Forlì, voleva salire sul bus col cane, 2.500 euro di multa

Forlì, voleva salire sul bus col cane, 2.500 euro di multa

Forlì, voleva salire sul bus col cane, 2.500 euro di multa

FORLI' - Aveva pagato il biglietto sia per lui che per Sharon, per salire sul bus alla fermata davanti all'ospedale Morgagni-Pierantoni. Ma per il 58enne e il suo cane, Sharon appunto, non c'è stato niente da fare. L'episodio risale allo scorso ottobre, ma la condanna del tribunale nei confronti dell'uomo è arrivata e lui si è trovato a dover pagare 2.500 euro per interruzione di pubblico servizio. Il cane era dotato di guinzaglio e museruola, di qui la discussione con l'autista.

 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il tranviere non ha voluto in nessun modo che il cane salisse a bordo perchè, non di piccola taglia, come previsto dal regolamento. Da qui la discussione che ha costretto il padrone di Sharon a chiamare la Polizia, ma nulla da fare. Il cane non è salito sul bus e il padrone si è beccato una multa di 2.500 euro.

Commenti (10)

  • Avatar anonimo di Marc
    Marc

    Che sia un "poveraccio" è tutto da dimostrare... Se poi si vuole prenderne le difese per mero spirito pseudoanimalista, è meglio lasciar perdere. Il sottoscritto ama gli animali, ma NON PENSO che il semplice fatto di aver pagato 2 biglietti mi dia il diritto assoluto di far salire sul bus qualsiasi cosa!E, ripeto, l'entità della multa deriva probabilmente dal comportamento protratto nel tempo in maniera rilevante. (se si sentiva leso nei suoi diritti poteva presentare un esposto e mandarne una copia per conoscenza ai principali organi di stampa locali, senza arrecare danno agli altri passeggeri!)

  • Avatar anonimo di @rmy
    @rmy

    Senza stare a citare un pezzo di ogni commento... dico solo che è imbarazzante ciò che avete scritto e ciò che è stato fatto. E' comodo a tutti dire che se le leggi ci sono vanno rispettate e poi andate, dove andate è riferito al forlivese medio, TUTTI in bicicletta CONTROMANO INFRANGENDO UNA CHIARA E NON DIVERSAMENTE INTERPRETABILE REGOLA DEL CODICE DELLA STRADA. Avrei condito questo mio commento con una raffica di insulti, ma per quanto schifato da quanto è accaduto, mi controllo e trattengo per non abbassarmi a livello di chi giudica corretto che un poveraccio non possa salire col proprio MIGLIORE AMICO sul bus dopo aver RIGOROSAMENTE pagato anche il biglietto. Facciamo solo gli occhi dolci quando vediamo i servizi relativi a maltrattamenti su striscia e poi ci comportiamo così. Ma non vi fa un pò schifo come CI siamo ridotti? SE il cane avesse INFASTIDITO qualcuno, con un morso impensabile dato che aveva la museruola, ma diciamo al massimo "sporcando" il sicuramente pulito e antibatterico pavimento del pullman, allora ci sarebbe potuta essere una multa, ma sicuramente ALMENO 10 volte inferiore alla sanzione applicata. Io, piuttosto che pagare una simile multa me ne andrei da un paese tanto ignorante e ipocrita. Che poi si dica che la multa è dipesa dal ritardo causato dal padrone del cane beh, ancora più ridicolo, perchè io penso E SPERO che chiunque in una situazione analoga si comporti così, ovvero, HO PAGATO DUE BIGLIETTI, VOGLIO FAR VALERE I MIEI DIRITTI. Se voi pagate il talloncino per un parcheggio che scade alle 10.02 e tornando alla macchina alle 10.04 del vostro orologio trovate la multa.... una bella multa da 2.500 euro.. che fate?! Tutti ammenda a recitare il mea culpa e a prenderlo nel........ O magari partite con disperate fasi di contestazione della multa stessa?

  • Avatar anonimo di Brina
    Brina

    Francamente io lascerei a terra tante persone e farei salire i cani ben volentieri.

  • Avatar anonimo di Marc
    Marc

    Ricordo che sottolineare il fatto che il cane aveva guinzaglio e museruola non ha nessun significato, in quanto senza di essi non si può portare il cane da nessuna parte. Come pure di nessuna importanza ha il dato che il tram fosse più o meno pieno... La norma è semplice e non si può prestare ad alcuna interpretazione. Quindi questa volta la multa è sacrosanta anche perchè, mi sembra di capire, chi la deve pagare ha impedito ad altri di fare il proprio lavoro!

  • Avatar anonimo di Paul
    Paul

    Capisto che i milioni di euro di debiti che accumula l'Atr anno dopo anno pesino, e 2.500 euro di multa siano comodi, però trovare tutti i modi per scoraggiare la gente nell'utilizzare i mezzi pubblici mi sembra il colmo... Aveva perfino pagato il biglietto per il cane!!! Guinzaglio e museruola!!! Tra l'altro ci saranno state 4 persone sul tram...anzi forse 5 visto che era quello della linea ospedaliera, quindi uno dei più trafficati... Siamo peggio del terzo mondo! Ogni giorno sempre di più...

  • Avatar anonimo di Marc
    Marc

    Concordo con Annibale. E poi qui si parla di " Interruzione di pubblico servizio", questo lascia intendere che il proprietario del cane ha impedito al tranviere(ed a eventuali altri passeggeri) di compiere, per un tempo considerevole, il proprio lavoro con i tutti ritardi conseguenti! Quindi non si è trattato di una semplice, per quanto accesa, discussione...

  • Avatar anonimo di annibale
    annibale

    @x tutti Se ci sono delle regole vanno rispettate. Siamo come un immenso monopoli o come (allo stato attuale) Risiko, chi non ci sta...non gioca!!!! @Nina Quando all'ingresso dei parchi ci sarà il cartello vietato pipì bimbi, ci si adeguerà. Ma prima voglio vedere vietato ai vecchi che sputano per terra!!!

  • Avatar anonimo di Gim
    Gim

    Credo e spero che il multato non sia un non vedente, bensì solo un'arrogante liberissimo di muioversi con le gambine quando in compagnia del proprio cane di grossa taglia.

  • Avatar anonimo di Nina
    Nina

    La regola in questione, a mio avviso discutibile dato che il cane era provvisto di guinzaglio e museruola, non potrebbe essere rivista per consentire ai padroni di cani di salire sui mezzi pubblici ? Questi benedetti animali non posso entrare da nessuna parte! Al parco se entri con una nutria di 10 kg sotto braccio o una pantegana malata a braccetto nessuno dice niente, ma un cane magari ben educato e provvisto di guinzaglio, museruola NON PUO' ENTRARE... nemmeno se il padrone ha con sè i sacchetti per i bisognini ! E alla fine facciamo multe salate come questa (un pò esagerata magari ?) ... ma nessun provvedimento, ed è solo un esempio, alle mammine che fanno fare pipì ai loro bimbi OVUNQUE, compresi gli spazi comuni di gioco nei parchi... perchè tanto la "pipì dei bimbi è come l'acqua santa" !?!?! Mah ...

  • Avatar anonimo di signorG
    signorG

    Se la regola è quella, allora è giusta la multa. Però mi chiedo: a queste persone in che modo si garantisce la libertà di muoversi?

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -