FORLI' - Con Ascanio Celestini a teatro ''Appunti per un film sulla lotta di classe''

FORLI' - Con Ascanio Celestini a teatro ''Appunti per un film sulla lotta di classe''

FORLI' - Con il sempre straordinario Ascanio Celestini proseguirà, lunedì 31 marzo alle ore 21 presso il Teatro Diego Fabbri di Forlì, la rassegna di spettacoli de La Scuola dello Spettatore, organizzata per Teatro in Corso da Accademia Perduta/Romagna Teatri, Fondazione Cassa dei Risparmi di Forlì, Comune di Forlì – Ass.to alla Cultura, Provincia di Forlì – Ass.to alla Cultura, Alma Mater Studiorum Università di Bologna – Polo Scientifico-Didattico di Forlì e Ser.In.Ar.

Celestini presenterà la pièce Appunti per un film sulla lotta di classe (non è uno spettacolo ma proprio quello che dice il titolo!). In questo monologo l’attore affronterà il tema del lavoro precario, piaga attualissima della nostra società.


“È un insieme di appunti che ho incominciato a prendere per una storia della lotta di classe oggi. Una volta le persone che appartenevano alle diverse classi sociali avevano anche culture diverse. Il ricco suonava Mozart, il povero ballava il saltarello. Oggi è possibile che sentano entrambi De André o D’Alessio; oggi la differenza è solo nei soldi. Così ho incominciato a raccogliere storie per capire cosa è rimasto della coscienza e dell’identità nell’appartenenza a una classe e mi è sembrato che in particolare nel lavoro precario si aprisse una vera voragine. Ci sono certi operatori del call center che stanno al telefono con la stessa crisi della presenza che attraversa uno che se ne va al funerale di suo fratello. Vanno a lavoro come si va a visitare una città bombardata. Rispondono al telefono, ma sono anestetizzati, colpiti dall’azzeramento che l’istituzione opera su di loro come una divinità antica e feroce che li rende ombre.


Eppure ci vanno con leggerezza perché spesso manco lo considerano un lavoro, ma solo una maniera per racimolare qualche soldo. Denaro che non è mai abbastanza per uscire dalla povertà, così i più anziani si devono arrangiare a fare altri lavori e lavoretti. Invece i più giovani restano inchiodati alla casa di mamma e papà in un limbo che non li fa stare più nella tarda adolescenza liceale, ma non ancora nella maturità dell’adulto che si fa una vita autonoma. Ma per uscire dal mondo delle ombre bisogna imparare ad attraversarle. E uno che impara a oltrepassare le ombre può attraversare anche i muri di cemento armato. Può attraversare le porte anti-panico senza spingere sui maniglioni rossi. Scendere per strada attraverso i muri delle villette controllate dagli allarmi, attraverso le banche videosorvegliate. Attraversare i muri delle zecche, che fanno bene a chiamarle zecche perché servono a succhiare il sangue alla gente. Può attraversare i parlamenti dove tutti smetteranno di parlare. E le guardie giurate giureranno che non è colpa loro. Diranno che ‘i servizi di sicurezza non servono più. Come un macellaio in un mondo di vegetariani, come un assassino nel camposanto’. Una guardia cercherà di fermarlo, ma lui attraverserà pure quella guardia con tutta la sua divisa. La guardia che dirà che ‘non vale! Questa è magia’. E lui gli risponderà che non è magia, è lotta di classe” (Ascanio Celestini).

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Biglietti: da 21 a 15 euro. Info: 0543/64300 – 0543/374328 e www.accademiaperduta.it

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -