Forlì, sabato un convegno per parlare di celiachia

Forlì, sabato un convegno per parlare di celiachia

Sabato 20 marzo 2010 a Forlì, presso la Sala Auditorium Cassa di Risparmio di Forlì e della Romagna (Via Flavio Biondo 16) si terrà un importante convegno medico scientifico dal titolo "LA CELIACHIA OGGI: NOVITÁ E CONFERME A 30 ANNI DALLA NASCITA DELL'ASSOCIAZIONE ITALIANA CELIACHIA".

L'incontro, organizzato da AIC Emilia Romagna in collaborazione con la AUSL Forlì, il Dipartimento di Medicina Specialistica e la U.O. Gastroenterologia ed Endoscopia Digestiva dell'Ospedale G.B. Morgagni di Forlì ha il patrocinio del Comune di Forlì,  della Provincia di Forlì-Cesena, della Regione Emilia Romagna e dell'Ordine dei Medici Chirurghi e degli Odontoiatri della Provincia di Forlì-Cesena .

 

La malattia celiaca, intolleranza permanente al glutine, in soggetti geneticamente predisposti determina la comparsa di alterazioni intestinali, alterazioni immunologiche e lesioni a carico di altri organi. L'eliminazione del glutine dalla dieta comporta la remissione di gran parte della sintomatologia e la normalizzazione delle lesioni istologiche intestinali: per questi motivi una diagnosi tempestiva di celiachia può migliorare la qualità della vita di un individuo, prevenendo la comparsa di complicanze talora gravi. Oggi in Italia la prevalenza della malattia è molto alta, circa un caso ogni 100/150 soggetti, anche se probabilmente tale stima è ancora in difetto: è compito quindi dei medici di base e dei pediatri l'intuizione diagnostica ed un sostegno concreto nella cura.

 

Interessante e ricco il programma che copre un'intera mattinata di lavori, e costituisce un importante corso di aggiornamento per i medici di medicina generale e pediatri di Forlì. Presiede Enrico Ricci (U.O. Gastroenterologia ed Endoscopia Digestiva, Forlì) e coordina Daniela Valpiani (U.O. Gastroenterologia ed Endoscopia Digestiva, Forlì).

Dopo il saluto delle Autorità è prevista la presentazione del corso da parte di Kyriakoula Petropulacos, direttore generale AUSL di Forlì e  l'intervento di Dino Alverni, Presidente di AIC Emilia Romagna.

 

Sergio Amarri (Direttore U.O. Pediatria, Azienda Santa Maria Nuova, Reggio Emilia) inizierà la sessione scientifica con una lettura sul tema: "Aspetti clinici nel bambino e nell'adulto. Patologie associate".

A seguire una tavola rotonda moderata da Corrado Fini (Direttore del Dipartimento Cure primarie di Forlì) e da Enrico Valletta (U.O. pediatria di Forlì). I temi della tavola rotonda saranno "Linee guida, diagnosi e follow up" a cura di Daniela Valpiani, e di Angelo De Padova (entrambi dell'U.O. Gastroenterologia ed Endoscopia Digestiva di Forlì), "Il ruolo della sierologia"  (Paolo Baldassarri - U.O. Pediatria, Forlì ),  "Esposizione di un caso clinico nel bambino"  (Martina Fornaro - U.O. Pediatria, Forlì), "Il ruolo dell'endoscopia" (Stefania Maltoni - U.O. Gastroenterologia ed Endoscopia Digestiva,  Forlì), "Il ruolo dell'enteroscopia con videocapsula" (Adriana Simone - U.O. Gastroenterologia ed Endoscopia Digestiva, Forlì) con riferimento a un caso clinico, "L'allergia alimentare" trattata da Ilaria Manzi (U.O. Gastroenterologia ed Endoscopia Digestiva, Forlì) e per finire "Il ruolo della dieta" (Paolo Baldassarri - U.O. Pediatria, Forlì).

 

Dopo la pausa Marina Meandri (Medico di Medicina Generale - Forlì) si soffermerà su "Il punto di vista del MMG", tema particolarmente sensibile in considerazione della criticità della funzione di questa figura nella tempestività della diagnosi.

Ci si avvierà alla conclusione con due letture "Complicanze della Malattia Celiaca" di Umberto Volta (Presidente del Comitato Scientifico Nazionale dell'Associazione  Italiana Celiachia, CSN-AIC e consulente scientifico AIC per la regione Emilia-Romagna) ed "È possibile la prevenzione?" di Carlo Catassi (Clinica Pediatrica, Università Politecnica delle Marche, Co-Director Center For Celiac Research, University of Maryland School of Medicine, Baltimora USA).

 

Prima della conclusione dei lavori è previsto un dibattito.

Per il Convegno, che occuperà l'intera mattina di sabato, sono stati richiesti Crediti Formativi secondo il programma di Educazione Continua previsto dal Ministero della Salute, per medici, biologi, dietisti, infermieri professionali.

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -