Forlì, sciopero dei metalmeccanici, adesioni medie oltre il 90%

Forlì, sciopero dei metalmeccanici, adesioni medie oltre il 90%

FORLI’ - Altissime le adesioni allo sciopero dei metalmeccanici che si registrano nelle fabbriche Forlivesi per le otto ore di sciopero proclamate da FIM-FIOM-UILM di Forlì per il rinnovo del Contratto Nazionale del settore. Alla Marcegaglia, dove fin dalle 5 del mattino i lavoratori presidiavano i cancelli, non è entrato nessuno: 100% di adesione allo sciopero, anche per le ditte esterne. Presidio anche alla Trasmital-Bonfigliololi: 100% di adesione allo sciopero.


Fermo lo stabilimento Electrolux-Zanussi. Il 100% di adesione allo sciopero si registra tra gli operai alle Officine Maraldi (restano fuori anche i lavoratori delle ditte esterne), alla Celli, alla Sigma4, alla Mareco Luce. 100% di adesione allo sciopero anche alla Bartoletti Rimorchi, mentre adesioni più basse, ma comunque altissime, si registrano alla Cepi e alla Vallicelli (90%), alla Sol.Ge (85%) e alla Bipres, Acis, Cisaf, Anofor, Carpigiani, e La Fortezza (80%).


L’adesione media allo sciopero nel territorio di Forlì si pone oltre il 90%.


Più di 500 lavoratori hanno manifestato di fronte allo stabilimento Marcegaglia, dove al termine del presidio sono intervenuti i segretari di FIM-FIOM-UILM di Forlì che, dopo aver osservato un minuto di silenzio in ricordo degli operai uccisi alla Thyssen Krupp di Torino, hanno informato i lavoratori che “la lotta per ottenere il rinnovo del Contratto Nazionale continua” e che venerdì 14 dicembre i metalmeccanici di Forlì partecipano allo sciopero generale territoriale per la sicurezza nei luoghi di lavoro e contro le morti bianche.


Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -