Forlì, riflessione amara del vescovo: "Preghiamo per la Chiesa sofferente"

Forlì, riflessione amara del vescovo: "Preghiamo per la Chiesa sofferente"

Forlì, riflessione amara del vescovo: "Preghiamo per la Chiesa sofferente"

FORLI'  - Grande partecipazione in Duomo a Forlì, per l'avvio del Triduo in preparazione alla Pasqua. Attorniato, com'è tradizione, dai circa cento sacerdoti che attualmente prestano servizio in Diocesi, il vescovo di Forlì-Bertinoro Lino Pizzi alle 10 ha concelebrato la Messa Crismale del Giovedì Santo, con la consacrazione degli Oli Santi. Per il vescovo è stata l'occasione per una riflessione amara: "Preghiamo per la nostra Chiesa, così sofferente".

 

> LE FOTO DELLA CERIMONIA IN DUOMO

 

Inevitabile collegare a quanto accaduto recentemente a San Mercuriale (il ricatto sessuale ai danni di don Franco Zaghini). Davanti a tutto il clero locale, nel corso di un lungo discorso, infatti, il vescovo ha chiesto: "Preghiamo per i sacerdoti e per la nostra Chiesa, così sofferente". Nella giornata in cui si fa memoria dell'istituzione dell'Eucaristia, clero e presbiteri, ancora scossi per le recenti e dolorose vicende occorse nell'abbazia di San Mercuriale, si sono raccolti intorno al proprio pastore in uno dei momenti più difficili della chiesa locale. Dopo l'omelia del vescovo, che non si è discostata dai testi biblici appena letti e dal significato generale della Pasqua, i sacerdoti presenti hanno rinnovato le promesse fatte nel giorno della loro ordinazione sacerdotale.

 

Nel prosieguo della Messa Crismale, monsignor Pizzi ha consacrato il Crisma, l'Olio dei Catecumeni e l'Olio degli Infermi, gli Olii Santi che si useranno lungo il corso dell'anno liturgico per celebrare i sacramenti. Il Crisma viene usato nel battesimo, nella cresima e nell'ordinazione dei presbiteri e dei vescovi, l'Olio dei Catecumeni nel battesimo; l'Olio degli Infermi, infine viene utilizzato per l'estrema Unzione degli infermi. L'olio più conosciuto è probabilmente il Crisma, dal greco χρ?σμα, che significa, appunto unguento od unzione. Al termine della liturgia, il vescovo ha dato appuntamento alla messa in Coena Domini delle 21, con la lavanda dei piedi, ultimo atto prima del memoriale della morte di Cristo in Croce per la salvezza dell'umanità.

 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Piero Ghetti


Forlì, riflessione amara del vescovo: "Preghiamo per la Chiesa sofferente"

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -