Forlì, Sapro: entro l’anno il piano per ‘salvare’ i terreni

Forlì, Sapro: entro l’anno il piano per ‘salvare’ i terreni

Forlì, Sapro: entro l’anno il piano per ‘salvare’ i terreni

FORLI' - C'è ancora un barlume di speranza per evitare il fallimento della Sapro spa, la società pubblica finalizzata alla gestione delle aree produttive nella provincia di Forlì-Cesena alle prese con un debito attorno ai 100 milioni di euro. Stando a quanto riportato dalla stampa locale, un incontro avvenuto tra il giudice Maria Cristina Salvadori e la liquidatrice Lea Mazzotti ha consentito di dare altri due mesi di tempo per elaborare un piano "anti-fallimento".

 

In altre parole c'è tempo fino al 31 dicembre per mettere insieme un progetto che coniughi da un lato un accordo con le banche per ridurre il più possibile il peso dei debiti e consentire al liquidatore anche di cominciare a vendere le aree produttive e incamerare soldi freschi, che servono per cominciare a rientrare dal debito.

 

Molto dipenderà dalla capacità della liquidatrice di riuscire a giungere ad un intesa con il sistema bancario, da cui dipende di fatto la sorte della società e dei suoi 1,7 milioni di metri quadri di terreni sparsi sul territorio provinciale e in gran parte su quello forlivese.

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -