Forlì, Verdi contro Rifondazione: "Pensi alle proprie responsabilità e a come ha governato"

Forlì, Verdi contro Rifondazione: "Pensi alle proprie responsabilità e a come ha governato"

FORLI' - Rapporti tesi nella sinistra forlivese. I Verdi attaccano Rifondazione comunista, dopo la conferenza stampa di giovedì in cui il partito della falce e martello ha aperto una polemica nei confronti dei Verdi per la scelta di uscire dalle giunte Provinciale e comunale.

 

"Rifondazione Comunista al solito tenta di accreditarsi col PD accusando gli altri di massimalismo. Per favore la smetta e pensi alle proprie responsabilità se l'ambiente della nostra città e provincia è così negletto", attacca l'Esecutivo del Sole che ride.

"Se Rifondazione avesse votato con i Verdi in svariate occasioni, oggi il nuovo inceneritore non sarebbe stato costruito - fanno notare Fausto Pardolesi, Giuseppe Pontillo, Sandra Morelli, Alessandro Ronchi, Ornella Mordenti, Donatello Caroli, Carmen Barasi, Claudio Malmesi -, il porta a porta sarebbe stato già attivato in tutta la città, le strade più sicure per pedoni, ciclisti e bambini, il centro storico avrebbe avviato una vera riqualificazione".

Nel ricordare di essere rimasti "isolati in molte di queste battaglie", i Verdi sottolinea l'impegno profuso per tenere "alto il dibattito su questi temi, e se l'inceneritore vecchio è stato demolito non è stato certo grazie all'asservimento di rifondazione, che oggi rivendica il risultato di mediazione".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...


"Rifondazione pensi a come ha svolto il proprio ruolo di governo - attaccano ancora i Verdi -, con l'assessore all'ambiente  ed un membro nel consiglio di amministrazione di Hera Forlì-Cesena SRL, che per 5 anni hanno contribuito con i loro tentennamenti ad ostacolare il porta a porta persino in piccoli quartieri, in attesa che l'inceneritore nuovo fosse costruito, operativo ed inattaccabile e con i contributi CIP 6".

"Comprendiamo l'imbarazzo di Rifondazione - è l'aspra polemica conclusiva degli ambientalisti - che a pochi mesi dal voto deve affannarsi per recuperare almeno un minimo di visibilità ma non cerchi di spostare l'attenzione sui Verdi per evitare di parlare di quanto non ha saputo nè  voluto fare nel tentativo di guadagnarsi il ruolo di silente ed unico sostenitore delle politiche del PD".     

Commenti (3)

  • Avatar anonimo di sauroturroni
    sauroturroni

    Sandokan, combatteva a viso aperto contro i despoti della malesia. vorrei che chi esprime giudizi , legittimi certo, sull'operato di una forza politica, avesse come il vero sandokan, il coraggio civile di indicare il proprio nome. I verdi si firmano, assumono responsabilità, offrono la propria faccia al giudizio dei cittadini, si sottopongono al voto. Ma non accettano la distorsione dei fatti, soprattutto se più che una valutazione e una critica, di fatto sono volte a denigrare. Questa ricorrente denigrazione, è noto, è soprattutto proveniente da un ristretto ambito che fa ciò in preparazione di una lista civica ma ciò non pare un metodo molto utile. stiamo ai fatti : I verdi votarono contro alla via per l'inceneritore , da soli. i verdi si sono battuti per il porta a porta, soli. i verdi si sono battuti contro il cip 6. i verdi hanno fatto il porta a porta a forlimpopoli. i verdi non hanno rinnovato la tessera a riguzzi perchè decise di non rappresentare più nella giunta provinciale le idee dei verdi ma quelle di Bulbi. I verdi in provincia sono stati buttati fuori per le loro posizioni coerenti contro gli inceneritori e la politica dei rifiuti degli altri partiti. Hanno votato contro le varianti urbanistiche querzoli ferretti e alle tante altre operazioni di cementificazione. Hanno fatto un piano del traffico che difendeva la salute dei cittadini . Hanno rivelato l'abuso edilizio dell'ipermercato mentre tutti tacevano. Si sono battuti contro la cava di vecchiazzano, contro la strada connessa. Nelle circoscrizioni e in consiglio comunale hanno costantementeproposto che si applicasse il porta aporta a tutto il comune, incontrando la resistenza dei partiti di centrosinistra, tutti. Hanno lasciato le loro "poltrone" uscendo dalla maggioranza in comune e nelle circoscrizioni quando hanno visto che le cose per cui si battevano non venivano realizzate.I verdi continuano nella loro azione per una città migliore e si sottoporranno al giudizio dei cittadini.

  • Avatar anonimo di Alessandro Ronchi
    Alessandro Ronchi

    Caro Sandokan, volevo solo precisarti due cose che pare non ti siano molto chiare. Riguzzi non votò a favore dell'inceneritore. Nella Valutazione di Impatto Ambientale fu l'UNICO a votare contro. Una delle sue colpe fu quella di farsi strumento di Bulbi per fare un piano dei rifiuti che prevedeva quell'impianto (ma prevedeva anche la raccolta porta a porta a Forlimpopoli, che oggi molti guardano come se fosse un proprio risultato). Delle due l'una, quindi: o attribuiamo all'assessore di aver deciso in autonomia sia l'inceneritore sia il porta a porta a Forlimpopoli oppure mettiamo tutto sulla bilancia, con i rapporti di peso di tutte le forze politiche. Detto questo, i Verdi decisero di non permettere il rinnovo della tessera a Riguzzi, perché non seguiva le indicazioni del partito. Questo non è avvenuto per nessun altro assessore che abbia di fatto votato per l'inceneritore. In Comune a Forlì non si capisce come si faccia a dire che i Verdi potevano fare di più: più di minacciare e concretizzare l'uscita dalla giunta? Dovevamo darci alle molotov? Ma per piacere... E' molto facile fare bassa demagogia e dare agli altri le responsabilità per fare propria campagna elettorale. In giro di "politikanti" ce ne sono tanti, anche fuori dai partiti.

  • Avatar anonimo di Sandokan!!!
    Sandokan!!!

    CARISSIMI VERDI & RIFONDAROLI:(verdi)Avete dimenticato di un signore che girava nelle associazioni ambientaliste locali,che nel 2004 con la coalizione di centro sinistra si ritrova Assessore all'Ambiente della Provincia Forlì Cesena.Bene tutti pensavano,invece il bello ancora doveva venire,questo signore si chiama Roberto Riguzzi (ormai ex verde) certo un verde che vota per il 3°INCENERITORE non è da tutti.Per la Morelli volevo dire che poteva fare molte più cose,praticamente siete stati coinvolti in quello che decideva la mggioranza!!!.(rifondaroli)Avete anche voi le vostre colpe.Perche il Porta a Porta non parte,fate delle gradi parole sui giornali,soltanto per prendere in giro i cittadini onesti,(forse non parte prchè dentro il mostro chiamato Hera c'è un rifondarolo di Cesena?).Ora che si avvicinano le elezioni tutti si vogliono prendere dei meriti,per lo smantellamento del vecchio inceneritore,i cittadini di Forlì conoscono benissimo la storia e di chi devono andare i meriti.STOP POLITIKANTI!!!Sandokan

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -