Forlì: "Sguardi" sul welfare di casa nostra

Forlì: "Sguardi" sul welfare di casa nostra

FORLI' - "Sguardi" insistenti sul welfare di casa nostra. Con l'uscita del nuovo periodico, presentato alla stampa lunedì 23 giugno nella sede di via Dandolo, 18, il Consorzio di Solidarietà Sociale di Forlì-Cesena, dalla viva voce del presidente Fabio Magnani, esprime una considerazione che sa tanto di sfida: "A 23 anni dalla nostra apparizione sulla scena della solidarietà organizzata forlivese, ci sentiamo in grado di contribuire con cognizione di causa alle politiche di progettazione del welfare territoriale".

 

"Sguardi", diretto dall'imprenditore grafico Pierluigi Mattarelli, sarà stampato in 3.500 copie distribuite ai soci, oltre che ad enti e singoli cittadini interessati alle attività dell'organizzazione. Dall'aprile 2003 il Consorzio ha sede nella "Casa della Solidarietà" di via Dandolo, di proprietà della Diocesi di Forlì-Bertinoro e già dimora del Centro regionale di formazione professionale (Cfp) e prima ancora del convitto femminile "Istituto Santarelli".

 

Mattarelli ha richiamato l'attenzione anche sul nuovo logo del Consorzio, lanciato contestualmente al varo del periodico "Sguardi": un albero stilizzato con frutti di diverso colore sostenuti da un tronco umano. "Esprimono la relazione fra realtà eterogenee ma ben amalgamate, a simboleggiare l'interazione fra le 16 cooperative che costituiscono il Consorzio. Alla base di tutto c'è la cura della persona, in primis quella diversamente abile".

 

"Questo primo numero della rivista - precisa il responsabile della comunicazione del Css Forlì-Cesena Marco Conti - mette in vetrina alcune nostre realtà, ma da anche voce ad esponenti delle istituzioni locali, fra cui il sindaco di Forlì Nadia Masini e il presidente del Polo Scientifico didattico Paolo Zurla". Nell'attuale mondo della comunicazione, l'enorme quantità di bene sviluppato ogni giorno da singoli ed associazioni è trattato alla stregua di una foresta che cresce, tanti alberi che si sviluppano senza alcun rumore.

 

"Come protagonisti del terzo settore - continua Magnani - abbiamo invece maturato la convinzione che è bene che si parli di noi, della cura che rivolgiamo ad anziani, disabili ed ai nuovi poveri di questa società dei consumi: famiglie ed immigrati". Il Consorzio di Solidarietà Sociale è una rete di imprese, cooperazione e solidarietà, in grado di coniugare l'autonomia imprenditoriale delle singola realtà con un'ampia ed incisiva azione sul territorio in aiuto ai più deboli.

 

"Anche alla luce delle sempre più esigue risorse a disposizione, il welfare va ripensato e razionalizzato di comune accordo con le istituzioni". A breve, "Sguardi" sarà consultabile e scaricabile anche dal sito web del Consorzio: "www.cssforli.it". Il Consorzio di Solidarietà Sociale di Forlì-Cesena è nato nel 1985 a Forlì per iniziativa di un gruppo di associazioni di volontariato e cooperative di solidarietà sociale. Lo scopo delle 16 cooperative consorziate è costituire un punto di coordinamento delle diverse iniziative attivate sul territorio, costruire i primi servizi di supporto al mondo imprenditoriale e proporsi come interlocutore del welfare nei confronti della politica.

 

I numeri del Consorzio parlano di 800 soci, 500 lavoratori, di cui 75 svantaggiati, 170 volontari e 41 centri operativi. Le persone aiutate sono 10mila (650 con continuità), con un valore della produzione aggregato di 14 milioni di euro.

 

Piero Ghetti

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -