FORLI' - Bilancio, affondo della Cdl: ''Dimostra inadeguatezza della giunta''

FORLI' - Bilancio, affondo della Cdl: ''Dimostra inadeguatezza della giunta''

FORLI’ – Giudizio nettamente negativo dai banchi dell’opposizione al bilancio comuanle presentato questa mattina (mercoledì) dall’assessore Lodovico Buffadini e che prevede l’aumento dell’aliquota Irpef dallo 0,40% allo 0,49%.


Marino Bartoletti, capogruppo di ‘Viva Forlì’ e candidato sindaco del centrodestra alle elezioni amministrative del 2004, fa notare “come la giunta manifesti la sua inadeguatezza in certe sue componenti”. La maggioranza in questi due anni e mezzo di legislatura per Bartoletti si è dimostrata “un grand hotel, con gente che va e gente che viene”, alludendo all’uscita dalla maggioranza del consigliere repubblicano Lauro Biondi e all’ingresso in questo giorni della lista autonoma ‘Nuova Romagna’ guidata da Piergiuseppe Bertaccini.


Per il giornalista sportivo e da pochi giorni amministratore delegato di ‘Milano Sport’, nominato su indicazione del sindaco di Milano Letizia Moratti (Forza Italia), non è pensabile crescere in una città dove si fa “mercantismo di collegi sindacali, dove assessori già gratificati dalla posizione in giunta siedono anche in questo o quel consiglio d’amministrazione”. Bartoletti ha puntato il dito contro le società pubbliche partecipate dal Comune, facendo notare che “nessuno di massimi dirigenti è stato nominato per competenze professionali, ma solo per ‘meriti’ di partito”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Per Vanda Burnacci, di Forza Italia, il Comune poteva fare di più sul bilancio di previsione 2007 agendo soprattutto su tre aspetti. “Si potevano recuperare risorse da una azione più concreta sulla lotta all’evasione fiscale, perché dal classamento dell’Ici si potrebbero introritare molte risorse in più”. Secondo la Burnacci, inoltre, “sugli oneri di urbanizzazione il Comune poteva sbilanciarsi di più”, mentre andava approfondita in modo maggiore “il crollo degli introiti derivanti dalle sanzioni per l’infrazione al codice della strada”.

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -