FORLI' - 'Mamma Ebe' condannata a 7 anni

FORLI' - 'Mamma Ebe' condannata a 7 anni

FORLI' - Sette anni di reclusione. E’ la condanna decisa mercoledì pomeriggio dal Tribunale di Forlì per la ‘santona’ cesenate ‘Mamma Ebe’, all'anagrafe Gigliola Giorgini. Per gli altri 15 imputati, pene da sei anni (per il medico Mauro Martelli, che prescriveva le ricette di psicofarmaci) fino all' assoluzione per prescrizione dei reati. La sentenza riconosce i reati di truffa ed esercizio abusivo della professione medica, con l'aggravante dell'associazione a delinquere. I difensori hanno già preannunciato appello.


Il pubblico ministero, Filippo Santangelo, aveva chiesto per la ‘guaritrice’ dieci di carcere. Le accuse sono di associazione a delinquere, esercizio abusivo della professione medica, somministrazione di medicinali pericolosi, falso ideologico in ricetta, truffa ai danni dell'Ausl di Cesena, sequestro e maltrattamenti di bambini. I difensori hanno già preannunciato appello. La Corte presieduta da Orazio Pescatore ha disposto per Gabriele Casotto, marito della ‘santona’, la trasmissione degli atti al pm per valutare la sua posizione per quanto concerne l'ipotesi di ricettazione di medicinali e anabolizzanti.


UNDICI CONDANNE - Sono undici le condanne, che vanno dai nove mesi inflitti agli ‘autisti’ dell’organizzazione ai sei anni di reclusione per Martelli. Le pene più consistenti hanno riguardato il braccio destro di ‘Mamma Ebe’, la 55enne Marzia Biancalani (cinque anni e mezzo) e Letizia Guasti, 38 anni. Tre anni per Alessandro Parigi, marito della Biancalani e presidente dell’ “Opera di Gesù Misericordioso”. Nove imputati, tra cui la Giorgini, dovranno risarcire 35mila euro all'Ausl di Cesena che si è costituita parte civile del processo. Inoltre è stata disposta anche la confisca e la distruzione di tutti i medicinali, mentre le ricette sono state sequestrate.

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -