Forlì: truffa ai danni di un'istituto di credito, due denunce

Forlì: truffa ai danni di un'istituto di credito, due denunce

Forlì: truffa ai danni di un'istituto di credito, due denunce

Truffa continuata aggravata e falsità materiale commessa da privato in certificati o autorizzazioni amministrative ed in titoli di credito. Sono le accuse per le quali i Carabinieri di Rocca San Casciano hanno denunciato due pregiudicati napoletani, uno dei quali titolare di una impresa edile nel riminese, al termine di un'indagine iniziata nei primi giorni dello scorso in seguito ai sospetti presentati dal dipendente di una filiale dell'Unicredit Banca della zona.

 

Gli uomini dell'Arma hanno sequestrato vari documenti di identità contraffatti tra cui buste paga, carte d'identità e tessere sanitarie. L'imprenditore edile, attraverso i documenti falsificati, si era qualificato come agente di commercio, versando nella filiale bancaria di Rocca San Casciano, come garanzia dei titoli di credito di ingente valore. Quindi aveva aperto un  conto corrente subito dopo otteneva un fido di 3milia euro, interamente prelevato nel mese di dicembre.

 

Negli ultimi giorni di dicembre uno dei dipendenti della banca ha notato che non erano stati versati sul conto i titoli in scadenza promessi dal  fantomatico agente di commercio. Subito si è rivolto al comandante della stazione, il maresciallo aiutante Francesco Cristella, che ha subito le indagini del caso. Attraverso la visione di fotogrammi recuperati da un bancomat di Forlì, dove il fantomatico agente di commercio aveva prelevato in quei  giorni l'ultima trance di denaro, si è riuscito ad  identificare uno dei malfattori.

 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In seguito gli uomini dell'Arma, coadiuvati dai colleghi di Rimini, sono riusciti ad acquisire elementi di prova nei confronti del complice, che è stato anch'egli denunciato. La copia dei documenti contraffatti mostrati alla banca sono stati acquisiti e consegnati al sostituto procuratore della Repubblica di Forli' Marco Forte che conduce le indagini.

Commenti (1)

  • Avatar anonimo di Caplaz
    Caplaz

    la Mafia e la camorra, cominciano a calpestare le strade della cittadina dei falò, un fatto grave che se non prevenuto in tempo può estendersi a macchia d'olio.Già l'incendio delle 2 auto in località Casone ne è stato il primo sintomo rilevante. Bene fanno le forze dell'ordine locali(tutte)ad investigare in tutte le direzioni, senza sosta alcuna!

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -