FORLI' - Comunisti italiani forlivesi a Berlino per commemorare Rosa Luxemburg

FORLI' - Comunisti italiani forlivesi a Berlino per commemorare Rosa Luxemburg

FORLI' - Una delegazione del PDCI di Forlì, costituita da Denis Valenti Segretario della Federazione e componente della Segreteria Regionale dell'Emilia-Romagna e da Davide Spagnoli della Direzione Provinciale, parteciperà il 9 gennaio 2005 a Berlino alla manifestazione per l'anniversario dell'assassinio di Rosa Luxemburg e Karl Liebknecht, fondatori del Partito Comunista Tedesco, uccisi il 15 Gennaio 1919, dopo l'insurrezione "Spartachista".


Sarà una manifestazione imponente, che si rinnova da molti anni, un popolo di sinistra che dopo un lungo corteo si ritroverà nel grande cimitero della città di Berlino, il "Cimitero dei Socialisti" dove sono sepolti i comunisti, i socialisti, i dirigenti del movimento operaio tedesco, i soldati del battaglione "Thaelmann" che combatté nella guerra di Spagna. Teorica del conflitto sociale fu famosa per la sua aspra polemica contro la politica "attendista" ed opportunista del Partito Socialdemocratico Tedesco, che avallò con un voto vergognoso (unico contrario K.Liebknecht) l'ignominia della Grande Guerra.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...


La Luxemburg rimane una grande e nobile dirigente del movimento operaio. Di Rosa Luxemburg, nata "per sorvegliare le oche" finita invece "per sbaglio intorno al vortice della storia", oltre al suo indomito coraggio, pagato al prezzo della vita, vogliamo ricordare la straordinaria denuncia contro l'imperialismo e la guerra, l'analisi feconda sull'accumulazione del capitale, sulla relazione strutturale tra sviluppo capitalistico e miseria crescente nel resto del mondo, la critica al ruolo talvolta conservatore delle burocrazie partitiche e sindacali e la sua fede incrollabile sull'avvento del socialismo.

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -