Forlì, volley. Marmi Lanza dura come il marmo: decima sconfitta per la Yoga

Forlì, volley. Marmi Lanza dura come il marmo: decima sconfitta per la Yoga

Forlì, volley. Marmi Lanza dura come il marmo: decima sconfitta per la Yoga

FORLI' - Troppo dura la Marmi Lanza per questa Yoga che contro la formazione scaligera, per 3-1, fa tombola di sconfitte: 10 su 10. Un risultato netto che porta con sé una nota positiva e una conferma: la buona notizia è il buon esordio del palleggiatore Sintini, quella pessima la mancanza di un terminale offensivo capace di offrire alternative a Falasca e Kovacevic. Ancora indisponibile Bellei, la Yoga ha offerto una prova in generale discreta.

 

Seppur mollando nettamente nel finale, ha mostrato un temperamento ben più combattivo che in passato.

 

Primo set - Sarà la novità Sintini in cabina di regia sarà che Forlì ha le spalle sempre più appiccicate al muro, ma la partenza Yoga è con tutt'altro brio rispetto alle prestazioni precedenti: in difesa pur restando alcune lacune a muro, lotta su ogni pallone e in attacco trova punti da tutta la sua prima linea. Aiutata da alcune sbavature di Verona (3 errori servizio) e da una battuta precisa, la Yoga gira per prima al time out tecnico (8-6) poi allunga fino a +3, 11-8 (punto di Falasca). La Marmi Lanza prova a scrollarsi di dosso l'apatia e pesca il pareggio al punto 12 (Brunner), ma la Yoga è solida come mai e ispirata da un ottimo Sintini guadagna ancora la barra del match (16-14 punto Bovolenta). A spegnere facili entusiasmi ci pensa l'asso Lasko: tre ace e Verona è a +1, 18-19. Tanto basta per far ingranare la marcia giusta agli ospiti che punendo le debolezze forlivesi in ricezione (ottimo in servizio Cala Gerardo) trova il break (19-21 solo rete di Cuturic) fatale: due punti di Lotman e il primo set si chiude 21-25 per i gialloblu.

 

Secondo set - La rimonta patita non fiacca Forlì che al rientro nel secondo parziale morde la partita, poggiando forte sull'asse tutto esperienza Sintini-Bovolenta: 8-5. A smontare la panna ci pensa ancora Lasko che mettendo a terra tre palle consecutive, ricuce lo strappo (8-8). E' il la per un punto a punto feroce con Falasca da una parte e Cala Gerardo dall'altra, a dettare i ritmi. Dalle manone del martello statunitense (unito alla trovata quadratura del muro scaligero su Falasca) arrivano i punti per la fuga Marmi Lanza: 14-16. Mentre la Yoga lentamente si perde, specie in attacco dove marcato stretto Falasca, il resto della truppa offre poco o nulla (e qui c'è da segnalare la scelta di Molducci di tenere Diachkov in panca a favore di Cuturic più presente in ricezione ma assente in fase realizzativa), la Marmi "gioca facile" con Cala Gerardo (8 punti a fine set), inanellando parziali (19-21) fino al successo di set, 20-25.

 

Terzo set - Come nei set precedenti, la Yoga parte ancora fortissimo, mettendo la griffe sulla prima frazione sigillata 8-5 grazie ai "mattoncini" di Bovolenta, Kovacevic e Diachkov. Al rientro Forlì allunga fino a +5, 10-5. Un gruzzolo che la Yoga, nonostante i troppi errori in battuta (), non scialacqua (13-9, 16-12). La Marmi prova a restare al gancio con Lotmap ma la resistenza dura il tempo di due scambi, e senza troppa pena, cede di schianto. Bovolenta, Kovacevic e Falasca colpiscono senza tregua la molle difesa veneta (23-15), portando, sul 25-17, il primo set nella cascina romagnola.

 

Quarto set - I primi scambi denotano che Verona è tornata vigile, d'altronde il set può essere quello decisivo (2-5). Forlì non è da meno e con Bovolenta trova il pareggio, 5-5. Due punti di Oivanen (uno a muro) portano la Yoga al primo time sul +2, 8-6. A questo punto si accende un batti-ribatti, lungo e intenso almeno finché non sale in cattedra Cala Gerardo che piazza palloni e muri per il primo break (11-15 su out di Bovolenta) e la fuga che consolida il vantaggio (14-20). La Yoga depone le armi, mollando set e match per 18-25.

 

Nel finale, positiva la lettura del neo regista Yoga, Giacomo Sintini: "E' stata una buona prova, c'è bisogno di lavorare duramente ma i margini per migliorare ci sono tutti. Il materiale tecnico non ci manca."

 

 

PARZIALI - 21-25 (25'), 20-25 (26'), 25-17 (23'), 18-25 (26')

 

ARBITRI - Pozzato (BZ) e Pasquali (AP)

 

YOGA VOLLEY FORLÌ - Falasca 13, Sintini, Diachkov 9, Cuturic, De Pandis (L), Oivanen 8, Bovolenta 13. N.e. Ainsworth, Loglisci, Bacci, Bellei. All. Molducci.

 

MARMI LANZA VERONA - Pajenk 5, Brunner 11, Meoni 1, Lasko 14, Lotman 16, Zingel, Cala Gerardo 23, Bolla. N. e.: Latelli, Herpe. All. Bagnoli.

NOTE - Yoga Forlì: punti battuta 3, errori battuta 14, muri 6; Marmi Lanza Verona: punti battuta 4, errori battuta 16, muri 10.

 

Francesco Mazza

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -