Forlì, Spada (PdL): "Sapro, il sindaco sta imbavagliando il Consiglio"

Forlì, Spada (PdL): "Sapro, il sindaco sta imbavagliando il Consiglio"

FORLI' - "È di una gravità estrema il fatto che sia il Consiglio comunale di Forlì sia la Commissione Bilancio, al contrario di altri enti soci, non abbiano ancora discusso sul caso Sapro, nonostante si avvicino per la società due date fondamentali, il 30 aprile e il 18 maggio con l'udienza al tribunale fallimentare di Forlì. Il timore è che la maggioranza sia interessata ad evitare il confronto democratico sulla vicenda, imbavagliando il Consiglio per giungere alla discussione a giochi ormai fatti e conclusi".

 

Lo ha dichiarato, in merito alla questione Sapro, Alessandro Spada, consigliere comunale del PDL e membro della Commissione Bilancio.

 

"Il Comune sembra avere le idee chiare su Sapro, dall'intenzione di concedergli un ingente prestito "con o senza obbligo di rimborso" all'idea d'immettere sul mercato aree residenziali e commerciali al di fuori di ogni valutazione territoriale e senza un'adeguata programmazione urbanistica. In realtà Sapro ha già fallito la mission per la quale è stata creata e la sua utilità è venuta meno anche in considerazione del fatto che gli stessi soci devono intervenire per riparare agli errori fatti in passato".

 

"Se Sapro dovesse fallire - conclude Spada - non sarebbe certo un dramma, perché verrebbe nominato dal Tribunale un curatore fallimentare che si preoccuperà di tutelare al meglio gli interessi dei cittadini sotto il diretto controllo della Procura. Viene da pensare che il Comune stia facendo e farà di tutto per non far fallire Sapro soltanto per non consentire l'accertamento delle responsabilità di coloro che hanno condotto la società in queste condizioni".

 

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -