Forlì: una nuova scuola tra le vie La Malfa e Campo degli Svizzeri

Forlì: una nuova scuola tra le vie La Malfa e Campo degli Svizzeri

FORLI' - Nascerà una nuova scuola nell'area compresa tra le vie La Malfa e Campo degli Svizzeri. Sarà una scuola materna con una capacità di accoglienza di 180 bambini. La nuova struttura educativa, alla costruzione della quale la Giunta comunale ha dato il proprio assenso, accrescerà sensibilmente nel territorio comunale l'offerta complessiva nell'ambito della fascia di utenza 3/6 anni.


Il nuovo edificio sarà costruito con l'impiego di tecnologie eco e bio compatibili, un piano rialzato ospiterà sei nuove sezioni per una capienza di trenta alunni ognuna. Il fabbricato sarà organizzato in due parti simmetriche, sfalsate nel senso longitudinale. Ogni parte comprenderà tre sezioni per le attività didattiche ordinarie ed un salone per l'attività libera. Ogni sezione sarà dotata di servizi e spogliatoio. Per ogni gruppo di sezioni è previsto un atelier e, ad unire le due parti dedicate alla didattica, alcuni ambienti: stanza per gli educatori, una piccola lavanderia, locale spogliatoi, ulteriori servizi, ecc.. La centrale termica ed il locale per i quadri elettrici verranno posti all'interno di un prefabbricato staccato dalla struttura principale.
La superficie coperta della nuova costruzione sarà di 1.400 metri quadrati circa, con un area verde di pertinenza della nuova scuola di oltre 5.000 metri quadrati.
    
La qualità bio-ecologica del costruire

Per la costruzione della nuova scuola saranno impiegati esclusivamente materiali naturali e riciclabili, a partire dagli isolanti che saranno in pannelli di cellulosa, prodotti da fiocchi di carta riciclata. I pavimenti saranno prevalentemente in linoleum naturale e parte in gres, mentre la facciata esterna in mattone faccia a vista. L'impianto termico verrà realizzato con pompe di calore aria-acqua e si presterà particolare cura ai ricambi naturali di aria con la costruzione di condotte sotterranee per l'impianto di ventilazione. Ci sarà un impianto di recupero dell'acqua piovana e la copertura sarà eseguita con la tecnica del tetto verde a giardino per meglio isolare tutto il fabbricato. Saranno installati pannelli fotovoltaici per la produzione di energia elettrica e pannelli solari per il riscaldamento dell'acqua sanitaria.


Tutto l'involucro edilizio rispetterà i requisiti rigorosi per il contenimento delle dispersioni termiche e dell'inquinamento acustico.


Sono previsti sistemi di schermatura della luce solare ove questa possa essere eccessiva e di captazione con sistema a pozzo solare ove sia ritenuto opportuno rafforzare l'apporto di luce naturale. Esternamente alla scuola è previsto un parcheggio con una capienza di circa 100 posti auto.


La spesa  per i lavori è pari a circa 2 milioni e 340 mila Euro, ed il costo complessivo passa a 2 milioni e 800 mila Euro tenendo conto di imposte e spese accessorie.


L'avvio del cantiere è programmato per fine 2008 - inizio 2009. Il progetto e la direzione lavori sono a cura dell'Area Lavori Pubblici-Servizio Gestione Edifici Pubblici del Comune.

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -