Forlì, respinto il ricorso contro l'inceneritore

Forlì, respinto il ricorso contro l'inceneritore

FORLI' - Il Tar di Bologna ha respinto il ricorso presentato due anni fa dal Comitato Ambientalista “Clan-Destino” che chiedeva di bloccare la costruzione dell’Impianto di Termovalorizzazione di Coriano di Forlì.


Il Tar ha valutato positivamente il progetto presentato da Hera, chiarendo che “non è stato precisato dai ricorrenti alcun concreto pregiudizio e sottolineando che tutti gli accertamenti tecnici voluti dall’Arpa e dall’Asl hanno consentito di individuare valori di emissioni inquinanti ampliamente inferiori ai limiti prescritti dalla legge.”


Il Gruppo Hera esprime “soddisfazione per la conclusione positiva della vicenda che conferma il buon operato dell’azienda, leader a livello italiano ed europeo nel settore dello smaltimento e trattamento rifiuti, e l’impegno costante per garantire la tutela della salute dei cittadini e dell’ambiente grazie all’applicazione sugli impianti delle più avanzate tecnologie”.

IL CLAN-DESTINO: NON CI FERMIAMO, ANDREMO AVANTI
“Ci aspettavamo una sentenza di tono diverso, ma non è certo finita qui”. Michela Nanni, vice presidente dell’associazione Clan-Destino, non nasconde una certa delusione dopo la sentenza del Tar di Bologna che ha bocciato il ricorso presentato dagli ambientalisti contro la realizzazione del nuovo inceneritore di Hera.


“Quando abbiamo intrapreso il ricorso – spiega Michela Nanni – la nostra volontà era quella di andare fino in fondo. Non abbiamo ancora avuto la possibilità di leggere tutta la sentenza e non sappiamo bene cosa ha dichiarato il giudice”. Lunedì il Clan-Destino si incontrerà con l’avvocato Francesca Minotti, che ha seguito il ricorso, per studiare la strategia da adottare.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

“Siamo convinti della validità delle motivazioni del ricorso – prosegue Michela – e restiamo convinti di tutto quanto abbiamo detto e dichiarato. Cercheremo di andare avanti a tutti i livelli possibili, perché riteniamo di non avere torto”.

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -