FORLI' - Grazie all’Ausl di Forlì, una albanese di 7 anni è tornata a camminare

FORLI' - Grazie all’Ausl di Forlì, una albanese di 7 anni è tornata a camminare

FORLI’ - Alketa ora può finalmente giocare coi suoi amici. Per la prima volta nella sua vita, la bambina albanese di sette anni operata in dicembre dal dottor Francesco Lijoi, direttore dell’U.O. di Ortopedia-Traumatologia dell’Ausl di Forlì e dai suoi collaboratori, per una grave malformazione agli arti inferiori (piedi torto congeniti) ha iniziato a camminare. Grazie al buon esito dell’intervento chirurgico e al lavoro compiuto dall’equipe delle U.O. di Ortopedia e Pediatria, la piccola ha adesso la possibilità di muoversi in maniera autonoma, senza bisogno di ausili o bastoni. Certo i movimenti sono ancora un po’ meccanici, ma col tempo Alketa potrà condurre un’esistenza normale.


La bambina è stata portata in Italia in dicembre dal dottor Germano Pestelli, direttore del Dipartimento area medica non acuta e riabilitazione, nonché dell’U.O. di recupero e rieducazione funzionale dell’Ausl di Forlì, il quale l’aveva conosciuta durante una delle sue missioni periodiche in Albania, nell’ambito programma di collaborazione tra l’Azienda Usl e l’Ospedale Regionale di Scutari. «Per curarla – spiega Pestelli – abbiamo usufruito dell’apposito fondo stanziato dalla Regione Emilia-Romagna per il trattamento di pazienti stranieri».


L’operazione, assai complessa, è stata effettuata dal dottor Francesco Lijoi e dalla sua equipe il 19 dicembre dello scorso anno. «La bambina presentava una grave situazione di piedi torti congeniti – spiega Lijoi - vale a dire che la pianta guardava all’interno, impedendole di camminare, se non appoggiandosi completamente sull’esterno. Si tratta di una patologia in sé abbastanza diffusa, ma raramente si osservano casi di grado così elevato. Con l’intervento abbiamo riportato i piedi al loro normale assetto, effettuando poi una serie di gessi per mantenere la correzione fino a stabilizzazione della stessa». Gli ultimi sono stati tolti una decina di giorni fa, quando è iniziato il lavoro di riabilitazione. Grazie a scarpette correttive donate dall’azienda Adjutor di Forlimpopoli e assistita dai professionisti delle U.O. di Ortopedia e Pediatria, la bimba ha così imparato per la prima volta nella sua vita a camminare con le proprie gambe. «L’ottimo risultato raggiunto – commenta il dottor Pestelli – conferma come la nostra Azienda sia sensibile a quanti hanno bisogno di cure e assistenza, che siano italiani o stranieri. Un grazie particolare alla professoressa Paola Dallacasa, direttrice del’U.O. di Pediatria, e ai suoi collaboratori, per l’umanità con cui hanno trattato Alketa».

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

La piccola albanese si trova ancora a Forlì per continuare il percorso riabilitativo e dovrà sottoporsi nelle prossime settimane a un delicato intervento agli occhi.



Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -