Forlì, Sinistra Ecologia Libertà in piazza a fianco della Cgil

Forlì, Sinistra Ecologia Libertà in piazza a fianco della Cgil

FORLI' - Sinistra Ecologia Libertà aderisce e sarà presente allo sciopero generale del 25 giugno indetto dalla CGIL.  SEL sarà in piazza per  manifestare, insieme alla CGIL,  "contro le scelte del governo  Berlusconi che  colpisce sempre gli stessi: i  più deboli, i lavoratori, i cittadini e l'ambiente"

 

"E, soprattutto, non tocca le grandi ricchezze e gli speculatori.  Le misure sono chiare e inequivocabili: tagli ai servizi, agli enti locali e alle Regioni, alla scuola, alla cultura, blocco degli stipendi del pubblico impiego, allungamento dei tempi per andare in pensione, condono edilizio, nessuna politica di investimenti per uscire dalla crisi economica o che riorienti l'economia verso uno sviluppo sostenibile" si legge in una nota di SEL.

 

"La crisi - prosegue Sinistra Ecologia Libertà - si affronta tagliando la spesa pubblica (si, ma quella sbagliata, come le spese militari e grandi opere a cominciare dal Ponte sullo stretto di Messina), tassando le transazioni finanziarie, le rendite e i patrimoni. Con meno tasse sul lavoro e più tasse a chi inquina e consuma risorse naturali. La lotta all'evasione fiscale  che non deve essere ridotta a mera propaganda (negli ultimi due anni, grazie al lasciar fare del governo è ulteriormente aumentata di 20 mld , superando i 120 mld l'anno) e vanno allargate le misure di protezione sociale".

 

"E il 25 giugno SEL sarà in piazza per manifestare contro l'inaccettabile  ricatto referendario a cui sono stati sottoposti i lavoratori di Pomigliano dalla   Fiat  e dal Governo, il cui risultato forse inaspettato e  non corrispondente  alle aspettative,  impone  la riapertura di  una trattativa di mediazione che rispetti la costituzione, lo statuto dei lavoratori  e il contratto nazionale". 

Commenti (1)

  • Avatar anonimo di seltsam
    seltsam

    Ma sì dai. Facciamo come vuole il PD. Facciamoci tassare anche i risparmi. Facciamoci mettere le "patrimoniali" anche sui pochi soldi che siamo riusciti a risparmiare. Dai su facciamo contenti i comunisti di Bersani, chè così potranno festeggiare con polenta e salsicce alla festa dell'unità, mentre i veri ricchi sghignazzano alle nostre spalle dalla Svizzera. Comunisti ridicoli.

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -