Forlì: truffe agli anziani, il vademecum di Poste Italiane

Forlì: truffe agli anziani, il vademecum di Poste Italiane

FORLI' - Fornire consigli utili per prevenire le truffe, soprattutto a danno di persone anziane. E' questo l'obiettivo di Poste Italiane che, in occasione del pagamento delle pensioni in calendario, da questa settimana distribuirà negli uffici postali di Forlì 7 (via Edison) e Forlì Centro un opuscolo informativo dal titolo "Pochi e semplici consigli per essere e sentirsi sicuri". L'iniziativa, che si inserisce nel contesto delle attività di Responsabilità Sociale di Poste Italiane ed è intesa ad agevolare la diffusione della cultura della sicurezza, è stata presentata questa mattina (13 gennaio) nell'ufficio postale di piazza Saffi dalla direttrice della Filiale di Forlì-Cesena di Poste Italiane Marisa Babbi.

 

La pubblicazione offre indicazioni e consigli per prevenire i più comuni casi di microcriminalità, con particolare attenzione alle persone anziane, purtroppo spesso vittime preferite dei malviventi. Nell'opuscolo viene spiegato che nessun dipendente di Poste Italiane o di altri enti o aziende di pubblica utilità ha l'incarico di recarsi nelle abitazioni private per indurre le persone a consegnare denaro, per controllarne l'autenticità o per proporre investimenti. Coloro che esibiscono false credenziali di Poste Italiane o di altri soggetti vanno quindi immediatamente segnalati alle forze dell'ordine. Nel dubbio si può sempre chiamare l'ufficio postale di riferimento. In caso di necessità da parte di Poste Italiane, il cliente viene contattato tramite avviso o telefonata e invitato a presentarsi direttamente al proprio ufficio postale.

 

Nella pubblicazione si danno inoltre consigli utili anche per chi usa internet e vuole difendersi dai tentativi di truffa informatica e per chi utilizza gli sportelli automatici Postamat o Bancomat per prelevare denaro contante.

 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Poste Italiane ricorda che è possibile evitare la riscossione della pensione allo sportello richiedendo l'accredito direttamente sul conto BancoPosta o sul libretto di risparmio postale, con valuta dal primo giorno lavorativo del mese. In questo modo il pensionato può ritirare di volta in volta solo gli importi necessari o usare per i pagamenti le relative carte elettroniche, riducendo l'utilizzo del contante e i rischi connessi. Scegliendo l'accredito sul conto BancoPosta inoltre Poste Italiane offre un'assicurazione gratuita contro il furto della pensione prelevata presso gli uffici postali o gli sportelli automatici (sia postali che bancari) fino ad un massimo di 516,46 euro.

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -