Forlì, volley. Yoga senza sorprese: esce battuta dalla capolista

Forlì, volley. Yoga senza sorprese: esce battuta dalla capolista

Forlì, volley. Yoga senza sorprese: esce battuta dalla capolista

FORLI' - Testacoda senza sorprese al PalaCredito: il fanalino Yoga esce battuto dalla capolista Itas Volley Trentino 0-3. Priva della bocca da fuoco principe, Falasca, con il sostituto Bellei ancora zoppicante, contro i fortissimi Campioni d'Italia e del Mondo, Forlì ha comunque offerto una prova da salvare, quanto meno a livello dell'impegno. Ancora "in debito" di un martello di peso (e forse di un centrale), non sono mancate note liete per Molducci.

 

Tra cui anzitutto il recupero sempre più avviato del martello croato Kovacevic (15 punti) e la sintonia totale con la squadra del regista Sintini. Tutto sommato soddisfatto della prova dei suoi, coach Molducci: "Non è stato un passo indietro dopo il successo a Latina. Purtroppo continuiamo a patire una coperta troppo corta, ma il trend di gioco è indirizzato in maniera giusta. Ho visto i ragazzi affrontare il match con la grinta giusta e la migliore concentrazione. Davanti però avevamo una squadra superiore, forse la più forte oggi al Mondo. Mercato? Inutile dire che qualcuno deve arrivare."

 

Primo set - Prime battute degne della trita metafora di "Davide contro Golia": Forlì - il fanalino di coda capace di vincere una sola partita in 11 gare - infatti regge l'urto della poderosa macchina da punti trentina. Con Bovolenta e Sintini a dar lezione di grinta e tecnica, l'Itas non riesce a fuggire toccando il primo time out tecnico avanti solo di un punto, 8-7 (Berarelli). Il mini intervallo non smorza la verve romagnola e la Yoga resta aggrappata ai campioni d'Europa e d'Italia grazie ad alcune buone azioni a muro e alle intuizioni Sintini, bravo nello sfornare assist d'oro per Oivanen (suo l'ace del 8-8), Kovacevic e un ispirato Diachkov (6 punti nel parziale). L'impasse purtroppo non dura. A far crollare l'argine ci "pensano" tre attacchi totalmente fuori obiettivo di un Bellei lontano dalla condizione migliore e buttato in campo al posto dell'infortunato Falasca, che scavano il primo fosso: da 8-8 a 9-12. Un +3 che Trento conserva senza fatica fino al secondo time: 13-16 su punto di Kaziyski. La Yoga ricuce fino a -1, 17-18, ma il tandem Kaziyski-Stokr toglie la pezza, spegnendo la luce al set: 19-25

 

 

Secondo set - Il secondo parziale prosegue le battute del precedente: Trento punge sia in difesa, dove il muro "disinnesca" Kovacevic, sia in attacco, fase nella quale brilla il martello bulgaro che di prepotenza firma due punti buoni per il primo break, 6-8. I biancoblu si sbucciano le ginocchia e i polpastrelli per arginare Stokr & Co ma è lato offensivo che le punte non hanno acume (Diachkov e Bellei in primis). Trento rigiocando palloni in serie, macina così punti utili per metter a referto un sostanzioso +6, 9-15. Un divario profondo quanto la fossa delle Marianne se davanti hai veri fenomeni quali Stokr e Kaziysky. La Yoga ha comunque il merito di tentare il tutto per tutto, riuscendoci in parte. Alfieri della rimonta sono Oivanen e soprattutto Kovacevic. Dalle potenti braccia dello schiacciatore croato arrivano le bordate del -1, 23-24. Il pareggio è ad un passo ma

Garcia chiama la veloce che chiude senza problemi: 23-25 e secondo set all'Itas.

 

Terzo set - Fiutato il bottino pieno, l'Itas riparte col turbo: 1-4. Forlì, in barba ad avversario e classifica, però non cede. Diachkov, ingrana la quinta, ed è pareggio: 5-5. Peccato che proprio il martello russo, sul 7-8, confezioni due erroracci che di fatto spaccano set. Trento può salire a +5 (11-16). Ancora Kovacevic prova a ristabilire l'equilibrio spingendo la Yoga fino ad un passo dall'agguantare gli ospiti: 18-19. L'Itas non trema, aspetta gli errori altrui che immancabilmente arrivano: apre le danze una battuta a rete di Kovacevic cui segue un muro di Sokolov su Oivanen. Ecco così materializzarsi il -3, 18-21, che ridà fiato ai bi-campioni ed anticipa il finale set, fotocopia del precedente, con Garcia a siglare la veloce del 21-25.

 

 

MVP - Kaziysky (Itas Volley Trentino)

 

PARZIALI - 19-25 (23'), 23-25 (26'), 21-25 (21')

 

ARBITRI -Ilaria Vagni (PG) e Daniele Rapisarda (UD)

 

YOGA VOLLEY FORLÍ - Diachkov 13, De Pandis (L), Oivanen 6, Kovacevic 15, Sintini 3, Bellei 9, Oivanen 6, Bovolenta 6, Ricci Petitoni (L). N.e. Bacci, Ainsworth. All. Molducci.

 

ITAS VOLLEY TRENTINO - Kaziyski 22, Birarelli 6, Della Lunga 5, Zygadlo 1, Bratoev, Sokolov, Stokr 15, Garcia Ribeiro 8, Bari. N.e.: Leonardi, Vieira, Juantorena. All. Stoytchev.

 

 

NOTE - Yoga Forlì: punti battuta 3, errori battuta 8, muri 10; Volley Trentino: punti battuta 3, errori battuta 10, muri 9. Spettatori 1500 (una quarantina da Trento).


Francesco Mazza

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -