Forlì: sanità, Ausl e Comune raccolgono l'appello del padre del bambino in dialisi

Forlì: sanità, Ausl e Comune raccolgono l'appello del padre del bambino in dialisi

FORLI' - Il Comune e l'Ausl di Forlì raccolgono l'appello di Agostino, il padre del bambino in trattamento dialitico peritoneale a domicilio, sotto il controllo dell'U.O.S. Pediatrica Dialisi e Trapianto del Dipartimento A.I. di Pediatria dell'Azienda Ospedaliera di Padova. Il Comune ha infatti concesso un contributo economico di 300 euro, pari a quello già erogato nell'ultimo anno, oltre a confermare la disponibilità dell'assistente sociale di riferimento, allargata anche ad altre esigenze sul fronte del sostegno alla genitorialità e supporto ai compiti di cura, in integrazione col servizio sanitario.

 

L'Ausl di Forlì, già da tempo in contatto coi familiari per cercare una soluzione, si è invece impegnata a rimborsare le spese di viaggio effettuate dalla famiglia per portare il bambino a Padova. Tale rimborso verrà riconosciuto a partire da dicembre attraverso le forme di Assistenza Integrativa previste dalla normativa vigente.

 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

La decisione è stata presa considerando il quadro clinico del bambino, in cura dal 23 giugno 2007 all'U.O.S. Pediatrica Dialisi e Trapianto dell'A.O. di Padova, dove segue un programma di follow up a cadenza mensile in cui oltre la valutazione clinico laboratoristica viene effettuato il prelievo e l'analisi dell'effluente di dialisi da cui si ricavano parametri utili per la definizione della durata dei trattamenti peritoneali quotidiani. Dal momento che i pazienti pediatrici in trattamento dialitico vengono seguiti in strutture ove è presente un Centro Trapianti Pediatrico, e dato che il piccolo è trasportabile con mezzi normali, l'Ausl di Forlì ha quindi stabilito di procedere al rimborso delle spese di viaggio.

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -