Forlì, primarie. Gli 'Ecodem' battono un colpo

Forlì, primarie. Gli 'Ecodem' battono un colpo

Nel dibattito interno al Partito democratico in vista delle elezioni primarie del 14 dicembre, anche il gruppo degli "Ecodem" (gli ecologisti del Pd) cercano di farsi spazio. Lo fanno ponendo sul tavolo dei due candidati sindaci, Nadia Masini e lo sfidante Roberto Balzani, una serie di proposte e questioni sui temi a loro cari. "Ne parleremo con entrambi i candidati per le primarie del Pd- spiega Luciano Minghini, presidente del Consiglio comunale- ma soprattutto vogliamo che diventi una base di discussione sui futuri programmi".

 

"Molto e' stato fatto dalla giunta Masini - ammette Minghini, che è anche tra i promotori del documento a sostegno di Nadia Masini sottoscritto dagli Under40 -, ma ora c'e' da fare un deciso salto di qualita' perche' si puo' fare di piu' sul tema dell'ambiente nella nostra citta'". Ecco, quindi, le proposte degli "Ecodem": estendere in modo generalizzato la raccolta dei rifiuti 'porta a porta', "da iniziare in alcuni quartieri di Forli' a questo punto dall'inizio del prossimo anno, ma prima delle elezioni, per poi estenderla a tutta la citta' nel giro di uno o due anni", spiega Minghini.

Sull'inceneritore di Hera la posizione degli ecologisti democratici è positivo. "Prima di tutto c'e' da rilevare i risultati - dice Minghini -: quello nuovo e' meno inquinante, quello vecchio sara' smantellato e inoltre, il nuovo ha una flessibilita' per cui potra' lavorare a 60 mila tonnellate".

 

Il punto è capire se un inceneritore progettato per una capacità di 120mila tonnellate può essere economicamente sostenibile anche funzionando a metà. "Si' - dice Minghini -, perche' se si effettua una raccolta differenziata molto spinta, la frazione indifferenziata ha un alto potere calorifico e quindi permettera' ad Hera di produrre la stessa quantita' di energia prevista".

 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Gli ecologisti del Pd chiedono, inoltre, parchi boscati intorno alla citta', "per migliorare l' anidride carbonica e tenere piu' fresca Forli' in estate", meno spazio alla mobilita' privata e scelte piu' coraggiose sulle isole pedonali e le zone a traffico limitato.

Commenti (6)

  • Avatar anonimo di lucmin
    lucmin

    gentile sig. Marani... prima di lanciare improperi bisognerebbe essere sicuri di ciò che si dice altrimenti si rischiano brutte figure.. Se non si fida di me chieda pure a chi vuole, ma è provato, più cresce la raccolta differenziata più cresce il potere calorifico del rifiuto rimanente. Infatti il tavolo delle associazioni contrario al nuovo impianto ne chiedeva uno più piccolo ma con tecnologia a letto fluido proprio per bruciare in modo costante un rifiuto ad alto potere calorifico. Luciano Minghini

  • Avatar anonimo di Paolo Marani
    Paolo Marani

    Meneghini afferma: "Si', perche' se si effettua una raccolta differenziata molto spinta, la frazione indifferenziata ha un alto potere calorifico e quindi permettera' ad Hera di produrre la stessa quantita' di energia prevista". Meneghini è un incapace oppure mente sapendo di mentire. La raccolta differenziata sottrae al rifiuto indifferenziato proprio le componenti come plastiche, carta, sfalci di giardino, che aumentano il potere calorifico, che pertanto si riduce a meno di 2000KCal/Kg. A meno che Meneghini non intenda servirsi della raccolta differenziata PROPRIO per foraggiare l'inceneritore con le plastiche, nel qual caso sarebbe criminale. La plastica va riciclata e recuperata ove possibile, non bruciata!

  • Avatar anonimo di Paolo1
    Paolo1

    Sarà anche in rodaggio le credo. Però a settembre ho visto personalmente un camion arrivare fino alle linee. Non sono un frequantatore della zona ma la prossima volta porterò la telecamera.

  • Avatar anonimo di lucmin
    lucmin

    Sì. è ufficiale, all'interno dell'ultima procedura autorizzatoria prevista per il nuovo inceneritore (AIA) è prevista la chiusura del vecchio inceneritore il cui forno verrà fisicamente smontato. Al momento il nuovo non sta bruciando rifiuti ma è semplicemente alimentato a metano per il necessario rodaggio. Una volta terminata questa fase, mi sembra intorno a febbraio-marzo, comincerà a funzionare solo il nuovo mentre il vecchio verrà prima fermato e poi si procederà allo smantellamento fisico del forno. Luciano Minghini

  • Avatar anonimo di Paolo1
    Paolo1

    proprio questa mattina, complice la bella giornata, era visibile anche dal centro della città per chi abita ai piani alti era possibile vedere l'immensa nube proveniente dal camino dell'inceneritore "storico" assieme a quella effettivamente più piccola del nuovo. visto che minghinin afferma, come altri esponente della maggioranza in passato, che il vecchio sarà amantellato mi chiedo se è possibile sapere quando verrà arrestato? ad oggi sono ancora entrambi in funzione

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -