Forlì, primarie. Galassi (Pd): "Il territorio vuole essere ascoltato"

Forlì, primarie. Galassi (Pd): "Il territorio vuole essere ascoltato"

Forlì, primarie. Galassi (Pd): "Il territorio vuole essere ascoltato"

"Il territorio vuole essere ascoltato, vuole contare nelle scelte, non vuole più delegare a nessuno le sue idee, soprattutto in questa fase di profonda crisi". Ad una settimana dalla vittoria di Roberto Balzani alle primarie del Pd a Forlì sul sindaco Nadia Masini, l'assessore comunale Elvio Galassi interviene nel dibattito politico locale apertosi dopo le consultazioni dei democratici. Che lamenta di non aver visto nel Pd locale e nazionale il binomio "vicinanza e autorevolezza".

 

Galassi sottolinea come a Forlì si stata fatta "esperienza di primarie vere, quelle che tutti evocano ma che in pochi le vorrebbero veramente applicare, nelle quali si sono confrontati, al di la dei candidati, idee diverse di democrazia e partecipazione". Secondo l'assessore, che alle primarie ha appoggiato il candidato Roberto Balzani, "se riusciamo a far emergere l'immagine del partito " della vicinanza" cominceremo a dare un messaggio chiaro su ciò che vogliamo essere e non deludere ulteriormente chi con grandi speranze si era avvicinato al PD".

 

"Vicinanza, ma anche autorevolezza" sono per Galassi gli elementi che "vanno privilegiati, perché se si vuole innovare, senza cadere in uno sterile giovanilismo, bisogna anche scommettere su persone nuove che hanno voglia e capacità di  affrontare questi impegni". A questo proposito Gaalssi osserva che "le primarie che abbiamo svolto in questi giorni, se pur svolte in un clima di confronto civile, sono state vissute da qualcuno come un rischio per il nuovo che si candidava. Credo che ormai invece sia acquisito da tutto il partito che avere portato a votare tanti cittadini, anche non iscritti, sia un valore aggiunto per il partito ma anche soprattutto in prospettiva delle elezioni amministrative prossime".

 

Galassi non nasconde che il Pd "in un anno ha dilapidato speranze, illusioni di un diverso modo di fare politica facendo emergere una distanza siderale fra gli iscritti, i suoi circoli e i gruppi dirigenti" e indica come prioritaria la necessità di "di rafforzare i luoghi dell'elaborazione del partito a tutti i livelli, perché è li che si misurano le energie nuove che hanno deciso di mettersi in gioco".

 

Per Galassi il Partito democratico va inteso "come una palestra di impegno civico e politico partendo dal territorio e dalla società civile. È in questo contesto che personalmente mi è sempre sembrato un errore non svolgere i congressi prima dell'autunno 2009 e mantenere in essere gruppi dirigenti cooptati senza nessuna legittimazione popolare".

 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Le primarie che abbiamo svolto non possono e non devono sembrare solo uno spaccato di democrazia partecipata che hanno indicato il candidato del PD a Sindaco della città - conclude Galassi -, e considerato che si sono confrontate idee diverse, tutto non può più rimanere come prima né di continuazione di precedenti metodi, pur rimanendo fortemente una necessità di unitarietà di tutto il partito che va ricercata ma che non può però essere inteso come un unanimismo a tutti i costi".

Commenti (17)

  • Avatar anonimo di scipione
    scipione

    @eirene non faccio il processo alle intenzioni, aspetto sereno le mosse del professore, visto che in quello che ha detto in campagna elettorale a parte il porta a porta di concreto c'era poco. Sul punto uno evitiamo paranoie, non c'era allo stato allcun riferimento alla situazione forlivese, quando ci sarà una squadra e un progetto esprimerò il mio parere. L'osservazione era riferita all'aria che si respira nel paese e nel partito, per cui il passato è comunque sbagliato. La lascio con le parole di un vecchio, che lei, con la sua cultura risorgimentale,dovrebbe ben conoscere : Poco importa che mutiate organizzazione, se nasciate voi stessi e gli altri con le passioni e con l’egoismo dell'oggi : le organizzazioni sono come certe piante che danno veleno o rimedi a seconda delle operazioni di chi le esegue. Gli uomini buoni fanno buone le organizzazioni cattive, i malvagi fanno tristi le buone. Questo vale per i partiti, per le squadre dei sindaci, per le correnti....

  • Avatar anonimo di Ordelaffi
    Ordelaffi

    Credo che il lupo rosso sia destinato all'estinzione. I tempi sono cambiati. L'habitat Partito è nuovo... Siamo nel XXI secolo (per fortuna).

  • Avatar anonimo di red wolf
    red wolf

    cara eirene non è una questione di democrazia. Mi spieghi come un consigliere di forza italia abbia potuto votare alle nostre primarie? conversione dell' ultimo minuto? Bah, comunque, cambiando discorso ti vorrei dire che io per il partito ho sempre lavorato, e continuamente, non mancando mai a nessuna riunione, facendo volantinaggio per le politiche, sacrificando tempo che avrei potuto dedicare al tempo libero o agli amici. Quindi queste tue accuse sono assolutamente prive di qualsiasi fondamento, dato che non mi conosci neanche... Confermo comunque il mio giudizio negativo su Galassi, vedendo anche che cos'è successo in quest' ultimo periodo, e avendo raccolto diverse testimonianze. Ora voglio vedere come farete la campagna elettoale, sono veramente curioso. Dovete affermare, dopo aver inquinato l'attività della giunta, che la Masini ha lavorato bene (come noi ci eravamo già accorti), per evitare di perdere voti del PD e della gente di sinistra. Per farti passare un buon natale, ti informo che l'unica cosa che il partito mi ha pagato è una penna al festivalde l'unità, perchè, a testimonianza del fatto che io lavoro solo per la Masini, quest' estate ho passato quasi tutte le sere di Luglio a lavorare per il partito. Tu c sei stata, per curiosità? Buon Natale

  • Avatar anonimo di Ordelaffi
    Ordelaffi

    Per quanto riguarda la novità: finalmente è arrivato il prof... Al di là che sia bravo o meno è già qualcosa. Un segno che Forlì vive, che i forlivesi ragionano con la propria testa. Per quanto riguarda la bravura: la patente della bravura non la dà nè lo schieramento politico (centro destra - centro sinistra), nè sterili moralismi (come quelli che piacciono agli antiberlusconisti), nè dal curriculum (c'è chi ha sempre occupato poltrone ma si è dimostrato inetto a governare una città). La patente della bravura è data solo dai fatti. Se Balzani sarà sindaco, vedremo: occorre essere aperti e fiduciosi, almeno dalla porta è entrata un po' di aria nuova... Eirene: i papaveri sono preoccupati, spero che abbiano motivi di esserlo.

  • Avatar anonimo di Eirene
    Eirene

    rispondo a scipione al punto: 1) non basta sollevare "dubbi" di legittimità sulla bravura o meno delle persone, in questo caso di Balzani: bisogna anche avere la volontà e l'intelligenza soprattutto la responsabilità politica e personale, in questo caso la tua, di ascoltare la voce e le proposte delle persone e la volontà della società civile tutta senza chiudersi in sterili dogmatismi come hai più volte dimostrato di nutrire 2)completamente d'accordo in ogni caso, occorre distinguere tra chi ha deciso di uscire "allo scoperto" e appoggiare un candidato nuovo, fuori dalle logiche partitiche, e senza "certezze", e chi invece, numerosi, sostenevano il candidato sindaco uscente 3)rileggendo attentamente, non condivido proprio le tue impressioni: non mi pare stia parlando al singolare, ma al plurale: quello delle persone che hanno votato Roberto Balzani Non torniamo ai tempi dell'"inquisizione" please: no al "processo alle intenzioni" e aspettiamo di vedere gli sviluppi

  • Avatar anonimo di renzo397
    renzo397

    bisogna riconoscere che Balzani ha suscitato un vespaio di polemiche almeno scorrendo i commenti.Dovrebbe fare piu interviste,visto il successo ottenuto.

  • Avatar anonimo di scipione
    scipione

    1) non basta essere nuovi, bisogna essere bravi. Balzani dovrà fare proposte di qualità alta, sia in termini umani che di contenuti, se vorrà l'appoggio di tutta la base del partito 2)non si può essere innovativi se non si esce dalle logiche che ci hanno preceduto. Amministratori di lungo corso come, Galassi, Buffadini, Bucci, accetteranno di buon grado di fare i Cincinnati? o vorranno essere premiati per l'appoggio al candidato? 3)dal tono dell'intervento di Galassi sembrerebbe che lui sia il nuovo della politica, s la sua analisi mi sembra un po' tardiva, visto che è almeno corresponsabile del distacco della gente dalla politica avendo avuto ruoli significativi almeno negli ultimi 10 anni. Di sicuro quell'autorevole fa pensare che lui da parte non si voglia fare.

  • Avatar anonimo di Mattia
    Mattia

    Di sicuro c'è che Galassi porta sfiga: "Il territorio vuole essere ascoltato" e infatti il giorno dopo tira il terremoto...

  • Avatar anonimo di Eirene
    Eirene

    Dimenticavo: si Ordelaffi, probabilmente hai ragione te quando dici: "Il "nuovo che avanza" - al di là dei soliti discorsi triti, ritriti e insulsi sulla contrapposizione tra destra e sinistra - non viene certo dal centrosinistra che ha sempre amministrato la città (sul "come" l'ha amministrata negli ultimi anni sospendo il giudizio). E "il nuovo che avanza" è fuor di retorica solo se c'è un vero ricambio, soprattutto tra i papaveri, che sono sempre alti alti e sono sempre quelli quelli. FORZA FORLI'" Ma aggiungo: questa volta, con Balzani, ci siamo.... anche se certo i "papaveri" come gentile li chiami tu, sono sempre piu alti e alti e piuttosto "preoccupati" (vedi intervento di Pedulli oggi)

  • Avatar anonimo di Eirene
    Eirene

    Caro Red Wolf, mi rendo conto che ti è intollerabile aver assistito il 14 dicembre come la società civile abbia scelto un candidato aperto, progressista e riformatore. Capisco bene che ti può dare "fastidio": l'hai dimostrato nei tuoi precedenti post con una violenza incredibile e quindi: "quando sarai veramente tu a lavorare per il partito e non solo per una parte di esso"??? Ti assicuro, che tutti coloro che hanno fatto parte del Comitato per Balzani, che sono anche quelli luoghi di elaborazione politica (dove il "nuovo avanza realmente"), hanno partecipato assiduamente e vi hanno dedicato tempo e risorse GRATIS (al contrario di quelli che pagati dal partito tutto, lavorano solo per una parte di esso...), indi Galassi si è visto eccome...non essere troppo in ansia, non ti fa bene Probabilmente, forse,evitiamo tutti di direcose che "sappiamo", senza avere bisogno, al contrario di te, di inquinare i pozzi del partito a te è cosi "caro" . E, ovvio, te compreso. Dopo di che, la partecipazione democratica dei cittadini al voto, ha scelto Balzani come candidato del Pd: fattene una ragione...è solo questione di DEMOCRAZIA

  • Avatar anonimo di red wolf
    red wolf

    Caro galassi, ma se per una volta tu invece di parlare solo contro il tuo partito non incominciassi anche a lavorare veramente per lui, senza defilarti come fai molto spesso, non sarebbe meglio per la città e anche per te? I luoghi di elaborazione pilitica a Forli ci sono, ma se tu non ci vai.... è inutile che ti lamenti. Comunque se i delegati hanno eletto un segretario, vuol dire che la legittimazione popolare c'è, ma lasciamo perdere.... Evito di dire altre cose che conosco, perchè non mi basterebbe questa pagina. Buon Natale a tutti coloro che hanno voglia di scrivere e di parlare!!!

  • Avatar anonimo di Ordelaffi
    Ordelaffi

    E bravo Galassi... Ha avuto il coraggio di schierarsi per il prof. con schiettezza e onestà, e ora si toglie la soddisfazione di dire queste cose sacrosante. Che peraltro erano già vere nel 2004. Il "nuovo che avanza" - al di là dei soliti discorsi triti, ritriti e insulsi sulla contrapposizione tra destra e sinistra - non viene certo dal centrosinistra che ha sempre amministrato la città (sul "come" l'ha amministrata negli ultimi anni sospendo il giudizio). E "il nuovo che avanza" è fuor di retorica solo se c'è un vero ricambio, soprattutto tra i papaveri, che sono sempre alti alti e sono sempre quelli quelli. FORZA FORLI'

  • Avatar anonimo di Eirene
    Eirene

    Hai ragione Caplaz: lo slogan "il nuovo che avanza" è da sempre stato lo slogan dei partiti dei sinistra, ma la destra ha imparato in fretta vestendosi, a livello locale e nazionale, di "principi" e valori che storicamente (dall'Ottocento ad oggi) non le appartengono, e riutilizzandoli strumentalmente per veicolare al contrario messaggi retorici. Le primarie però, quelle vere, la sinistra locale questa volta ha avuto il coraggio di farle (non senza qualche "mal di pancia" di alcuni quadri dirigenziali, certo), ma che dire degli altri?

  • Avatar anonimo di Caplaz
    Caplaz

    Balzani rappresenta il nuovo," il nuovo che avanza"del resto è sempre stato lo slogan dei partiti di sinistra...ed allora perchè meravigliarsi cari compagni..ed amici?

  • Avatar anonimo di ReArtù
    ReArtù

    A onor del vero bisogna dire che la scelta di sostegno del candidato Balzani in tempi non sospetti e che lo vedeva nettamente perdente, sposta l'eventuale giudizio di corresponsabilità a margine del ruolo da lei fin qui ricoperto. Le scelte dei partiti sono fatte dagli uomini che comandano quei partiti. Lei, assessore, ha ragione. Dia una svegliata ai suoi compagni o amici che siano. Con simpatia, Auguri di buone feste

  • Avatar anonimo di renzo397
    renzo397

    L'autocritica è appannaggio dello sconfitto,non solo a livello locale,adesso si accorgono della distanza con la gente,del modo di operare uguale agli altri.Le difese d'ufficio della Iervolino,di Bassolino sono state il culmine di un partito simile all'ex socialista.Vi auguro di riuscire ,anche se a mio parere è troppo tardi.

  • Avatar anonimo di Roberto S
    Roberto S

    Egregio Assessore Galassi, con tutto il rispetto e senza alcuna volontà polemica questa sua intervista contraddice quello che Lei ha recentemente fatto come amministratore pubblico... ricorda i permessi per il parcheggio in centro riservato ai genitori dei ragazzi che frequentano gli istituti scolastici in centro? Li ha aboliti senza ascoltare le motivazioni dei genitori di circa 1000 ragazzi... quando si dice predicare bene e razzolare male! Tanti auguri di Buon Natale, Assessore

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -