Forlì: spente le speranze, trovato morto il ricercatore di funghi

Forlì: spente le speranze, trovato morto il ricercatore di funghi

Forlì: spente le speranze, trovato morto il ricercatore di funghi

FORLI' - Alla fine è stato trovato morto. I soccorritori l'hanno cercato per tutta la mattinata di venerdì sotto la pioggia. Ma purtroppo il corpo senza vita del 57enne Pasquale Servadei, originario di Cusercoli, il ricercatore di funghi disperso da mercoledì notte nei boschi della Lama, nel comune di Santa Sofia, è stato trovato in un dirupo nella zona del passo della Bertesca, ai confini con la Toscana. Il cadavere è stato trovato a 3 km di distanza da dove aveva parcheggiato l'auto.

 

Il triste rinvenimento è avvenuto intorno alle 13. Ancora non è chiaro se Servadei sia stato colto da un malore o se abbia riportato lesioni mortali nel volo nel dirupo. Le prime ricerche sono scattate nella tarda serata di mercoledì subito dopo l'allarme lanciato dai familiari. La vittima, un ex muratore in pensione, si era recata a cercare funghi, sua grande passione.

 

Il personale del Corpo Forestale dello Stato (12 militari delle stazioni di La Verna, Badia Prataglia, Corniolo, Premilcuore, Bagno di Romagna e Mercato Saraceno), Vigili del Fuoco, Soccorso Alpino della stazione di Monte Falco, Unità Cinofile di Reggio Emilia e della Croce Rossa di Forlì e Carabinieri, hanno battuto per tutta la giornata di giovedì il versante de "Le Grigiole", dove era stata trovata parcheggiata la vettura di Servadei. Da Bologna è decollato anche l'elicottero dei Vigili del Fuoco "Drago 53", ma la fitta vegetazione non ha permesso di aiutare dall'alto i soccorritori impegnati via terra.

 

L'apprensione per le sorti del 57enne è cresciuta di ora in ora anche a causa del peggiorare delle condizioni meteorologiche. Alle prime luci dell'alba di venerdì  i soccorritori ed i volontari hanno setacciato palmo a palmo la zona del Bertasca nei pressi del Passo dei Mandrioli. A complicare le ricerche ci si è messa anche la pioggia che ha reso ancor più insidioso il terreno già scivoloso per le precipitazioni di giovedì. Alle 13 il ritrovamento del cadavere, in una zona molto impervia, il cui recupero è stato ostacolato dal terreno particolarmente insidioso.

  

Giovanni Petrillo

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -