Forlì, sindacati sul piede di guerra contro l'aumento dell'Irpef

Forlì, sindacati sul piede di guerra contro l'aumento dell'Irpef

FORLI’ – Fumata nera nel primo incontro tra Comune e sindacati sul bilancio previsionale 2007 svoltosi venerdì pomeriggio. A incontrare il parere negativo di Cgil, Cisl e Uil è l’aumento dell’aliquota Irpef dallo 0,4 allo 0,55%, che secondo le tre sigle si sarebbe potuto evitare agendo su altre leve.


“Il Comune rimane arrocato nella sua posizione – spiegano i sindacati al termine dell’incontro bilaterale con il sindaco Nadia Masini - che prevede aumento dell'irpef allo 0,55%. Si potrebbe evitare di mettere le mani nelle tasche dei cittadini limando le spese, sopratutto in materia di consulenze legali e incarichi e professionali”.


I sindacati abbozzano anche alcune proposte, in vista del nuovo incontro con il primo cittadino previsto per il 13 dicembre, a propongono ad esempio una destgione degli oneri di urbanizzazione “superiore alla quota del 20%” già inclusa nella manovra del Comune. Tenuto conto che comunque il tetto massimo fissato dalla Finanziaria è del 35%.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Per Cgil, Cisl e Uil si potrebbe fare di più anche nel “limitare i ‘costi della politica’”, dunque compensi e gettoni di presenza non solo all’interno dell’Amministrazione “ma anche negli enti a partecipazione comunale”. La contro-proposta dei sindacati sarà presentata al sindaco il 13 dicembre, ma se anche quell’incontro non dovesse servire a riavvicinare le parti “siamo pronti – fanno sapere le tre sigle – anche a mettere in campo serie azioni di protesta”.

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -