FORLI' - Festa dell'Unità, musiche da tutte il mondo per una settimana

FORLI' - Festa dell'Unità, musiche da tutte il mondo per una settimana

FORLI’ - Prima settimana d’apertura della Festa Provinciale dell’Unità con la rassegna di musica tradizionale No Luoghi - Urban Folk Festival.
“La musica delle radici sul cemento della Fiera”, questo il sottotitolo della mani­festazione aperta mercoledì 27 giugno con i parigini Les Sgaboonistes, che prosegue fino al 6 luglio. “Una settimana di musiche tradizionali provenienti da ogni dove – dice Marco Bartolini, direttore artistico del festival – nasce dalla necessità di esprimere identità, di ri-umanizzare volumi vuoti scavando negli strati più profondi delle culture. La musica – prosegue – è uno di quegli elementi che, pur essendo profondamente radicati ma sempre mutevoli, costituiscono un segno di appartenenza a un luogo e ad una cultura. La musica diventa così un messaggio interculturale: uno spazio “neutro” come il palco in fiera si rivela quindi utile per contenere e valorizzare le tante culture e i suoni diversi, che sono la vera colonna sonora della nostra epoca”.

Ecco il calendario con i prossimi appuntamenti in programma sul palco centrale della Festa dell’Unità forlivese:


28/06/07
Ore 21,00
Palco No Luoghi

Taverna De Rodas
(Emilia)

Fra la Via Emilia e il west è la definizione che più si avvicina alla loro musica.
Un gruppo di rokkettari convertiti al folk sfodera un sorprendente repertorio diviso fra struggenti ballate in dialetto medicinese, canzoni da osteria e sfrenati balli bretoni conditi da chitarre elettriche, basso e batteria.

Luigi Biasini chitarra
Domenico Marchi basso
Dario Panzacchi batteria
Marco Bartolini percussioni
Ermes Dal Pozzo canto
Sauro Bussolari voce
Dario Ruggeri voce
Umberto Cavalli fisarmonica
Stefano Zuffi violino, mandolino, flauti



30/06/07
Ore 21,00
Palco No Luoghi

Ij Servaj
(Piemonte)

Dal Piemonte arrivano “Ij Servaj” (i selvatici) con un repertorio di una terra di confine che spazia in quella linea continua di tradizione che cinge l’Europa dall’area piemontese-occitano-provenzale, fino ai pirenei, fra il bal-folk ed grande e bellissimo repertorio di ballate consegnatoci fin dai tempi dei troubadour utilizzando cornamuse, ghironde, organetti e flauti tradizionali.



01/07/07
Ore 21,00
Palco No Luoghi

Bevano Est
(Romagna)

La musica dei Bevano Est è una raffinata mescolanza di nuovo e di antico, di tradizione e di nuova creazione. C'è qualcosa nell'alchimia della loro musica che risveglia i caldi sentimenti umani, personali e collettivi, che obbliga il corpo a una volontà di muoversi e di partecipare. Nella loro musica aleggia anche qualcosa di romantico accompagnato non di rado da una smorfia ironica. Si ritrova quello che nelle mutilazioni dell'io moderno si credeva di aver perduto per sempre.



02/07/07
Ore 21,00
Palco No Luoghi

Rosso Colore
(Marche)

Accanto ai brani che hanno fatto la storia della canzone d’autore, i Rosso Colore, finalisti del concorso I Maggio tutto l’anno 2007, propongono vere e proprie perle dimenticate, canzoni che per uno strano gioco della sorte si sono inabissate e che finalmente tornano a risplendere alla luce viva della loro commovente poesia. Per la prima volta a Forlì ci propongono un concerto tratto dal loro primo CD in uscita dal titolo: “Giornale di Bordo”, storie minute, semplici e autentiche, attraversate da una tensione costante verso il ricordo che si fa Memoria.

Gianfranco Renzoni voce
Gianluca Nicolini violino, flauto traverso, lira calabra, sulavrìa
Giacomo Rotatori fisarmonica
Paolo Sorci chitarra
Filippo Macchiarelli basso elettrico
Matteo Fraboni batteria e percussioni afrocubane
Luca Luzi batteria



03/07/07
Ore 21,00
Palco No Luoghi

Silvio Zalambani – Grupo Candombe
(Argentina – Italia)

Dopo Santiago de Cuba...passando per il Brasile, il viaggio musicale di uno dei pochi gruppi italiani che in grado di esibirsi con disinvoltura e successo persino in Argentina, Brasile e Cuba. Un percorso alla riscoperta della cultura tradizionale latino americana, partendo dall'Andalusía con tappa fondamentale a Cuba e in Brasile, fino a Buenos Aires. La musica, composta ed arrangiata da Silvio Zalambani, s’ispira a molti degli stili più caratteristici di questi paesi (fandango, zapateo, rumba, son, bolero, danzón, mambo, cha-cha, marcha-rancho, chôro, ijexá, bossanova, milonga, tango), evidenziandone la comune origine europea e soprattutto africana.

Silvio Zalambani sax soprano, musiche e arrangiamenti
Massimo Mantovani piano
Tiziano Negrello contrabbasso
Pedro Mena Peraza bongos e congas
Davide Bernaro timbales e pandeiro



04/07/07
Ore 21,00
Palco No Luoghi

Il Contemporaneo
(Emilia)

In equilibrio fra le sonorità tipiche del folk revival degli anni ’70, epoca in cui il gruppo si è costituito, e l’attualità della riproposta folk, lo storico gruppo carpigiano mantiene viva e rinnova la grande e storica epopea dei canzonieri di ricerca di ispirazione demartiniana.
La storia siamo noi!!!



05/07/07
Ore 21,00
Palco No Luoghi

The Good Fellas
(Romagna)

I gangster dello swing, i “Bravi Ragazzi" che suonano la musica degli emigranti italiani urbanizzati nelle metropoli americane della prima metà del XX secolo. Vestono l'immagine accattivante del gangster buono dal doppio petto facile, che fu dell’indimenticabile Fred Buscaglione; se state camminando in una notte di nebbia e da un seminterrato sembra provenire un ritmo medium swing, o se vedete sbucare un doppiopetto armato di mitra jazz, occhio, sono i Good Fellas!!

Lucky Luciano contrabbasso, voce, conduttore
Fabrais Bum Bum La Motta batteria
Jimmy Gennaro piano
Nick Salerno chitarra
Charlie Martino tromba, voce
Benny the cat Marsala saxofono, clarinetto, flauto
Rico Romano tromba, arrangiatore
JJ di Giacomo trombone



06/07/07
Ore 21,00
Palco No Luoghi

Stefano Zuffi & Pneumatica Emiliano Romagnola
(Emilia-Romagna)

In pochi e serratissimi anni di attività, il gruppo, capitanato da Stefano Zuffi, si è guadagnato la reputazione di uno dei più importanti gruppi di riproposta della tradizione musicale emiliano romagnola. Propone il suo nuovo spettacolo dedicato alle figure femminili della nostra tradizione: Regine, fate, sante e mal maritate.



Tutte le sere inoltre, dalle ore 21 alle 21,30, i protagonisti del Festival saranno in diretta sulla radio Rvs (fm 104,5), con interviste e commenti a cura di Ruben Costanzo.


Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -