FORLI' - Ecosistema scuola, città al terzo posto in Italia

FORLI' - Ecosistema scuola, città al terzo posto in Italia

FORLI’ - La pubblicazione dell’annuale Rapporto “Ecosistema scuola” anche per il 2008 mostra la Città di Forlì ai primi posti delle graduatorie nazionale. Infatti, l’insieme degli indicatori scelti da LEGAMBIENTE per comparare lo stato di salute degli edifici scolastici e dei relativi servizi vede la nostra città collocarsi al terzo posto complessivo, dopo Prato ed Asti e davanti a numerosi Comuni dell’Emilia-Romagna e della Toscana, le Regioni meglio piazzate in questo campionato virtuale delle buone pratiche ambientali.


Si tratta di una conferma, visto che gli stessi dati erano emersi anche in altre indagini nazionali sulla qualità della scuola. E’ di pochi mesi fa la palma d’oro conquistata da Forlì nell’ambito della ricerca svolta dalla rivista specializzata “Tuttoscuola” che, assemblando 152 caratteristiche del nostro sistema scolastico, aveva messo al primo posto proprio la nostra provincia. Ma allora erano finiti sotto esame molti fattori, come la qualità delle strutture, l’ammontare delle risorse dedicate, le nuove tecnologie, i risultati scolastici, i test di apprendimento, l’efficienza amministrativa. Ed era stato proprio il buono stato dell’edilizia scolastica a “trainare” il livello complessivo della qualità educativa.


Nel Rapporto 2008 si esprime apprezzamento per Forlì, perché ha a disposizione uno specifico ufficio dedicato alla manutenzione dell’edilizia scolastica, che si occupa di un settore che va dalla progettazione degli interventi alla gestione delle pratiche legate alla prevenzione e certificazione. “Anche il dialogo continuo con i cittadini e con gli organi di partecipazione (quartieri, circoscrizioni, ma anche gruppi di genitori, organismi della scuola) - afferma il Sindaco Nadia Masini, - contribuisce a sottolineare la priorità di qualificazione del patrimonio dell’edilizia scolastica, con un monitoraggio “partecipato” frutto di una precisa scelta di governo e di collaborazione tra tecnici e cittadini”.


Ma quali sono i punti di forza delle scuole forlivesi? Nell’indagine di Legambiente gli indici positivi si riferiscono all’età anagrafica degli edifici, al fatto che siano stati appositamente costruiti come scuole, alla disponibilità di spazi verdi e/o per le attività sportive, alla presenza delle certificazioni relative alla sicurezza ed all’abbattimento delle barriere architettoniche. Il terzo posto guadagnato da Forlì si riferisce anche al settore della scuola secondaria superiore, ove la competenza è della Provincia.


Forlì, poi, balza al primo posto nella graduatoria specifica delle pratiche “ecocompatibili”, cioè all’insieme dei comportamenti “virtuosi” che vanno dalla promozione della raccolta differenziata dei rifiuti all’interno delle scuole all’utilizzo di fonti di illuminazione a basso consumo energetico, dall’introduzione di pasti biologici nelle mense scolastiche alla promozione del risparmio energetico. Una menzione particolare si riferisce al numero di progetti educativi volti a far crescere la sensibilità dei piccoli cittadini verso il rispetto dell’ambiente, progetti che vedono un concorso ampio di soggetti promotori, dall’associazionismo all’ente locale, dalle azione di credito ai centri appositamente dedicati all’educazione ambientale. “La sfida per un ambiente ecosostenibile si vince ormai dentro le classi –ricorda l’Assessore alle politiche educative Loretta Lega – ed anche le prossime scadenze per la città di Forlì, come una sperimentazione più intensiva (con modalità diverse) della raccolta differenziata, avranno pieno successo se stimolati dall’entusiasmo dei piccoli”.


I dati di Legambiente dicono che c’è ancora molto da fare, per ridurre ulteriormente le fonti di inquinamento interno ed esterno (come quello elettromagnetico o quello acustico). Per questo si rendono necessari nuovi investimenti per i prossimi anni, ma il riconoscimento ottenuto nelle graduatorie nazionali è uno stimolo a fare sempre meglio.


(Tutto il dossier 2008 di Legambiente sullo stato di salute degli edifici scolastici è consultabile nel sito https://www.legambiente.com )


Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -