Forlì: Roberto Reggiani guida il gruppo panificatori di Confartigianato

Forlì: Roberto Reggiani guida il gruppo panificatori di Confartigianato

FORLI' - L'imprenditore Roberto Reggiani è stato nominato presidente del Gruppo direttivo panificatori di Federimpresa Confartigianato ForlìCesena (vicepresidente Roberto Lombardi), nel corso di un'assemblea in cui i panificatori hanno fatto il punto sulla crisi dei consumi che interessa anche i forni. Gli altri componenti del consiglio direttivo sono G.Carlo Ceccarelli, Miller Celli, Mario Teodorani, Cesare Laghi, Gianni Sbrighi, Giacomo Camilletti e Marco Balzani.
Al Gruppo provinciale panificatori sono iscritte un centinaio di attività.


"Per combattere la congiuntura negativa" dice il presidente Reggiani "la categoria punta sui capisaldi della propria attività: la qualità del prodotto e del servizio al cliente, l'aggiornamento professionale; la valorizzazione dei panifici di quartiere come presidi territoriali; l'ottimale controllo dei costi di produzione, politiche di marketing di gruppo e di filiera, sulla base di codici di autoregolamentazione con iniziative collaudate come la valorizzazione del vero pane romagnolo o del consorzio I forni malatestiani."


"Fra le prossime iniziative della categoria" mette in luce Reggiani "figurano la partecipazione alla Festa artusiana, l'adesione al progetto del Ceub su "Nuove tecnologie per l'incremento del tempo di utilizzo i impasti per panificazione" e l'iniziativa della "Social Card", a vantaggio dei più bisognosi."

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...


Confartigianato ha, infatti, firmato una convenzione nazionale coni Ministeri dell'Economia e del Lavoro che permette agli imprenditori artigiani del settore alimentare di svolgere un ruolo attivo nella diffusione e nell'utilizzo da parte dei cittadini della Social card. L'accordo prevede uno sconto del 5% sugli acquisti effettuati con la Carta Acquisti, ma gli artigiani aderenti possono anche aumentarla. I panifici aderenti sarebbero identificati con un'apposita vetrofania. Quello che emerge è dunque una categoria viva e aperta verso l'esterno, ricchezza del territorio per lo sviluppo economico e il rafforzamento della coesione sociale.

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -