Forlì, visita di Napolitano. Le curiosità dalla sala del Consiglio in attesa del Presidente

Forlì, visita di Napolitano. Le curiosità dalla sala del Consiglio in attesa del Presidente

Forlì, visita di Napolitano. Le curiosità dalla sala del Consiglio in attesa del Presidente

FORLI’ - C’è attesa nella sala del Consiglio Comunale per l’arrivo e la prima uscita pubblica del Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano a Forlì. Parte di piazza Saffi è stata transennata dall’imbocco di corso della Repubblica per permettere l’arrivo dell’auto presidenziale. Una discreta folla è assiepata alle transenne, nonostante il freddo, per attendere il passaggio del Presidente a piedi.

Nella sala del Consiglio sono presenti i consiglieri comunali in gran spolvero. Tra gli elementi di curiosità, si annoverano il foulard tricolore della consigliera Pd Sarà Samorì, i fazzoletti verdi nel taschino della giacca dei consiglieri della Lega Nord, e un vistoso fazzoletto tricolore nel taschino dei due consiglieri dell’Idv Montebello e Balestra e del vice-sindaco Biserna (consegnato dal partito a dicembre per le occasioni speciali). Spilla tricolore anche alla giacca per Marco Di Maio (Pd).

 

Nella sala del Consiglio è presente anche il registro d'onore del Comune. Nella pagina precedente a quella che sarà firmata da Napolitano, c'è la firma del presidente della Repubblica slovacco, datata 21 novembre 2003, in quella ancora precedente la firma del Presidente della Repubblica Carlo Azeglio Ciampi, datata 2000.


Forlì, visita di Napolitano. Le curiosità dalla sala del Consiglio in attesa del Presidente

Commenti (7)

  • Avatar anonimo di rossofo
    rossofo

    Non vi è commento o parole,per questo paese che come una nave alla deriva che dopo avere rotto gli ormeggi del porto della democrazia si dirige verso il baratro della dittatura.

  • Avatar anonimo di luciano54
    luciano54

    Il fazzoletto verde è una divisa inconfondibile e pertanto che sia portato in ogni occasione da rappresentanti di un partito è democraticamente legittimo. Che sia altresì portato (il fazzoletto/divisa) da rappresentanti del governo (ministri) ci rimanda ad atmosfere sinistre di un recente passato. D'altra parte la Lega non ha mai nascosto nei fatti e negli atteggiamenti tutto ciò che ci ricorda un partito populista intollerante e razzizta. Buon pro gli faccia..........

  • Avatar anonimo di pasta
    pasta

    Ma da uno con nobili avi padani di nome Aprigliano, cosa si può mai pretendere ?? Lega Nord.... :-)

  • Avatar anonimo di pasta
    pasta

    basti guardare chi c'è poi di "padana nascita"

  • Avatar anonimo di Brenno
    Brenno

    ... per fortuna si sono messi il fazzoletto verde, almeno quello. 1861-2011 ... IO NON FESTEGGIO !

  • Avatar anonimo di fabrizio bazzocchi
    fabrizio bazzocchi

    Si è proprio una vergogna, sempre con quel fazzoletto verde. Sprezzanti, basta leggere lle incredibili parole di bossi in risposta al Presidente Napolitano sul 150esimo. E poi l'invito di Rondoni al rondopoint... Mah, per me siamo alla frutta.

  • Avatar anonimo di Lorenzo Grecis
    Lorenzo Grecis

    i consiglieri con il fazzoletto verde nel taschino si potevano stare a casa!!! ma è mai possibile che anche in un'occasione del genere questi "squilibrati della politica" debbano gettare il guanto della sfida? sono persone irrispettose !!!!

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -