Forlì, progetto centro storico. I commercianti insistono sui parcheggi troppo cari

Forlì, progetto centro storico. I commercianti insistono sui parcheggi troppo cari

Forlì, progetto centro storico. I commercianti insistono sui parcheggi troppo cari

FORLI' - Facendo qualche domanda agli esercenti del centro storico sul piano messo in campo dal Comune, che prevede 18 milioni di investimenti, con interventi concreti già programmati, tra i quali la demolizione del parcheggio Sacripanti, sostituito da un'area verde e da posteggi sotterranei, il recupero dell'ex Universal e un nuovo programma di illuminazione, emerge che in pochi sanno di cosa si sta parlando e si accaniscono su un punto ben preciso: il costo troppo alto dei parcheggi. Ma c'è anche chi è contento delle proposte.

 

Probabilmente c'è chi si è arreso, come la titolare del Mon Amour di Corso Diaz, Catia Zoli, storica attività che è lì da 22 anni: "Ormai non ci credo più. Ho visto il centro cambiare sempre in peggio. I parcheggi sono troppo cari e i forlivesi vogliono arrivare in centro in macchina". Questa frase viene ripetuta svariate volte, anche dal titolare del Bar della Posta di corso Mazzini, Ivano Benazzi, anche presidente di Confcommercio, che però aggiunge che servono "locali a prezzi agevolati per riportare gli esercenti nel cuore della città e studi su quali attività servono nel centro di Forlì. Magari anche un piccolo supermercato farebbe comodo per chi lavora qui".

 

Tutti vogliono un centro più vivo e riconoscono che con l'iniziativa dei Mercoledì nel cuore "la differenza si vede - conferma Antonio Ceccarelli, titolare dell'omonimo bar in piazza Saffi - noi vogliamo vedere girare gente". Vorrebbe un centro più vivo anche Giordano Frignani, titolare del parrucchiere per uomo Vittorio e Giordano, di corso Mazzini, che lamenta di nuovo i prezzi troppo alti dei parcheggi: "1,50 euro l'ora è troppo".

 

Fuori dal coro la voce di Simone Mosti, titolare di Benetton in via Delle Torri, che, da 'persona informata sui fatti', esclama: "Per la prima volta ho sentito qualcosa di consistente. Ne abbiamo parlato durante una riunione di Confesercenti e le proposte mi sembrano interessanti. Verranno terminate le piste ciclabili, la demolizione del parcheggio Sacripanti è sicuramente un'ottima scelta e, dal punto di vista ambientale, anche il servizio navetta dalla Stazione al centro storico, anche se non so quanto possa essere utile per i commercianti, staremo a vedere. Certo il costo del parcheggio incide sullo spopolamento del centro, ma non credo sia quella la causa principale. Chi vuole fare un giro, non si preoccupa dei 50 centesimi in più".

 

Soddisfatto e informato anche Guiliano Viroli, titolare dell'omonima Gelateria in corso Garibaldi: "Parcheggi, piste ciclabili, navette ben vengano. Io sarei contento se il centro diventasse zona pedonale. Quest'anno, fino ad ora, possiamo solo essere contenti. Le iniziative, a partire dalle celebrazioni per i 150 anni dell'Unità d'Italia, al Pranzo patriottico, ai Mercoledì, hanno portato tantissima gente, più di anno scorso. Questo dimostra che con poco si riescono a portare i forlivesi in centro. Certamente il costo dei parcheggi è troppo alto e con il bel tempo lo vediamo meno, perchè molti si muovono anche in bicicletta o a piedi".

 

Il quadro che dipinge la nuova titolare della profumeria Arrighi, storica in corso Della Repubblica da 35 anni, non è rassicurante. "Siamo tutti molto demotivati e ci aspettiamo che il centro venga rilanciato - spiega Katja Zandarin - non certamente con un costo del parcheggio di 2 euro l'ora. Le iniziative del mercoledì portano gente, lo vediamo, ma in corso della Repubblica non c'è quasi nulla, noi restiamo aperti ma non abbiamo riscontro. Chiediamo qualcosa che coinvolga anche il contorno". Sui parcheggi troppo cari insiste anche Federica Francia, titolare del negozio di abbigliamento Nuomo, in corso Garibaldi, che ammette di non conoscere i dettagli del Piano per il centro storico del Comune: "Va rivisto tutto, dai parcheggi troppo cari, all'illuminazione di piazza Saffi, all'invasione di piccioni. Anche le iniziative vanno riorganizzate nella gestione pratica. Durante i mercoledì i gruppi che suonano devono avere più spazio perchè la gente che si ferma ad ascoltarli non intralci l'ingresso ai negozi".

 

Chiara Fabbri

Commenti (15)

  • Avatar anonimo di Enrico
    Enrico

    ... la "PUZZA" ce l'ha l'aria che si respira in centro, ... oramai il centro è diventato una LATRINA a cielo aperto, ... oramai il centro è popolato al 90% dagli "EXTRA", questi sono i reali motivi che hanno portato alla morte del centro, tutto il resto sono solo chiacchere.... il centro è morto già da parecchio tempo... Capisco e comprendo tutti quei forlivesi che dal centro vogliono andarsene....

  • Avatar anonimo di piadina
    piadina

    ma io vorrei sapere qual'è la parte di forlì che secondo voi necessita di essere pedonabile. e nessuno vuole parcheggiare in piazzetta misura e tanto meno in piazza saffi! è possibile che da queste discussioni non sorga mai niente di buono? come si fa ad affittare i negozi sfitti? costringiamo qualcuno ad aprire un negozio? ma che idea è? la festa artusiana ad esempio dura 1 settimana e il centro di forlimpopoli si fa vivo di notte per quella occasione. pensi che possa bastare per un negoziante una settimana di vita? ma ce l'avete un'attività, avete idea di cosa vuol dire tenere aperto per tutto l'anno? nei mesi estivi poi è più facile raggiungere il centro in bici, ma nei mesi invernali uno dalla periferia non parte con la bicicletta o non prende il tram che magari manco gli passa vicino a casa per farsi una vasca di un ora..e magari durante quella vasca uno riesce a fare due o tre acquisti! è per questo che il centro deve essere facilmente raggiungibile da tutti, da quello che ha un'ora di tempo per farsi un giro e da quello che può perdere tutto un giorno! questo è vivere il centro! rimodernare le vetrine...ora ditemi cos'hanno le vetrine del nostro centro? c'è scelta di ogni genere, dal negozio costoso al negozio per spendere meno. io credo che il problema sia proprio di noi forlivesi, mai contenti di niente e con la puzza sotto il naso!

  • Avatar anonimo di Rath
    Rath

    Evviva i parcheggi in centro, evviva l'utilizzo delle auto.. Perchè non far parcheggiare direttamente in piazza Saffi oppure in Corso garibaldi davanti all'Ovs?sarebbe un'idea fantastica. Aspetta aspetta..c'è anche la piazzetta dell Misura che è libera!!!! A me par di sognare.. Se il centro non è attrattivo cosa me ne faccio della tariffa del parcheggio più bassa?io non ci vado lo stesso. Credo che la cosa migliore sia una quella di dare una manoai negozianti con qualche festa in piu che ai forlivesi piacciono sempre, magari in stile artusiana, cercar di riammodernare le vetrine e di affittare quei negozi sfitti,magari con negozi di qualità, ed infine rendere tutto il centro una bella zona pedonale vivibile e ben arredata.

  • Avatar anonimo di Max67
    Max67

    E' la solita storia...l'amministrazione comunale ha alzato i prezzi delle soste perchè il centro storico non porta voti...i forlivesi devono far acquisti all'IPER! L Iper porta voti perchè ci lavora l'amico, l'amico dell'amico ecc, ecc.. con la tessera in tasca...

  • Avatar anonimo di matteol
    matteol

    Per me invece gambadilegno ha tutte le ragioni di volersi spostare dal centro alla periferia, se i rumori dei locali serali lo disturbano: la salute (sia in senso medico che in quello "psicologico", diciamo) a mio parere va messa al primo posto, anch'io cambierei casa se il rumore mi desse veramente fastidio. Detto questo, la rumorosità del centro storico e' legata alla gente che ci gira di sera (studenti e non), ed e' in sostanza un'indice di vitalità della città, c'e' poco da fare se non aumentare i controlli delle forze dell'ordine: quando ci sono in giro carabinieri e vigili gli avventori fuori dai bar tendono a fare istintivamente meno rumore, e' fisiologico.

  • Avatar anonimo di @rmy
    @rmy

    Un ora di sosta in corso Garibaldi a Forlì costa quanto un ora di sosta in Corso Buenos Aires a Milano.... e ciò è SEMPLICEMENTE ASSURDO.

  • Avatar anonimo di signorG
    signorG

    caro gambadilegno, a mio parere ha in parte ragione. le spiego perchè: giustamente dice che il centro si anima se è abitato. ma i 'locali molesti' non contribuiscono ad animare il centro? non credo che la colpa della moria del centro sia dei locali, ne sono rimasti pochissimi... credo si debba trovare il giusto compromesso, consentire alle persone di vivere in centro dignitosamente (avendo a disposizione un posto auto sicuro, del verde, tutti i servizi che normalmente sono in periferia) e allo stesso tempo consentire ai locali di contribuire allo sviluppo economico della città senza recare disturbo. se 100 somari escono ubriachi dalla discoteca e urlano e sbraitano in mezzo alla strada, è colpa del locale? sarebbe come dire che la presenza di qualche disgraziato nei giardini orselli sia colpa del parco... si può anche intervenire sulle licenze degli esercizi commerciali affinché siano distribuite le giuste funzioni sul territorio, nei luoghi giusti. come ho sempre detto, basta la volontà di far le cose. gli estremismi, mi permetta, non servono a nulla! continui pure a vivere nel bellissimo centro storico, che a star peggio in un'angusto appartamento in periferia, col negozio più vicino ubicato a diversi chilometri e senza servizi, fa sempre in tempo!

  • Avatar anonimo di piadina
    piadina

    mi sa che qui bisogna fare un po' di ragionamenti..vogliamo il centro pedonabile, ma raggiungibile da tutti, vogliamo i negozi e le attività commerciali piene zeppe di persone però che vengano in bicicletta perchè i suv inquinano, vogliamo che la notte sia viva ma di persone silenziose, vogliamo che il centro torni abitato ma non di extracomunitari. c'è qualche altra simpatica richiesta da aggiungere al calderone?? se il ristorantino o il barettino che porta gente in piazza è proprio sotto casa tua, mi dispiace tanto, ma non si potrà sacrificare l'economia di un paese perchè alle 22 tu vuoi dormire!!

  • Avatar anonimo di gambadilegno
    gambadilegno

    possibile che i commercianti non si rendano conto che l'unico modo di far riviere il centro è portarci residenti.. io ci vivo e faccio il 95% delle mie spese nei negozi del centro.. ma causa rumori molesti notturni dei locali sto vendendo casa per tornarmene a vivere in una zona bella residenziale.. dopo di che inizierò a fare la spesa all'iper LOCALI MOLESTI=MENO RESIDENTI=MENO CLIENTI PER I NEGOZI DEL CENTRO

  • Avatar anonimo di piadina
    piadina

    macchè chiudere il centro alle auto..chi lo dice non conosce bene i forlivesi! ai forlivesi piace arrivare ed arrivarci in auto! se vogliamo far circolare il denaro in centro strorico non bisogna precluderlo alle auto! abbattere i prezzi dei parcheggi è un'ottima cosa, come smettere di lagnarsi per i rumori molesti notturni derivanti dai locari, è un'ottima cosa!

  • Avatar anonimo di Luigi Filippo
    Luigi Filippo

    Ma cosa vuoi ripopolare, la gente se ne va via dal centro storico per andare nelle bella e verde periferia a respirare meglio e tu vuoi ripopolare...?? non bisogna mai andare contro il trend... per quanto riguarda il commercio idem la gente non va al centro indipendemente dai parcheggi gratutiti o a pagamento perchè non lo ritiene più competitivo e attrattivo... ripeto mai andare contro il trend...perchè c'è il rischio di farsi male.

  • Avatar anonimo di matteol
    matteol

    Chi dice che in Corso della Repubblica il mercoledì c'e' poca gente ha ragione, l'ho notato anch'io. La maggior parte della gente e' in piazza Saffi, piazza del Duomo, corso Garibaldi e via delle Torri. A mio parere e' perche' quelle sono zone pedonali, mentre Corso della Repubblica e' visto solo come una strada per arrivare in centro e non come luogo di passeggio; forse renderlo pedonale potrebbe giovare, ma ci sarebbero di sicuro lamentele da parte dei negozianti e diventerebbe anche difficile raggiungere il parcheggio di p.zza XX settembre. Non e' un problema semplice da risolvere.

  • Avatar anonimo di signorG
    signorG

    ecco un altro demagogo!!!se le altre città si buttano dal ponte lo dobbiamo fare anche noi? in questo momento la priorità non è chiudere il centro alle auto, dato che non ci va nessuno e non c'è un problema di traffico. in questo momento bisogna POPOLARE il centro come qualsiasi altra parte di città e trattarlo alla stessa maniera. perchè prima di tutto il centro E' Forlì... le balle che fanno nelle altre città lasciamole dove sono.. cerchiamo di copiare ciò che ci serve... altrimenti si MALamministra come sta accandendo da tempi immemori

  • Avatar anonimo di oOoOoOoOo
    oOoOoOoOo

    HANNO RAGIONE!!!

  • Avatar anonimo di Luigi Filippo
    Luigi Filippo

    A Forlì ci vorrebbero grandi isole pedonali e i parcheggi fuori dal centro, in centro storico ci si va a piedi come accade in tutte le città...

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -