Forlì, tentato omicidio di via Gorizia. L'accoltellatore si è costituito

Forlì, tentato omicidio di via Gorizia. L'accoltellatore si è costituito

Forlì, tentato omicidio di via Gorizia. L'accoltellatore si è costituito

FORLI' - Si è presentato con un trolley al Commissariato di Polizia di Cesena e si è costituito. E' durata una decina di giorni la fuga di Besnik Tregu, l'artigiano edile albanese di 32 anni accusato di aver accoltellato la sera della vigilia di Pasqua in via Gorizia il connazionale Izmet Elizi 42 anni. Per l'individuo è scattato il fermo di polizia giudiziaria, firmato dal pm Vincenzo Bartolozzi, e presto sarà interrogato dal gip di Forlì Luisa Del Bianco.

 

>IL TENTATO OMICIDIO IN VIA GORIZIA: LE FOTO

>LE IMMAGINI DELLA CONFERENZA STAMPA

 

Subito dopo l'accoltellamento era stato arrestato Artan Huqi, 36 anni, cugino di Tregu, altro protagonista del sanguinoso episodio. La patata bollente è nelle mani degli uomini della Squadra Mobile di Forlì, guidati dal dirigente Claudio Cagnini, impegnati a ripercorrere quanto fatto dal 32enne durante la fuga. Probabilmente è stato aiutato da qualcuno. Gli inquirenti, prima che il ricercato si costituisse, erano comunque pronti a catturarlo.

 

Dietro alla scena d'arancia meccanica ci sarebbero screzi per questioni di lavoro nel campo della piccola edilizio. A quanto pare la serrata concorrenza per aggiudicarsi alcuni subappalti. La prima puntata della litigio è andata di scena il pomeriggio precedente al sanguinoso episodio in un bar di Predappio, che si è poi conclusa con l'intervento dei Carabinieri. Sembrava finita lì. Ed invece il secondo atto della discussione è andato di scena l'indomani. Si parla di un tentativo di conciliazione finito male.

 

Come in un film americano, i due cugini da una parte, e il 42enne dall'altra, si sono affrontati a suon speronamenti reciproci a bordo dei rispettivi suv. Quindi, ad un certo punto, bloccate le auto, i due parenti avrebbero tirato giù dall'altra vettura il terzo albanese, e uno dei due l'ha accoltellato con cinque fendenti: tre alla schiena, uno all'addome e uno all'inguine, riducendolo in fin di vita. Elizi ha rischiato di morire dissanguato. I medici l'hanno salvato con tre trasfusioni.

 

Le lesioni erano profonde una decina di centimetri, in particolar nel ventre e nella parte lombare. Meno gravi invece le ferite alle gambe. Solo lunedì i medici hanno sciolto la prognosi. Attualmente è ricoverato nel reparto di Chirurgia dell'ospedale ‘Morgagni-Pierantoni' di Vecchiazzano. Mercoledì scorso il medico legale incaricato dalla Procura, il professore Angelo Ravagli, ha effettuato la perizia sulle ferite per chiarire se c'era l'intenzione di uccidere o meno.

 

Dell'arma ancora nessuna traccia. Si conta sulla collaborazione di Tregu, che nelle prossime ore sarà interrogato dal gip Del Bianco. Gli investigatori vogliono chiarire gli aspetti di un litigio. C'è la versione dei fatti di Elizi, il quale ha riferito agli inquirenti che all'origine della discussione ci sarebbero state divergenze per lavoro. L'individuo, domiciliato a Castel Bolognese, aveva poi riferito che quello di via Gorizia era stato un incontro casuale.


Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

G.P.


Commenti (4)

  • Avatar anonimo di AUI
    AUI

    @minotauro fino a che, per commentare un accoltellamento tra albanesi, si tireranno fuori gli "interessi di Berlusconi" (il cui compare Di Pietro direbbe "che c'azzecca?!"), non usciremo mai dal teatrino della politica, in cui Lei palesa ambizioni da comparsa. Buona giornata.

  • Avatar anonimo di simy
    simy

    almeno si è costituito dopo 10 giorni, alcuni nostri connazionali Italiani lo fanno dopo anni ...se lo fanno....

  • Avatar anonimo di minotauro
    minotauro

    sig.Beppe 70 condivido pienamente quello che lei dice, ma è come dirlo al vento......provi (come ho fatto io)a dirlo alla lega, loro che l'anno sempre duro (il cervello) al sito "dillo alla lega" e speriamo che sia più fortunato di me. loro sono quelli che fanno,loro sono il governo del fare.......(si, gli interessi di Berlusconi)..... saluti.

  • Avatar anonimo di beppe70
    beppe70

    una personcina cosi' per bene che rimarrà in carcere addirittura qualche giorno... sai che paura poi ad accoltellare ancora, magari in un locale pubblico o per starda perchè qualcuno ha guardato la sua fidanzata... volgiamo fare piazza pulita almeno di tutti quelli che delinquono, vogliamo impedirgli seriamente di ritornare in italia anche prendendogli le impronte digitali, avete paura che si offendano...

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -