Forlì, si inizia a fare sul serio col "porta a porta": debutto il 5 luglio

Forlì, si inizia a fare sul serio col "porta a porta": debutto il 5 luglio

Forlì, si inizia a fare sul serio col "porta a porta": debutto il 5 luglio

FORLI' - Debutterà ufficialmente il 5 luglio, ma sono già partite le riunioni preparatorie per quello che sarà l'argomento caldo del dopo estate: la partenza della raccolta dei rifiuti col sistema ‘porta a porta', che era contenuto nel programma del sindaco Balzani. Si inizia a fare sul serio: Hera ha già inviato in Comune un piano, ancora al vaglio, ma è ormai certo che da settembre o ottobre le prime zone di Forlì inizieranno a non vedere più i cassonetti per strada.

 

Sarà una raccolta differenziata con quattro tipologie: l'indifferenziato, l'organico-umido, la carta, e il vetro, la plastica e le lattine assieme, in quanto i rifiuti verranno poi pre-selezionati in fase di smaltimento. Secondo la bozza che è ora in circolo, la città sarà suddivisa in 12 zone: si inizierà nella periferia, che raccoglie la grande maggioranza dei forlivesi, per poi passare alle case sparse di campagna ed infine al centro, l'ultima zona ad essere convertita. Il processo di transizione dovrebbe durare quasi un anno.

 

A quanto pare, l'ipotesi per ora più gettonata vede la rimozione dei cassonetti in strada con una raccolta ‘porta a porta' secondo un calendario che sarà stabilito. Tuttavia potranno essere realizzate anche una sorta di isole ecologiche di zona in cui i cittadini potranno conferire i rifiuti nelle giornate diverse di raccolta prefissata. L'obiettivo, in ogni caso, è di arrivare a regime alla cosiddetta "tariffa puntuale", vale a dire che chi produce meno rifiuti, meno paga di smaltimento.

 

Uno smaltimento che, negli scopi del Comune, deve attivare una vera e propria filiera di aziende locali attive nel recupero e nel riciclo, con nuovi posti di lavoro. L'attuale raccolta differenziata, per altro, ha risultati piuttosto deludenti: infatti emerge che, a fronte di un dato ufficiale del 48% di differenziato, solo un terzo di questi rifiuti è effettivamente utilizzabile per il riciclo, a causa della contaminazione di rifiuti non appropriati che continuano ad essere buttati nei cassonetti del differenziato e che "contaminano" l'omogeneità dello scarto.

 

 

Commenti (18)

  • Avatar anonimo di AlexD
    AlexD

    Il differenziato si dovrebbe riciclare, non bruciare.

  • Avatar anonimo di Merdonze
    Merdonze

    c'è stata troppa speculazione selvaggia intorno agli inceneritori di forlì, cresciuti come funghi fra le tante proteste dei cittadini...e ora vorrebbero speculare ancora e magari creare nuovi inceneritori per bruciare il differenziato di altre città per far altri soldi... forlivesi sveglia !!!

  • Avatar anonimo di AlexD
    AlexD

    Condivido in pieno l'opinione di merdonze...Giusto, per fare un dispetto a questi comunistacci mollate i rifiuti in giro, possibilmente lasciateli davanti a casa sua, magari si sente a suo agio. @ merdonze con le chiacchiere sono capaci tutti a governare...meglio che rondò continui a gestire il suo chiosco delle piadine in piazza.

  • Avatar anonimo di ReArtù
    ReArtù

    Scusate, vi state dimenticando che stiamo parlando di rifiuti che facciamo NOI e che abbiamo la pretesa che la società se ne faccia carico? Questo è il solo punto che conta poi le questioni politiche sono un'altra cosa. Cominciamo noi a comportarci civilmente, dopo possiamo pretendere che anche gli altri lo facciano.

  • Avatar anonimo di Merdonze
    Merdonze

    sono in molti forlivesi contro il blocco (socialcomunista- Hera-Comune di Forlì;) che ricopre la città di inceneritori provocando tumori e fa fare affari agli amici degli amici degli amici... credo cha anche il futuro sindaco rondoni la pensi come me...

  • Avatar anonimo di Marc
    Marc

    Mi sembra che Merdonze ... non abbia le idee molto chiare e che sia pieno di convinzioni assurde! Il porta a porta è attualmente il sistema di raccolta rifiuti più efficiente ed avanzato. C'è sempre chi è, a prescidere, contrario al progresso...

  • Avatar anonimo di oOoOoOoOo
    oOoOoOoOo

    spero che sia in pochi a pensarla come Merdonze o da come la pensa si potrebbe anche fare chiamare me****... incivile! che pena che fai!

  • Avatar anonimo di Merdonze
    Merdonze

    non mi presto al gioco dei comunisti sempre più capitalisti legati al blocco speculativo forte Hera-Comune di Forlì... lotta alle speculazioni e alle tariffe troppo elevate...

  • Avatar anonimo di J. Dorian
    J. Dorian

    Mi sembra una valida soluzione, ma con una piccola aggiunta. Facciamo che chi porta i suoi bravi sacchetti all'isola ecologica ha diritto a uno sconto sulla ARSU/TIA ? E facciamo che se uno conferisce nell'isola ecologica TOT Kg di immondizia differenziata NON PAGA PIU' TARSU/TIA ? Non dico sconti del 10% o 15%, dico che chi porta tutto lì non paga più niente. Ecco, se fosse così, cioè se ci fosse un premio vero e diretto a chi fa la differenziata sarei d'accordo al 100%. Ma anche così, credo, sia un piccolo ma importante passo avanti.

  • Avatar anonimo di AgenteSegreto
    AgenteSegreto

    Giusto Merdonze, io stavo proprio pensando che per risparmiare i soldi dell'acqua (che finiscono ad hera) non tirerò più l'acqua dello sciacquone, un posto dove ansare a farla lo troverò, poi ci penserà qualcun'altro a pulire.

  • Avatar anonimo di Merdonze
    Merdonze

    io metterò tutto in un'unico sacchettone, saranno quelli del comune a differenziarla, altrimenti in alternativa la smollo per strada o in un fosso.... non finanzio operazioni speculative rivolte a far guadagnare soldi ad Hera....

  • Avatar anonimo di steno
    steno

    In tutto il nord di italia si fa la differenziata è sopratutto ricordate che si fa molto presto da un sacchetto lasciato in giro a risalire all'ignorante che lo getta. Cose già viste e già risolte anche a caserta che fa il porta a porta già da molto. L'inceneritore incenerira solo quello che andrà li perchè non può seguire altri percorsi, questi saranno gli argomenti degli svogliati che non vogliono fare niente per migliorare la vita di tutti, quelli che sgasano coi suv in centro storico per fare vedere chi ce l'ha più grosso. Ma i forlivesi capiranno le motivazioni che per tutta europa sono ormai situazioni standard.

  • Avatar anonimo di renzo397
    renzo397

    mi sembra che -l'uomo qualunque- abbia espresso in maniera convincente le perplessità di tale operazione.Il pericolo come ricordato è di trovare immondizia abbandonata per strada,lanciato da auto nei fossi...e via di questo passo.Che poi finisca tutto nell'inceneritore non ci sono dubbi,diranno che solo per la fase iniziale ma in verità non è dato sapere se la divisione servirà al riciclaggio oppure come penso sarà piu conveniente bruciare tutto.

  • Avatar anonimo di ReArtù
    ReArtù

    Vedo che ci sono alcuni dubbi. Se possiamo prevedere che i cassonetti per strada spariranno e con essi le cattive abitudini di gettare attorno tutte le porcherie possibili, be allora avanti tutta. Noi, gente normale, non abbiamo paura.

  • Avatar anonimo di Merdonze
    Merdonze

    che roba è l'indifferenziato ? e l'organico umido ?

  • Avatar anonimo di L'uomo qualunque
    L'uomo qualunque

    Ma i rifiuti raccolti saranno tutti inviati a riciclo oppure finiranno, in gran parte, nell'inceneritore? Ed i maggiori costi del sistema, sia collettivi, sia individuali, chi li pagherà? Di questi tempi (così poco civili) la vedo grigia anche perchè un'intera città senza cassonetti mi parrebbe una vera corbelleria, sarà bene attivare un bel po' di isole ecologiche operative e funzionali altrimenti temo che una sacco di immondizie finiranno abbandonate per strada.

  • Avatar anonimo di stefano vitali
    stefano vitali

    Finalmente non vedremo scene assurde del tipo: bottiglie di plastica nel bidone della carta o sacchetti di plastica nei bidoni per gli sfalci e le potature! Ma per essere sicuri al 100% occorrerà anche del personale che controlli la qualità del riciclato a monte della raccolta e non quando tutto quanto è già stato mescolato...altrimenti non serve a nulla.

  • Avatar anonimo di Pablito
    Pablito

    Purché nn c costringano ad usare x tutto i sacchetti di 10 litri,cm succede ora x l'organico,ci sto.

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -