Forlì, 'Diego Fabbri'. Il sindaco: "non ci sono rischi reali all'interno della scuola"

Forlì, 'Diego Fabbri'. Il sindaco: "non ci sono rischi reali all'interno della scuola"

Forlì, 'Diego Fabbri'. Il sindaco: "non ci sono rischi reali all'interno della scuola"

FORLI' - "Ho emesso quell'ordinanza sulla scuola ‘Diego Fabbri' a scopo cautelativo per la popolazione; ma sono che non ci siano rischi reali all'interno di quel luogo". Lo ha detto il sindaco di Forlì, Roberto Balzani, intervenendo nel tardo pomeriggio di martedì alla presentazione del volume sullo sviluppo locale alla Camera di Commercio. Il sindaco lo ha detto a proposito della "assoluta disparità che c'è tra le attese dei cittadini e le possibilità che effettivamente un sindaco ha". 


Balzani ha anche aggiunto che l'ordinanza firmata domenica sera è servita "per porre l'attenzione su un problema ambientale che riguarda questo territorio e rispetto al quale questa Amministrazione ha fatto una scelta ben precisa, ponendo il tema dell'ambiente in cima alle priorità".

Commenti (7)

  • Avatar anonimo di Gil
    Gil

    Premetto di essere un genitore la cui figlia frequenta la Diego Fabbri. Come tanti ero all'assemblea di giovedì scorso dove ho assistito ad una dimostrazione di rara cattiveria e inciviltà. Si faceva a chi urlava più forte a chi era più arrabbiato a chi faceva più tiro al piccione sotto l'occhio compiaciuto e direttivo del Dott. Rondoni il quale si sarebbe meritato molte simpatie se, come cattolico fervente, avesse preso la parola per calmare e rasserenare gli animi riconducendo l'assemblea in un alveo di civile dibattito. E' noto che se il Sindaco Balzani dice giù prontamente qualcuno urlerebbe sù e se dicesse giù subito si contrapporrebbe un sù. Insomma tengo alla salute quanto alla civiltà difficile che ci sia l'una senza l'altra. Viva la civiltà e il confronto civile. Giovedì sera molti genitori hanno dato un raro esempio di inciviltà ed arroganza. Viva l'Italia viva la civiltà.

  • Avatar anonimo di ATTILA
    ATTILA

    @Effe ???????

  • Avatar anonimo di Effe
    Effe

    Attila/ex assessore per favore...

  • Avatar anonimo di Gim
    Gim

    I "partigiani" forlivesi sono troppo impegnati a discutere sulla sorte del natale e decidere finalmente se fare l'alberello oppure no, per queste "stupidaggini" ancora non hanno trovato il tempo....

  • Avatar anonimo di R_I_C_K_
    R_I_C_K_

    forse attila esagera...forse la colpa è anche dei predecessori che gia da anni si sa che l'amianto è dannoso alla salute e va rimosso...in tutti questi anni non si è trovato il tempo??? le scuola chiudono da meta' giugno a meta' settembre...il tempo si trova no? sembra da quel che dicono che la parte di eternit sia poco rilevante...vogliamo avere fiducia??? ci provo...

  • Avatar anonimo di Uomo Ragno
    Uomo Ragno

    Pensare che sarebbe bastato concludere i lavori per l'inizio della scuola.

  • Avatar anonimo di ATTILA
    ATTILA

    Eccolo qua, il Sindaco fenomeno. Prende anche per i ... fondelli i forlivesi. Ha fatto una ordinanza per paura di eventuali responsabilità, poi si è reso conto di avere fatto una maronata grande come una casa, ha preso in giro tutti i genitori e gli insegnanti della Fabbri, ... poi con quel faccino da incantatore ,ormai più di nessuno, si trincera dietro la dichiarazione che ha fatto l'ordinanza per porre l'attenzione sul problema ambientale!!!!..TOTO' direbbe " MA MI FACCIA IL PIACERE!!!". Sembra di vedere un'armata brancaleone alle crociate.Questa giunta dei professori è veramente il peggio che potevamo chiedere per questa città. La stessa Ausl, da quello che si legge sulla stampa, ha minimizzato e ha dichiarato che la questione era molto circoscritta , e bastava chiudere una sola stanza, per precauzione. Il sindaco Lancillotto ha sfoderato la spada dell'ordnanza e.. Zacchete ha creato panico, reazioni scomposte ma anche giuste dei genitori che ovviamente si sono molto preoccupati per la salute dei loro figli. Sindaco non usi così le ordinanze sulla pelle dei bambini per la sua ambizione e visibilità ecologista che non c'è , ma che le serve per sole ambizioni personali. in compenso il vice sindaco aveva rassicurato ai primi di settembre che era tutto a posto ,.. poverino è giusto che si vada a casa e bene farà l'opposizione a chiedere le sue dimissioni.. per incapacità manifesta , superficialità..e incompetenza. In compenso ci diletteremo come città a pensre ad un albero di natale con bando pubblico.. Propongo un BANANO come identià di questa giunta, fuori da tutto, incompetente presuntuosa e non rappresentativa neanche delle nostre tradizioni.

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -