Forlì, scippo Ryanair. Il sindaco: "Incapacità dei forlivesi di controllare il loro aeroporto"

Forlì, scippo Ryanair. Il sindaco: "Incapacità dei forlivesi di controllare il loro aeroporto"

Forlì, scippo Ryanair. Il sindaco: "Incapacità dei forlivesi di controllare il loro aeroporto"

FORLI' - Pochi spazi per un'azione legale di Forlì contro la società che gestisce l'aeroporto di Bologna, la Sab, per lo scippo di Ryanair dal Ridolfi, per intenderci quello ancora precedente allo scippo di Wind Jet da parte dell'aeroporto di Rimini avvenuto negli ultimi mesi. Un terremoto che si verificò alla fine del 2008 e che fece gridare vendetta nei confronti di Bologna. Ma, spiega il sindaco in Consiglio, non ci sono margini per un'azione legale.

 

All'epoca dello "scippo", infatti, la Sab controllava il consiglio di amministrazione della Seaf, pur essendo diminuita la sua partecipazione azionaria. Contemporaneamente trattava con Ryanair, la principale compagnia che serviva lo scalo di Forlì (di cui Sab era il principale proprietario) per portarla a Bologna. Da questa posizione di "conflitto" si è partiti per valutare la possibilità di rivalersi su Sab.

 

Ma il giudizio del sindaco Roberto Balzani, che lunedì ha risposto ad un'interrogazione in Consiglio comunale di vanda Burnacci (PdL) è tranciante: "Dalle analisi di tipo giuridico è risultato che Sab nel periodo che ha controllato Seaf non avrebbe tenuto comportamenti su cui rivalersi". Alla Seaf le avrebbero studiate tutte, compresa una possibile controversia sui fondi per 3,2 milioni che l'Anas aveva dato alla Seaf come compensazione per la limitazione della pista durante la costruzione della galleria della tangenziale.

 

Questa la storia del divorzio tra Sab e Seaf: tra il 1997 e il 2006, Sab ha mantenuto il 60% del capitale sociale Seaf, controllando il consiglio di amministrazione. Poi dal 2 maggio 2006 fino al 21 aprile 2008 si è verificata la progressiva uscita dei bolognesi: Sab a quel punto deteneva il 35% delle azioni ma aveva ancora 4 consiglieri su 7. Paralizzava Forlì per portar via Ryanair? Spiega Balzani: "In merito a quest'ipotesi Sab può contrastare la tesi con successo, dovremmo dimostrare l'eterodirezione delle decisioni assunte, una prova assai ardua da offrire".

 

Nessuna possibilità di azione di responsabilità nei confronti dei precedenti amministratori, e nessuna azione possibile neanche per lo "scippo" vero e proprio: "Difficile dimostrare l'illiceità di un atto concorrenziale".

 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

L'accusa più forte, invece, è venuta da Balzani nei confronti delle precedenti amministrazioni comunali: "Di proteste per questa situazione che si era determinata nel consiglio di amministrazione non è presente alcuna menzione nei verbali del cda di Seaf, non ci sono mai state lamentazioni in forma ufficiale e su queste si basano i giudizi in tribunale". Insomma, "furono state fatte una serie di azioni che impediscono oggi di rivalerci su Sab. In primo luogo per colpa del Comune, che in quell'epoca non è stato in grado di controllare, non è stato in grado di fare quello che doveva fare: governare le società partecipate". Molto dura la chiusura: "E' stata l'incapacità dei forlivesi di controllare il loro aeroporto".

Commenti (2)

  • Avatar anonimo di Sor Perozzi
    Sor Perozzi

    "L'incapacità dei forlivesi"?! L'incapacita degli esponenti del partito che ha sostenuto la sua elezione (dopo che lei ha partecipato e vinto alle "primarie" del medesimo), vorrà dire. E come la mettiamo con la notizia odierna del passivo annuo che, all'improvviso, è lievitato da 7,3 a 10 milioni di euro? Signor Sindaco, si assuma le sue responsabilità: può promuovere azioni di rivalsa nei confronti di quelli che lei stesso indica come responsabili, oppure può dimettersi. Continuare a governare (si fa per dire) la città sputando nel piatto in cui mangia è profondamente incoerente e non particolarmente onesto, non trova?

  • Avatar anonimo di J. Dorian
    J. Dorian

    Quindi l'aeroporto di Bologna controllava quello di Forlì nel momento in cui è stato cannibalizzato dei voli di Ryanair ? Bella cosa ! Come se la Microsoft controllasse la Apple e a un certo punto questa seconda impresa, puffff, fallisse. Come mai ? Ah saperlo ... Per il resto cito al volo "Molto dura la chiusura: "E' stata l'incapacità dei forlivesi di controllare il loro aeroporto"". Che è più o meno come dire che l'invasione della Polonia del '39 non è stata per colpa di un sanguinario caporale austriaco, ma dell'incapacità del polacchi di controllare le loro frontiere ... Ammazza che discorsi colti !

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -