Forlì, trasporto pubblico. Marchi (Atr): "Bilanci sempre in attivo negli ultimi 7 anni"

Forlì, trasporto pubblico. Marchi (Atr): "Bilanci sempre in attivo negli ultimi 7 anni"

Forlì, trasporto pubblico. Marchi (Atr): "Bilanci sempre in attivo negli ultimi 7 anni"

FORLI' - Il bilancio di Atr negli ultimi sette anni è sempre stato in attivo. Lo rivendica Adriano Marchi, presidente dell'azienda di gestione del trasporto locale nella provincia di Forlì-Cesena, a proposito delle polemiche di questi giorni sul ‘rosso' di Atr. "I bilanci ATR di questi  ultimi 7 anni, gli anni  cioè del  mio mandato di Presidenza - dice Marchi - sono sempre stati in attivo, cosa che peraltro mi risulta sia stata tale anche negli ultimi 15 anni".

 

"Vi è da dire, inoltre, che il trend dei passeggeri trasportati nel territorio di Forlì-Cesena - prosegue il presidente di Atr -, ha sempre avuto un progressivo incremento fino ad arrivare ad un + 81%  negli ultimi 10 anni e un + 71% dei ricavi dal 1998 ad oggi, peraltro in un periodo in cui anche il trasporto pubblico nazionale registra difficoltà finanziarie".

 

Ogni giorno, ATR trasporta 45.000 passeggeri, contro i 26.000 del 1998, "e questi sono numeri  significativi - commenta Marchi - che 15 anni or sono non si potevano neppure sperare. Pertanto, pur essendo consapevole che in periodo elettorale anche i numeri e la matematica possono diventare opinioni , credo si stia esagerando quando si afferma che ATR  è  in passivo: una cosa è esprimere opinioni, un'altra cosa è distorcere il significato dei numeri".

 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Certe affermazioni, a mio avviso, tendono ad indebolire il ruolo del trasporto pubblico in generale - sostiene ancora il numero uno dell'Agenzia per la mobilità -, che rappresenta un investimento non indifferente per gli Enti pubblici, ma che è certamente determinante per contrastare l'inquinamento atmosferico e per garantire la sicurezza e la salute dei cittadini, ovvero per migliorare la qualità della vita delle nostre città e in tutto il territorio". 

Commenti (1)

  • Avatar anonimo di Roberto S
    Roberto S

    scusate, ma questi signori ci fanno o ci sono... come si fa a dire che il bilancio non è in rosso quando ATR riceve abbondanti finanziamenti per esistere... quanto tempo potrebbe durare l'ATR se non ci fossero i contribuenti a pagare un salatissimo abbonamento dell'autobus senza utilizzarlo, grazie ai soldi che i comuni versano alle casse di ATR? Perchè diciamo sciocchezze di questa sovrumana portata? Una proposta provocatoria... perchè non si rende gratuito il trasporto pubblico su tutta la rete provinciale (FC-RA-RM) dato che i costi per ripianare i bilanci sono già a carico dei contribuenti ed i ricavi dalle vendite dei biglietti credo siano poca cosa rispetto al costo totale della gestione? Ipotizzando Euro 5 per tutti i 45.000 trasportati abbiamo un ricavo di Euro 225.000 che diviso ai 950.000 abitanti residenti in Romagna, basterebbe un aumento delle tasse di Euro 0,24 a persona in un anno... Se il trasporto fosse gratuito credo che molte più persone (proprio perchè è "a gratis";) utilizzerebbero l'autobus...

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -