Forlì, rapinata alla fermata del bus davanti all'indifferenza dei passanti

Forlì, rapinata alla fermata del bus davanti all'indifferenza dei passanti

Forlì, rapinata alla fermata del bus davanti all'indifferenza dei passanti

FORLI' - Ha strattonato, buttato a terra e rapinato una giovane impiegata che stava attendendo il bus alla fermata di piazzale della Vittoria. Un giovane marocchino di 29 anni, domiciliato a Meldola, ma di fatto senza fissa dimora, è stato arrestato dai Carabinieri della stazione di Forlì con l'accusa di rapina aggravata e danneggiamento. L'individuo già in passato era finito nel mirino delle forze dell'ordine per reati contro il patrimonio commessi a Meldola nel 2006.

 

Secondo una prima ricostruzione dei fatti, avvenuti il 13 febbraio scorso, la vittima non è stata scelta a caso. Poco prima infatti la donna aveva prelevato al bancomat 300 euro. Il 29enne avrebbe così pedinato la sua preda fino ad avvicinarla con la scusa e derubarla, intorno alle 17.30, nei pressi dell'area verde di piazzale della Vittoria. Il tutto sotto l'occhio di numerose persone che però non hanno ritenuto opportuno chiedere l'intervento delle forze dell'ordine in quanto ipotizzavano che fosse un normale litigio di coppia.

 

L'individuo affinché la ragazza non potesse dare subito l'allarme ai Carabinieri le ha anche preso il cellulare dalla borsa, calpestandolo. L'indomani la malcapitata si è quindi recata al comando di corso Mazzini per sporgere denuncia. Subito sono partite le indagini degli uomini dell'Arma, seguite dal pubblico ministero Filippo Santangelo, che hanno acquisito le immagini di videosorveglianza della zona e raccolto la testimonianza dei titolari di alcuni negozi della zona.

 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In questo modo gli inquirenti hanno stretto il cerchio, arrivando all'individuazione del 29enne. L'extracomunitario è stato subito riconosciuto dalla vittima. Mercoledì sera i Carabinieri lo hanno arrestato nel centro di Forlì in esecuzione ad un'ordinanza di custodia cautelare in carcere firmata dal gip Giovanni Trerè. Ora si trova in carcere a disposizione della magistratura.

Commenti (22)

  • Avatar anonimo di vico
    vico

    Non credo che si possa parlare di razzismo o di mancata integrazione, sono successi fatti analoghi, ricordo ad esempio il caso dell'italiano che ha ucciso una ragazza rumena a Roma. E' più che altro un problema di educazione civica degli italiani, che manca. E il senso civico si apprende in famiglia o a scuola, l'amministrazione centra ben poco. Non esiste un idem sentire sulla legalità. E se non ce l'abbiamo noi con che coraggio chiediamo agli altri di averla? Quante volte ci fermiamo se vediamo qualcuno in difficoltà, anche solo con la macchina in panne?

  • Avatar anonimo di Ranocchia
    Ranocchia

    Concordo con chi dice che ciò che lascia senza parole è la mancanza di aiuto da parte dei passanti...poche storie, l'istinto di aiutare una persona in difficoltà o ce l'hai o non ce l'hai! Non si tratta di valutare il pericolo che corri soccorrendo, penso sia cosa puramente istintiva. Volevo aggiungere però una cosa...capisco che sia molto di moda ultimamente dare la colpa ai Magistrati/Giudici per qualsiasi cosa...ma quello che la gente proprio non vuole mettersi in testa è che è la legge ad imporre i limiti di pena minimi e massimi...il Magistrato non fa altro che valutare, caso per caso, quale sia la giusta 'punizione'!! Quindi ragazzi miei invece di dire certe baggianate, come evientemente vi ha insegnato qualcuno ''dall'alto'', chiedete che vengano inasprite le pene. E questo, differentemente da ciò che qualcuno ha scritto, non può essere fatto dal popolo (che non scrive nessuna legge) ma solo ed unicamente dal Governo...se non avesse altro a cui pensare...

  • Avatar anonimo di Gim
    Gim

    E' stato un comune atto di microcriminalità che fà eco ai seri problemi di integrazione che l'amministrazione comunale ha creato agli extracomunitari e ai forlivesi stessi. Ciò che più sconvolge è l'indifferenza... A proposito SCHIETTO, la prima frase del tuo post ha vinto il premio della stupidaggine più ipocrita che ho mai letto in questo forum, complimenti!

  • Avatar anonimo di ilmatterello
    ilmatterello

    Provo a rassumere: +videocamere -extracomunitari -iper +autodifesa +intolleranza +calci in faccia -indifferenza -buonismo -ipocrisia +sano razzismo +condanne ................+ testa mai? N.B. Noi siamo quelli che danno sempre la colpa agli altri ( meglio se extracomunitari ) salvo poi scoprire che i veri ORCHI li alleviamo noi. Anche su questo dovremmo dire "ognuno padrone a casa sua"?.

  • Avatar anonimo di ytram84
    ytram84

    Il mio commento razzista?! Forse ho solo il coraggio di dire quello che realmente penso...Probabilmente il 70% dei forlivesi è della stessa idea, ma preferisce stare zitto e fare l'indifferente (vedi i passanti in questione) alcuni addirittura si improvvisano buonisti puntando il dito contro chi fa luce contro un reale problema della città. Bello far parte del "non vedo, non sento, non parlo"...Soprattutto facile pensarlo finchè una cosa del genere non capita a tua figlia, tua moglie o alla tua famiglia...IPOCRISIA.

  • Avatar anonimo di Emanuela_
    Emanuela_

    Molte persone sono spaventate. Molte se ne fregano: pensano “ tanto non è capitato a me ”. Sbagliato. Prima o poi, dell’indifferenza ne pagheremo le conseguenze anche noi. Perché se difendi una persona in difficoltà, difendi anche te stesso. I tuoi diritti. Non ultima la tua coscienza. Pensa che al posto di quella persona domani puoi esserci tu. L'indifferenza può uccidere. Questa città non era così ! Le cose cambiano solo se NOI cerchiamo di farle cambiare.

  • Avatar anonimo di livio76
    livio76

    per manVel. Se non è riuscito a prelevare al Bancomat più di 300 euro, la colpa è Sua: io ne prelevo fino a 1.000 al giorno per un totale di 8.000 al mese. Come faccio? Sono andato nella mia Banca ed ho chiesto l'autorizzazione a modificare la cifra del prelievo giornaliero e mensile. Non sono un ricco sono un semplice pensionato dell'INPS che il 28 scorso ha fatto 20 anni di quiescienza e spera di farne ancora tanti. Prova a fare come me. Saluti. P.S. - Nel mio conto non ci sono mai più di 2.500/3.000 euro di giacenza che sono ciò che nel tempo risparmio ed ho solo l'appartamento ove abito come tanti altri pensionati.Ho la bicicletta ed una Fiat 500 del 1994, revisionata 15 giorni fa.Come vedi non ho alcun previlegio particolare, ma solo correttezza con la Banca che non ho mai cambiato dal febbraio del 1953.

  • Avatar anonimo di ValeR
    ValeR

    Si potrebbe stare ore a disquisire sul discorso razzismo e non ... il vero problema è l'atto in sè, ovvero il gesto di derubare una persona (oltre tutto in pieno giorno, in pieno centro) senza che nessuno prenda le sue difese!!! Io mi ritrovo spesso in Piazzale Vittoria ad attendere il mio autobus e se penso che può capitare a me ... bè, non è piacevole perdere dei soldi ma è davvero agghiacciante il solo pensiero di non trovare aiuto da parte di nessuno che vede tutto! Ma in che mondo stiamo finendo??? Ripeto, non sto parlando di razzismo .... queste brutte vicende ci sono sempre state, ma credo che una volta qualcuno che accorresse in tua difesa ci sarebbe stato..... ps: comunque se fossi nella "vittima" io andrei immediatamente al comando, non la mattina dopo!!!!

  • Avatar anonimo di Jacky
    Jacky

    Tanti discorsi nell'immediatezza dei fatti e poi? Da FORLIVESE dico: VOGLIAMO e DOBBIAMO pretendere che la ns città torni ad essere quella di un tempo. Non si tratta di essere o meno razzisti. Personalmente non ho niente contro gli extracomunitari che lavorano regolarmente (anche di più di alcuni di noi), ma NON TOLLERO che a partire dalla ns piazza SAFFI e dai suoi dintorni, possano esserci decine e decine di nullafacenti a qualsiasi ora del giorno. Vorrei sapere dove vivono, cosa fanno per andare avanti, quali sono le loro fonti di reddito visto che possono permettersi di vagabondare per intere giornate. Ripeto, non sono nascosti chissa dove, sono sotto gli occhi di tutti! Nel caso specifico il marocchino ha altri reati precedenti. Mi chiedo: Quale sarà stavolta il comportamento di quel giudice che dovrà esaminare e valutare il suo caso? Immagino che come spesso succede tra 2/3 gg tornerà tranquillamente con gli altri nullafacenti in attesa di trovare un'altra vittima da derubare o chissà cosa.

  • Avatar anonimo di giulianopedulli
    giulianopedulli

    Ciò che colpisce di più, non è il colore della pelle dell'autore della rapina, quanto l'audacia della delinquenza che agisce alla luce del sole e l'indifferenza dei passanti. Capisco la paura di prendersi una coletellata, ma è nell'indifferenza che aumenta l'insicurezza. Se la delinquenza alza il tiro, l'attenzione di tutti, a partire dalle forze dell'ordine, non delle ronde, deve fare un salto di qualità. Dire che il poblema è meno grave che altrove, non risolve nulla.

  • Avatar anonimo di manVel
    manVel

    Se c'ero io lo pigliavo a calci in faccia, da lasciargli un solo dente. Poi preservavo qualche energia nel caso fosse arrivato qualcuno delle associazioni 'in difesa dei diritti umani' a dirmi qualcosa... Più che altro: insegnatemi come si fa a ritirare 300 euro dal bancomat. Io non sono mai stato capace di ritirarne oltre 250...

  • Avatar anonimo di J. Dorian
    J. Dorian

    Suvvia ... personalmente credo sia più triste l'indifferenza delle persone lì vicino piuttosto che l'atto in sé (triste, non grave). Al di là delle posizioni personali, tuttavia, l'articolo è parco di informazioni. Fossero stati tutti anziani, magari la cosa sarebbe stata comprensibile. Fossero stati stranieri (che so, gente di New York o di un'altra megalopoli, abituata a vedere morire uno vicino a te senza fare niente) pure. Ma mi pare improbabile. Schietto, secondo me solo il commento 4 pecca un po' nel senso da te lamentato. Tutti gli altri mi sembrano magari non condivisibili, ma sicuramente non razzisti.

  • Avatar anonimo di annibale
    annibale

    @Megs-Schietto: Il problema non è l'immigrazione, europeo o extra non è lì la differenza. Il problema è la mancanza della certezza della pena, delle lungaggini burocratiche, di giudici incapaci e svogliati. Ad un certo punto si sente l'esigenza di farsi giustizia da soli....se lo stato non riesce più a garantire i cittadini che pagano gli stipendi. Poi siccome le leggi le fa il popolo...lo status quo cessa di avere valore giuridico.

  • Avatar anonimo di schietto
    schietto

    Quanti commenti intrisi di razzismo che leggo, mi spiace perché sono consapevole che in altri tempi storici, in altre situazioni, sono tutte persone che avrebbero votato il simbolo della svastica, innescando quella miccia che, con una reazione a catena poi incontrollabile ci ha portato per due volte in guerre mondiali. Comunque basta leggere la storia, che si ripete con gli stessi problemi, gli stessi errori e le stesse soluzioni. Per quanto riguarda l'immigrazione ci sono passati decine di popoli in tempi recenti e antichi. Non c'è da inventarci nulla: chi coglie le opportunità sa adattarsi e prospera, chi le rifiuta, strepita urla e alla fine, nel lungo periodo, diventa "vecchio" e diventa un ramo secco della linea evolutiva. Con questo non dico assolutamente che non ci siano problemi, che l'immigrazione è sempre e necessariamente bella e che non servono soluzioni anche dure, ma giuste. Ma in questo paese dove nessuno rispetta le leggi, dal vertice politico al tributarista che ti spiega come non pagare le tasse all'automobilista che in autostrada usa le corsie di emergenza credendo che li non ti becca il tutor, credete davvero che possiamo far rispettare le leggi solo agli stranieri?

  • Avatar anonimo di J. Dorian
    J. Dorian

    Le persone sono spaventate. L'italia è un paese dove se intervieni per salvare uno rischi di finire sotto processo per la denuncia per lesioni che ti può fare il rapinatore. E' successo in passato a "salvatori" un po' troppo esuberanti. E allora una fa una analisi costi-benefici (di breve periodo), e se ne frega. Non credo che la soluzione sia più polizia. Se il problema è la gente non è che lo risolvi assumendo gente che fa quello che dovresti fare tu per senso etico. Ad ogni buon conto, su 'sta storia ci lavoreranno 3 magistrati, 2 avvocati, 3 cancellieri, 5 poliziotti.

  • Avatar anonimo di Megs
    Megs

    Sì, certo, e poi spariamo a vista a non importa chi tutte le volte che ci sentiamo minimamente minacciati..ma che discorsi fa certa gente?

  • Avatar anonimo di annibale
    annibale

    ...ed il magistrato di turno disporrà per libertà vigilata o arresti domiciliari se va bene....od assoluzione. E noi continuiamo a far andare avanti le Ditte per pagare tasse esorbitanti allo Stato???? Ho la tentazione forte di chiudere tutto e fottermene di questo paese di merda.

  • Avatar anonimo di DanieleB
    DanieleB

    marocchino....speriamo solo che qualche nanetto non chiami in caserma dicendo che è il nipote di Mubark per farlo rilasciare... BATTUTE A PARTE CHE UNA RAGAZZA VENGA AGGREDITA E BUTTATA A TERRA SENZA CHE NESSUNO MUOVA UN DITO MI SEMBRA, A DIR POCO, VERGOGNOSO.

  • Avatar anonimo di ytram84
    ytram84

    Cominciamo pure a preoccuparci...non tanto per il marocchino, ma per l'indifferenza che i nostri connazionali potrebbero riservarci qualora un fatto come questo capitasse a chiunque di uno di noi... Mai come in questo periodo Forlì sembra essere diventata al pari di un Bronx. Rapine, furti in case e in ditte e negozi, macchine rubate e/o sfasciate, i fattacci di Via Giorgio Regnoli... é brutto dirlo, ma questa città non è più nostra, ma diventata loro ( e sapete a chi mi riferisco) e l'amministrazione comunale cosa può fare se non lavarsene le mani di sta faccenda!? Io mi sono stufata sinceramente di vedere la mia città ridotta così e non credo che la situazione si risolva con più agenti in borghese...Le cose cambiano solo se NOI Forlivesi Ci impegnamo a farle cambiare...Per esempio mi auguro che quando aprirà il nostro beneamato Iper, ci ricorderemo comunque del nostro centro storico...perchè non vogliamo, vero, farlo diventare una roccaforte extracomunitaria? @JoseMarti: sono della tua stessa idea, rimpatrio immediato con volo di sola andata, non sarebbe male se il Governo addottasse queste misure, c'è solo da sperare che lo facciano prima dell'imminente invasione barbarica che sta per arrivare a giorni...

  • Avatar anonimo di ventrellapino
    ventrellapino

    è meno male che sono riusciti ad arrestarlo e le telecamere hanno funzionato, Forli non è più una città sicura è ORA CHE LO STATO INTRODUCE PIù AGENTI IN BORGHESE COME LA SQUADRA ANTISCIPPO NELLE GROSSE CITTA' se la risposta è che non ci sono i fondi allora bisogna che conceda ai cittadini più facilità ad acquistare armi da legittima difesa ,non si può stare alla merce di chiunque arrivi a forli l'uomo è un animale che quando è attaccato è naturale difendersi.

  • Avatar anonimo di pecoranera
    pecoranera

    L'indifferenza dei passanti è il segnale forse più preoccupante. Dovremmo sentirci protagonisti della nostra città.. Se ciò non accade ...un motivo ci sarà...

  • Avatar anonimo di JOSE MARTI
    JOSE MARTI

    I buonisti ancora una volta diranno che la colpa e' di noi Italiani che non siamo stati in grado d'integrarlo......per me l'unica integrazione possibile e' metterlo su un volo di sola andata diretto a Casablanca.

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -