FORLI' - I prodotti del territorio nelle mense locali

FORLI' - I prodotti del territorio nelle mense locali

FORLI’ - L’Assessorato alle Politiche Agroalimentari della Provincia di Forlì-Cesena ha aperto una manifestazione di interesse per creare una lista di imprese agricole, artigiane e cooperative del settore agro-alimentare al fine da garantire le forniture di prodotti di qualità (biologico, DOP, IGP, tipici e tradizionali) alla ristorazione collettiva del territorio provinciale. I Comuni ed i gestori delle mense potranno scegliere i fornitori di prodotti di qualità fra le aziende locali per forniture fino ad un importo di 211 mila Euro (in base alle norme comunitarie per la fornitura di servizi).


“I bambini delle nostre scuole potranno così gustare i prodotti del territorio e capire ed apprezzarne la stagionalità”, afferma l’Assessore Gian Luca Bagnara. “Si investono risorse umane e finanziarie per fare educazione alimentare, ma se l’informazione non è poi accompagnata dalla possibilità anche di scegliere il prodotto, gli stessi ragazzi si sentono presi in giro. Questo è stato lo spirito con cui, un paio di anni fa, si è avviato il progetto pilota Frutta Snack, con i distributori di frutta fresca nelle scuole, ed ora, con questo strumento, si apre la vera e propria possibilità di chiudere la filiera dei prodotti del territorio nelle mense locali (scuole, ospedali, case di riposo, ecc.)”.


Oltre ai criteri di qualità richiesti dalla legge, le aziende che si vorranno accreditare dovranno dotarsi delle procedure di “tracciabilità di origine del territorio” e “certificazione etica” entrambe messe a punto da L’Altra Romagna nell’ambito del programma comunitario Leader+, per garantire l’origine del prodotto. La lista resterà aperta ed aggiornata ogni 6 mesi a partire dal 30 giugno 2007 fino al 30 dicembre 2011. Le domande saranno valutate da specifica Commissione tecnica mista (formata da rappresentanti della Provincia, delle Associazioni Agricole del Tavolo Verde Provinciale e da un rappresentante dell’Altra Romagna). La Commissione avrà la facoltà di verificare le documentazioni ed ispezionare le singole aziende.

Questo sistema sarà integrativo all’attuale modalità di fornitura delle mense, dando così l’opportunità di creare un segmento di qualità alimentare collegato direttamente alle imprese del territorio.


“Stavamo infatti vivendo un paradosso”, prosegue Gian Luca Bagnara. “Ad esempio, per poter gustare la carne bovina romagnola nelle mense scolastiche, così come nel resto della ristorazione collettiva, siamo costretti ad andare a Roma: le nostre aziende forniscono infatti le mense del Comune di Roma ma non le nostre. Ora possiamo chiudere la cosiddetta filiera breve produttore-consumatore sul nostro territorio”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il bando per la manifestazione di interesse sarà pubblicato nei prossimi giorni nel sito della Provincia di Forlì-Cesena: www.provincia.fc.it/agricoltura/ per essere visionato e scaricato .


Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -