Forlì, 'fiori d'arancio' tra iper e centro storico. 300 mila euro da via Punta di Ferro

Forlì, 'fiori d'arancio' tra iper e centro storico. 300 mila euro da via Punta di Ferro

Forlì, 'fiori d'arancio' tra iper e centro storico. 300 mila euro da via Punta di Ferro

FORLI' - Una sorta di matrimonio celebrato in Comune tra iper e centro storico. E' stato firmato venerdì il "Patto territoriale per lo sviluppo ed il consolidamento armonico del centro storico e per la qualità del lavoro". Dietro a questo lungo nome diverse novità. La prima che salta agli occhi è che le società Punta di Ferro srl e Sgi srl (in poche parole centro commerciale e E. Leclerc Conad) hanno preso l'impegno di versare al Comune 100mila euro all'anno, per 3 anni.

 

>SONDAGGIO, ANDRAI ALL'IPER?

 

>LE IMMAGINI DELLA FIRMA DEL PATTO

 

Questi soldi andranno a creare un fondo, già dal 2011, che sarà esclusivamente utilizzato per la promozione del centro storico. Questi 300mila euro esulano dal piano di compensazione già previsto nella concessione comunale all'iper, stabilito quindi dalla giunta Masini, per un valore di 1 milione 250 mila euro. Il piano prevedeva soprattutto la realizzazione di parcheggi. Il denaro è per ora fermo in attesa di nuove indicazioni sul Patto di stabilità

 

"Questa è una delle giornate più importanti da quando sono Sindaco", ha affermato il primo cittadino forlivese, Roberto Balzani, nel descrivere una "delicata operazione che rappresenta un grande successo per tutta la comunità dei forlivesi". Il patto è stato firmato, oltre che dal Comune, da Confcommercio Forlì, Confesercenti Forlì, Confartigianato Forlì, Cna Forlì-Cesena, Cgil e Filcams Forlì, Cisl e Fisascat Forlì, Uil e Uiltucs Forlì, Punta di Ferro srl e Sgi srl. "L'obiettivo di questa intesa è lo sviluppo equilibrato della rete distributiva, che nel giro di pochi giorni, si arricchirà di un nuovo elemento - ha precisato l'assessore comunale, Maria Maltoni - abbiamo collegato il valore del centro storico, come attrattiva per cittadini e turisti, alla qualità del lavoro ed alla conciliazione".

 

Nel patto è previsto anche l'arrivo fisico del Comune all'interno del centro commerciale Puntadiferro, con uno spazio a disposizione per la valorizzazione di iniziative e come punto informativo sulla conciliazione tra lavoro e vita familiare. Questo spazio, che ancora deve essere ritagliato nella superficie dell'iper, verrà aperto a seconda delle esigenze.

 

Altro punto fondamentale del patto riguarda, a seguito di accordi raggiunti tra lavoratori, associazioni del commercio e sindacati, sulla regolamentazione dei turni di lavoro, nel rispetto dei principi di volontarietà, rotazione, riposi e maggiorazione salariale, un ampliamento del periodo in cui Forlì viene considerata città turistica, ovvero un aumento degli orari di apertura, che si aggiungerebbe alle 8 domeniche di apertura in deroga. La richiesta, che per ora è stata solamente inoltrata alla Regione, prevede il passaggio da 4 a 7 mesi, per il centro storico, e a 3 mesi per il resto della città. Rimane l'obbligo di chiusura per le festività inderogabili civili e religiose. Quello infrasettimanale era già stato eliminato in precedenza.

 

La destinazione dei 100 mila euro annui che arrivano per il centro storico verrà decisa in concertazione con tutti i soggetti firmatari del patto. Le azioni verranno messe nero su bianco ed allegate al piano per il centro storico, che dovrebbe essere pronto all'inizio di maggio, dopo 2 passaggi in consiglio comunale. Il Comune farà, per così dire, da controllore, convocando annualmente i firmatari del patto.

 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Chiara Fabbri


Forlì, 'fiori d'arancio' tra iper e centro storico. 300 mila euro da via Punta di Ferro

Commenti (8)

  • Avatar anonimo di Lepidus
    Lepidus

    @signorG: i 7.000 aggiuntivi sono stati remunerati con 1 milione e 250 mila euro di opere compensative. Questi 100mila euro ti paiono pochi? Quanti ne cacciano di tasca loro i commercianti del centro per Forlì nel cuore? Ah sì, 200 euro a testa... ma fatemi il piacere!

  • Avatar anonimo di signorG
    signorG

    è una farsa. il centro commerciale doveva essere di 14.000 mq. sono 21.000. i 7.000 aggiuntivi come sono stati remunerati al comune? non certo con solo 300.000 euro. è doveroso che al centro si dia spazio e interesse... i discorsi come quelli di @rmy fanno rabbrividire. mettiamola così, il concetto è esattamente il medesimo: tutti gli anziani non autosufficienti li lasciamo morire abbandonati a loro stessi o li aiutiamo? o vogliamo nascondere il problema del centro (che non hanno creato i commercianti ma anni e anni di amministrazioni incapaci su questo tema) sotto il tappeto? cosa vogliamo lasciare ai nostri figli? una magnifica struttura dove dimenticarci i nostri pensieri quotidiani o un pezzo di città che è la nostra memoria e se non interveniamo non lo sarà più per i nostri figli? riusciamo ad intravedere le ricadute che certe decisioni hanno sul territorio e sulla comunità oppure ragioniamo giorno per giorno accontentandoci oggi dell'iper e domani di chissà quale altra soluzione posticcia?

  • Avatar anonimo di R_I_C_K_
    R_I_C_K_

    concordo con çrmy..è solo uno specchietto per le allodole questa iniziativa, chiamiamola cosi, di Conad...io spero solo che questa città si risollevi in fretta nell'economia in generale...ma tanto stanno tutti a guardare che avanza la cancrena mentre altre realtà virtuose vanno avanti...mi spiace per il centro di forlì...era uno dei piu belli della regione...ormai è il peggiore

  • Avatar anonimo di remigio
    remigio

    che ne faranno di questi 300.000 euro? sarebbe gradita una documentazione rigorosa di come verranno spesi, quando saranno versati! speriamo in cose utili ai commercianti del centro storico!!!!!!in bocca al lupo remigio filippone

  • Avatar anonimo di J. Dorian
    J. Dorian

    In generale molto belle le foto, anche se la luce alle spalle non aiuta il pur bravissimo fotografo. Solo tre osservazioni. 1) Il tutto fa un po' "contratto con gli italiani", ma va bene lo stesso. Ottima l'iniziativa ! 2) Qualcuno dica al signore della foto 11 che gli anni '70 sono finiti da un po' (purtroppo !). 3) APOTEOSI nella foto 7 !!!! Lì c'è amore vero, l'avete notato anche voi ? (Aiutino: angolo n alto a destra)

  • Avatar anonimo di stefanelli
    stefanelli

    Bravo anche il Sindaco che è riuscito ad ottenere 100.000 per tre anni e uno spazio come punto informativo per il comune.

  • Avatar anonimo di L'uomo qualunque
    L'uomo qualunque

    Complimenti a CONAD per l'iniziativa, anche se potevano dare qualche soldino in più, visti i notevoli incassi che realizzeranno prossimamente.

  • Avatar anonimo di Lepidus
    Lepidus

    Finalmente risorse certe per il centro storico! Ora sta ai commercianti dimostrare di avere la fantasia e la voglia di competere.

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -