Forlì, un convegno per la chiusura della mostra sui Fiori

Forlì, un convegno per la chiusura della mostra sui Fiori

FORLI' - Doppio appuntamento sabato 19 giugno, a partire dalle 16, ai Musei San Domenico ed alla sala Santa Caterina di Forlì per festeggiare la chiusura della mostra "Fiori. Natura e simbolo dal Seicento a Van Gogh" e - nel contempo - i 18 anni di vita ed attività della Fondazione Cassa dei Risparmi di Forlì. La giornata sarà aperta dal convegno "Eventi, turismo e sviluppo del territorio", promosso dalla Fondazione in collaborazione con l'associazione Civita.

 

Alle 16 dopo i saluti dell'assessore comunale alla cultura Patrick Leech, del Prefetto di Forlì Angelo Trovato e del Presidente della Fondazione Pier Giuseppe Dolcini - affronterà in particolari le problematiche de "La mostra e il territorio" e degli "Eventi, turismo, sviluppo del territorio".

 

La prima sessione, a partire dalle 16.30, vedrà gli interventi di Alberto Rossetti (Direttore di Civita Servizi) su "I risultati della mostra ‘Fiori. Natura e simbolo dal Seicento a Van Gogh'", Dario Cimorelli (Direttore di Silvana Editoriale) su "Grandi mostre e social network" ed Antonio Paolucci (Direttore dei Musei Vaticani) su "L'opera d'arte specchio del territorio".

 

Seguiranno la proiezione di un filmato sui risultati della mostra e la seconda sessione del convegno con le relazioni di Giovanni Nistri (Comandante Carabinieri Tutela Patrimonio Culturale) su "Tutela, prerequisito per la valorizzazione", Guido Candela e F. Marta L. Di Lascio (Università di Bologna) su "Turismo, Cultura e territorio" e Carla Di Francesco (Direttore Regionale per i Beni Culturali dell'Emilia Romagna) su "Patrimonio culturale e territorio".

 

La chiusura dei lavori è prevista per le 19 con l'intervento di Orsola Patrizia Ghedini, dirigente del servizio cultura, sport e progetto giovani della Regione Emilia Romagna.

 

Il secondo appuntamento è fissato, invece, per le 20.30 presso la sala Santa Caterina, con il concerto "Voci - Tre grandi poeti in musica", con le canzoni sviluppate dalle poesie in dialetto romagnolo di Tonino Guerra, Raffaello Baldini e Nino Pedretti da parte di Andrea Alessi ed affidate all'interpretazione di Daniela Piccari (voce), Gianni Perinelli (sax), Dimitri Sillato (pianoforte), Andrea Alessi (contrabbasso), Stefano Calvano (percussioni), e del quartetto d'Archi dell'Orchestra Maderna

 

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -