LIOPx
    LIOPx

    sicuramente non vive nella tua città,votiamo Nadia Masini

  • Avatar anonimo di Ordelaffi
    Ordelaffi

    Mirko ma in che città vivi?

  • Avatar anonimo di Mirko Morelli 79
    Mirko Morelli 79

    Per il bene della città votiamo Nadia Masini. Esperienza, competenza, responsabilità. La politica dei fatti e non delle chiacchiere. Che in tempi di crisi economica è sicuramente la scelta migliore da fare. In bocca al lupo a tutti quelli che sanno sognare tenendo i piedi ben saldi per terra. La politica è l'arte del possibile.

  • Avatar anonimo di Sandro
    Sandro

    Senza pensarci un minuto per il bene della città. ,Domenica prossima andiamo tutti ha votare per il prof.Roberto Balzani.Perchè alla città è al bene dei suoi abitanti non ci devono essere dubbi ci teniamo. In bocca al lupo a Roberto e ha tutti quelli che anno amor proprio.

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -