Forlì, Rosetti (Pd): "Tutta la città si stringa attorno alla famiglia Brasini"

Forlì, Rosetti (Pd): "Tutta la città si stringa attorno alla famiglia Brasini"

Sono appena rientrato dal funerale di Vitaliano Brasini, penso che oggi tutta la città si debba stringere attorno alla famiglia Brasini ed all'azienda che è indissolubilmente legata al suo nome C.I.A. Soc. coop. o per noi forlivesi semplicemente Conad. Durante il funerale facevo una riflessione, cosa avrebbe detto Vitaliano vedendoci tutti lì? Probabilmente ci avrebbe apostrofato in modo brusco chiedendoci come mai eravamo lì a non fare niente, probabilmente avrebbe detto: "oggi la gente non mangia? I negozi sono chiusi? Iniziate a fare qualcosa!". Questo era Brasini, sempre a spronare, a chiedere di più, a fissare obiettivi apparentemente irraggiungibili, ma che lui spesso realizzava.

 

Vitaliano Brasini è una delle figure cardine del mondo dell'impresa della nostra città, facendo diventare, insieme con i dirigenti che ha avuto vicino, la Cooperativa di Forlì una delle maggiori aziende della nostra città e delle più importanti d'Italia nel suo settore. Io ho lavorato diversi anni al Conad ed ho avuto modo di lavorarci insieme e vorrei ricordare alcune sue caratteristiche diventate anche le caratteristiche dell'azienda da lui guidata anche perchè è impossibile parlare di Brasini senza parlare di Conad.

 

Coerenza: le regole valgono per tutti.

Sobrietà: chi ha avuto modo di entrare dentro l'azienda se ne è sicuramente reso conto, e la motivazione è forte quanto semplice, non legata ai bilanci (parliamo di un'azienda di quasi 700 mila euro di giro di affari), ma all'opinione che i soci devono avere della loro cooperativa: a loro si chiede tanto e la struttura deve essere di esempio.

Risultati: la Cooperativa è un'azienda, quindi il metro con cui ci si misura è il raggiungimento degli obiettivi.

Territorio: C.I.A. è un'azienda di Forlì e si ricorda di esserlo. La Caveja messa sul logo della Cooperativa non è casuale.

Futuro: la prima preoccupazione va sempre alla crescita, allo sviluppo.

Infine voglio ricordare una massima che ha ispirato l'azione dell'azienda e, secondo me, ne riassume bene lo spirito: "Ogni socio è importante per la Cooperativa, ma nessun socio è più importante della Cooperativa".

Tutto ciò ha permesso a Brasini di avere un rapporto unico, forse irripetibile, con i commercianti associati alla Cooperativa, a cui ha dedicato la sua vita e rappresenta una parte corposa della sua "eredità".

 

Io lo ricorderò dietro alla sua scrivania incredibilmente immacolata, senza un foglio, semplice dove sopra ci si potevano trovare al massimo il "pacco" dei quotidiani (a inizio mattinata) con in testa L'Unità, oppure quando "il Babbo" (così lo chiamavamo tra di noi) si affacciava all'ufficio per ricordarci, con i suoi modi a volte anche bruschi, che la vita della Cooperativa si svolge nei negozi, sul territorio, tra i soci e molto meno dietro ad una scrivania.

Grazie Vitaliano, ci mancherai.

 

Marcello Rosetti

Capogruppo Pd Consiglio comunale Forlì

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -