Forlì: sfruttamento della manodopera clandestina, 29enne cinese in manette

Forlì: sfruttamento della manodopera clandestina, 29enne cinese in manette

Forlì: sfruttamento della manodopera clandestina, 29enne cinese in manette

FORLI' - Sfruttamento della manodopera clandestina. E' questa l'accusa per la quale i Carabinieri della stazione di Villafranca hanno arrestato venerdì una cinese di 29 anni, regolare in Italia e senza precedenti con la giustizia. Si tratta di Chen Suju, titolare di un laboratorio per la produzione di capi e accessori d'abbigliamento ubicato in via Lughese, all'interno del quale i militari hanno sorpreso un clandestino cinese, il 36enne Lin Zhe Shang, espulso.

 

> LE FOTO: IL LABORATORIO - LA CONFERENZA

 

La donna, processata per direttissima, è stata condannata ad 8 mesi di reclusione e al pagamento di una sanzione di 700 euro. L'operazione dei Carabinieri, denominata "Maglia Stretta", è scattata dopo un'attività di monitoraggio durata alcuni giorni durante la quale si era assistito ad un via-vai di persone.

 

Giovedì i militari hanno proceduto ad un controllo a sorpresa, presentandosi con abiti civili assieme ad un operaio di Hera per eludere una microcamera nascosta nel porticato d'ingresso del laboratorio che serviva alla titolare per monitorare l'arrivo di persone indesiderate. Quando gli uomini dell'Arma sono entrati all'interno del locale, oltre all'intestataria dell'attività e al suo marito (un operaio coetaneo connazionale regolare) vi era anche un clandestino cinese, che ha cercato subito la via di fuga attraverso un'uscita secondaria, ma inutilmente.

 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Per questo motivo la titolare dell'attività, la 29enne Chen Suju, è stata arrestata per sfruttamento della manodopera clandestina. Nel laboratorio, sorto da un ex bar, i Carabinieri hanno trovato accessori d'abbigliamento destinati ad aziende italiane, mobilio, sacchi di riso e diversi letti, alcuni dei quali smontati. Questo induce a pensare che altre persone abbiano lavorato e dormito nella struttura. Il tutto è stato posto sotto sequestro.


Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -