Forlì, scippo Ryanair. L'ex assessore: "Mancano gli atti formali? Votò il Consiglio"

Forlì, scippo Ryanair. L'ex assessore: "Mancano gli atti formali? Votò il Consiglio"

FORLI' - Pochi spazi per un'azione legale di Forlì contro la società che gestisce l'aeroporto di Bologna, la Sab, per lo scippo di Ryanair dal Ridolfi avvenuto alla fine del 2008: è stata la parola conclusiva del sindaco Roberto Balzani sulla minaccia di ricorso ventilata da due anni in Comune. Il motivo? Per il sindaco si è trattato di un errore dei soci forlivesi che non reclamarono mai ufficialmente il fatto che la Sab controllava il cda Ridolfi pur non avendo più la maggioranza.

 

Questo si verificò dal 2 maggio 2006 fino al 21 aprile 2008: Sab deteneva il 35% delle azioni ma aveva ancora 4 consiglieri su 7. Paralizzava Forlì per portar via Ryanair? E' il sospetto che è sempre stato dietro lo scippo della compagnia irlandese.

 

Ma per Elvio Galassi, ex assessore all'Aeroporto all'epoca dei fatti, porta dei dati per confutare Balzani: "Bisognerebbe informarsi bene prima di esprimere giudizi sugli atti delle passate Amministrazioni che possono perlomeno essere molto parziali o addirittura non veri. Il 21 Dicembre del 2007 fu spedita dal Comune una lettera ai soci e al Presidente del C.D.A della Seaf che riprendeva un indirizzo del Consiglio Comunale di Forlì con la quale si chiedeva con forza di ripristinare il consiglio di Seaf in base al valore reale delle quote Sab".

 

"Sempre in quella data con successiva lettera fu anche specificato che lo stesso Consiglio Comunale all'unanimità esprimeva un giudizio negativo rispetto all'accordo con Rimini (Aeradria) che includeva quelle clausole che adesso rivengono nuovamente proposte, e che i nuovi Amministratori, ma anche quei consiglieri che nella precedente legislatura si erano scandalizzati di quella bozza di accordo, adesso sembra che lo stesso sia diventato la risoluzione di tutti i mali", critica Galassi, che rilancia contrattaccando: "Per ultimo, se le informazioni sono esatte, mi sembra che il deficit della Seaf sia nell'ordine vicino ai 10 milioni di Euro, ben oltre il preventivo previsto, chi doveva in questo caso controllare?"

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -