Forlì: "Un pasto al giorno", la raccolta fondi della Papa Giovanni XXIII

Forlì: "Un pasto al giorno", la raccolta fondi della Papa Giovanni XXIII

FORLI' - Sembra incredibile parlare ancora di fame nel 21esimo secolo. Secondo i dati raccolti dalla Fao nel 2009, il problema della malnutrizione colpisce oltre un miliardo di persone.

Piaga generata spesso non dalla mancanza di derrate alimentari, ma soprattutto dall'ingiusta ripartizione di esse.

 

Per  i circa  2mila membri della Comunità Papa Giovanni XXIII, che hanno scelto di mettere la propria vita al servizio degli altri, condividendone, 24 ore su 24, fatiche e difficoltà, la risposta è la condivisione diretta, ovvero farsi carico in prima persona di dare un pasto a chi non ce l'ha.

 

La Comunità, fondata da Don Oreste Benzi nel 1968, da anni opera nel mondo dell'emarginazione al fianco degli "ultimi", gli esclusi e gli oppressi di questa società. L'Associazione è oggi attiva in Italia e in 25 Paesi nel mondo attraverso più di 500 Case Famiglia e strutture di accoglienza, oltre a numerosi progetti di intervento.

 

Proprio partendo dall'esperienza dei missionari della Comunità in Zambia, nel 1985 nasce il progetto nutrizionale  "Un Pasto al giorno", per sensibilizzare e raccogliere fondi per la lotta alla fame nel mondo.

 

La campagna  "Un Pasto al giorno" è tesa a sollecitare l'opinione pubblica davanti ad un problema così grande come la fame,  chiedendo la compartecipazione dei cittadini.

 

L'obbiettivo di "Un Pasto al giorno", è garantire la continuità agli attuali programmi e finanziare i futuri interventi, al fine di combattere la vergogna

della morte per fame, per fornire a quante più persone possibili un'alimentazione sufficiente a soddisfare i bisogni energetici di base.

 

 

"Un Pasto al giorno" è una richiesta di sostegno: un aiuto a sostenere le Case famiglia, i centri di pronta accoglienza o i centri nutrizionali, in Italia e nei cinque continenti, dove ogni giorno siedono alle nostre tavole oltre 41mila persone.

Bastano 50centesimi al giorno.

Si può donare con il c/c postale 12148417 , oppure Rid o Bonifico bancario c/c (IBAN IT41B0335901600100000008036) , con carta di credito chiamando il numero verde gratuito800.629.639 o, dal 30 dicembre al 4 gennaio, con SMS solidale al numero 48547 da cellulare personale Tim, Vodafone Wind, Tre, e da rete fissa Telecom Italia al costo di 2 euro.

 

 

 

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -